ProtoCycler: il sistema per riciclare gli scarti della stampa 3D

ProtoCycler: il sistema per riciclare gli scarti della stampa 3D

I materiali di scarto sono un tema molto sentito da parte di chi utilizza molto la stampa 3D: ProtoCycler si candida come sistema per riciclare in modo semplice supporti, scarti e basi per creare nuovi rocchetti di filamento

di Roberto Colombo pubblicata il , alle 15:31 nel canale Periferiche
 

Chiunque si avvicini alla stampa 3D si pone fin da subito la stessa domanda: cosa me ne faccio degli scarti utilizzati per creare basi di stampa e supporti? Posso riutilizzarli o riciclarli? Uno dei costi vivi della stampa 3D è infatti quello relativo all'acquisto del materiale di stampa (PLA o ABS) che di aggira sui 20/30€ al chilogrammo, ma che può anche salire in modo netto per l'acquisto di materiali particolari.

ProtoCycler è un progetto attualmente in crowdfunding su Indiegogo che punta a rispondere proprio a questo quesito. Non è l'unico nel suo genere, ma si candida ad essere uno dei più facili da utilizzare. Si tratta di un macchinario dotato di un trituratore manuale (a manovella) e di un sistema che fonde i trucioli e li estrude in un filamento standard per la stampa (diametro a scelta tra 1.75, 2.85, 3.00 millimetri) che viene arrotolato su un rocchetto direttamente utilizzabile sulle stampanti.

Il prezzo al momento è stimato in $799, ma il primo passo di funding per avere l'apparecchio era stato posto a $499, andato subito esaurito assieme a quello da $599. Si tratta di una cifra non bassa, ma è il capostipite di una serie di prodotti che sicuramente verrà in futuro. Inoltre per chi stampa molto potrebbe diventare un utile strumento per risparmiare sul lungo periodo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
gd350turbo27 Gennaio 2015, 16:28 #1

Una cosa per riciclare non può costare tanto, altrimenti perde il suo scopo...

con 800 $/€, se si riesce a spuntare un buon prezzo se ne prendono una 40ina di chili...

Per avere 40 chili di materiale da recuperare, se in via teorica ipotizziamo uno scarto del 20% occorre stampare 200 chili di materiale per arrivare al punto di pareggio !

Progetto sicuramente ecologico, ma di scarsa utilità.
!fazz27 Gennaio 2015, 16:46 #2
Originariamente inviato da: gd350turbo
Una cosa per riciclare non può costare tanto, altrimenti perde il suo scopo...

con 800 $/€, se si riesce a spuntare un buon prezzo se ne prendono una 40ina di chili...

Per avere 40 chili di materiale da recuperare, se in via teorica ipotizziamo uno scarto del 20% occorre stampare 200 chili di materiale per arrivare al punto di pareggio !

Progetto sicuramente ecologico, ma di scarsa utilità.


in verità è utile ma per un altro scopo, chissenefrega del reciclo degli scarti della stampa 3d la cosa importante è l'estrusore, mi compro la plastica in granuli a tipo 2€/kg o reciclo i tappi di plastica
andbad27 Gennaio 2015, 18:12 #3
Arrivano tardi. La prossima generazione di stampanti (alcune già si sono viste) sono alimentate a pellet/granuli con un estrusore alimentato da barra elicoidale.
In pratica è la stampante stessa a riciclare gli scarti

By(t)e
mik7727 Gennaio 2015, 21:58 #4
Originariamente inviato da: andbad
Arrivano tardi. La prossima generazione di stampanti (alcune già si sono viste) sono alimentate a pellet/granuli con un estrusore alimentato da barra elicoidale.
In pratica è la stampante stessa a riciclare gli scarti

By(t)e


ho sempre pensato che i rocchetti di plastica sono una tavanata in questo settore...
con i granuli hai la libertà di prendere il materiale di colore neutro e i vari master coloranti; poi basta un piccolo frantumatore per sminuzzare gli scarti e riutilizzarli nelle dosi più opportune.
Obazi27 Gennaio 2015, 22:06 #5
Non vendo una novità, esistono già filatrici come Le Filabot, Lyman extruder etc,questo arnese forse costa persino di più.

deanflame27 Gennaio 2015, 22:13 #6
costa troppo!
andbad28 Gennaio 2015, 10:06 #7
Originariamente inviato da: mik77
ho sempre pensato che i rocchetti di plastica sono una tavanata in questo settore...
con i granuli hai la libertà di prendere il materiale di colore neutro e i vari master coloranti; poi basta un piccolo frantumatore per sminuzzare gli scarti e riutilizzarli nelle dosi più opportune.


Ad oggi il filo è la cosa più affidabile, perché ti permette di dosare con precisione il materiale da depositare e, soprattutto, permette la ritrazione (per evitare l'oozing). Ho idea che i prossimi estrusori avranno un controllo elettronico sull'apertura e una tramoggia per l'alimentazione da pellet. Per lo meno farei così, io

By(t)e
andyschleck128 Gennaio 2015, 12:59 #8
Beh riciclare gli scarti è molto importante, chi ha già una stampante 3D conosce bene il problema.
Questo progetto è uno dei tanti che affrontano questa tematica, l'avevo già vista la settimana scorsa su http://www.stampa3d-forum.it/

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^