Con AiMesh ASUS estende la copertura dei propri router Wi-Fi

Con AiMesh ASUS estende la copertura dei propri router Wi-Fi

Grazie ad un aggiornamento firmware alcuni router ASUS acquistano supporto alla tecnologia AiMesh, con la quale gestire in modo intelligente e automatizzato due o più router collegati in Mesh tra di loro

di pubblicata il , alle 08:21 nel canale Periferiche
ASUS
 

All'interno di un ambiente, sia d'abitazione come di ufficio, la copertura del segnale Wi-Fi non è mai costante spostandosi lungo la sua superficie. La presenza di pareti, e la loro eventuale differente consistenza, unita alla distanza dalle antenne di trasmissione e agli elementi di arredo portano ad un impatto negativo sul segnale WiFi e quindi sulla velocità con la quale i dispositivi posso trasmettere e ricevere dati. Per ovviare a questa limitazione è possibile estendere la copertura WiFi in varie modalità, tra le quali la creazione di una rete Mesh è in genere quella preferibile.

In cosa consiste una rete Mesh? Utilizzando due o più access point WiFi è possibile configurarne il funzionamento non in modo indipendente, ma collegato tra di loro: i router o access point gestiranno il segnale in funzione della distanza del dispositivi (uno smartphone, il notebook o qualsiasi altro device collegato via WiFi) senza necessità di rieseguire il collegamento alla rete WiFi in quanto l'SSID viene mantenuto invariato tra i dispositivi.

Grazie ad alcuni aggiornamenti nei firmware dei propri router ASUS ha implementato la propria tecnologia AiMesh, nome che lascia chiaramente intendere come si tratti del supporto a configurazioni di tipo Mesh. L'implementazione sviluppata da ASUS differisce però da quella standard adottata dai produttori di router e access point per creare reti Mesh. In primo luogo, AiMesh è disponibile gratuitamente per alcuni router ASUS in commercio grazie ad un aggiornamento del firmware: per questo motivo non è richiesto necessariamente di utilizzare router identici tra di loro, ma si possono abbinare router ASUS già in possesso (a condizione che il firmware sia aggiornato) con altri appena acquistati.

Le altre differenze riguardano la possibilità di creare una singola rete WiFi con un SSID oppure una configurazione con più SSID: quest'ultima opzione è interessante nel momento in cui si vogliano rendere disponibili reti differenti con gli stessi dispositivi di accesso, vincolando l'utilizzo di una o dell'altra a seconda del dispositivo. Un esempio è la creazione di un SSID privato, con accesso protetto, affiancato da uno di tipo Guest ad accesso libero con velocità di trasmissione limitata.

Il collegamento tra i vari access point della rete avviene in modo automatico, sfruttando un eventuale collegamento via cavo tra di loro se presente oppure gestendo le bande a 2,4 GHz e 5 GHz a seconda della distanza e della qualità di trasmissione. Utilizzando router tri-band una delle due bande a 5 GHz verrà dedicata in modo specifico alle trasmissioni tra i router, evitando quindi che il segnale di collegamento tra i dispositivi e il router venga sfruttato anche per le comunicazioni tra i router.

L'operazione di configurazione della rete AiMesh è molto semplice: da pannello di controllo del router se ne seleziona la modalità, che prevede di default anche quella AiMesh Router quale alternativa a quella AiMesh Node. E' necessario utilizzare il router ASUS più evoluto tra quelli in possesso configurandolo come punto di accesso principale, oltre che dispositivo che sarà poi fisicamente chiamato a gestire il collegamento con il provider internet. Completata la configurazione del router primario sarà necessario configurare gli altri router come nodi della rete AiMesh, anche in questo caso assicurandosi di aver installato la versione di firmware più recente tra quelle disponibili.

ASUS offre la tecnologia AiMesh con i modelli RT-AC1900, RT-AC68U, RT-AC86U e RT-AC88U; prossimamente verranno resi disponibili aggiornamenti del firmware anche per i modelli di router ROG Rapture GT-AC5300 e RT-AC5300.

Abbiamo provato la modalità AiMesh utilizzando due router ASUS RT-AC86U, configurando la modalità AiMesh direttamente da interfaccia di amministrazione ad accesso via browser. Una volta aggiornato il firmware dei due dispositivi con l'ultimo disponibile, dotato del supporto AiMesh, il setup della rete ha richiesto pochi minuti di tempo: è sempre necessario in questi casi valutare al meglio la posizione scelta per i dispositivi all'interno dell'ambiente, così che il segnale delle loro antenne sia tale da coprire la superficie nel modo migliore e contestualmente anche assicurare una elevata qualità del segnale tra i router utilizzati.

In molti casi un router di potenza adeguata è più che sufficiente ad assicurare una adeguata copertura del segnale all'interno dell'ambiente domestico o dell'ufficio, ma quando le necessità di velocità di trasmissione o l'estensione in superficie lo richiedono utilizzare un approccio di tipo Mesh rappresenta la scelta preferibile. Grazie ad aggiornamenti nel firmware ASUS implementa nei propri prodotti router AiMesh, semplificando la configurazione ed estendendo le modalità di utilizzo di router già in possesso degli utenti senza costringerli necessariamente ad abbandonare il proprio router per acquistarne uno ex novo dotato di supporto a reti Mesh.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Nautilu$07 Maggio 2018, 09:43 #1
Io seguito a chiedermi: ma chi ha 2 router dentro casa?.... perché dovrebbe averne 2?
jepessen07 Maggio 2018, 10:00 #2
Originariamente inviato da: Nautilu$
Io seguito a chiedermi: ma chi ha 2 router dentro casa?.... perché dovrebbe averne 2?


Potresti avere una casa a piu' piani, e le antenne non sono omnidirezionali quindi tengono ad avere un segnale piu' forte nella loro direzione trasversale, quindi nella maggior parte dei casi in orizzontale. Potresti avere un giardino dove il segnale non arriva bene perche' schermato dalle mura quindi occorre un router vicino la finestra, ma la presa sta da un'altra parte.
Potresti voler condividere il tuo abbonamento in fibra con tua figlia che ha l'appartamento sopra casa tua, e si evita di avere due abbonamenti distinti..

Insomma, di esempi ce ne sono, anche se chi ha un bilocale di certo non ne sente la necessita'....
thresher325307 Maggio 2018, 10:06 #3
Originariamente inviato da: Nautilu$
Io seguito a chiedermi: ma chi ha 2 router dentro casa?.... perché dovrebbe averne 2?


Un sacco di gente apparentemente. Se la qualità é quella fornita dai modem TIM e Infostrada in comodato d'uso non li biasimo nemmeno, la scatola di scarpe della TIM già prende molto male se porto il telefono in camera mia.
Rubberick07 Maggio 2018, 10:10 #4
Non ho capito una cosa ma sto Air Mesh.. cosa cambia rispetto ad una modalità classica di repeater, bridge etc che ci si fa in casa ?

Anche usando router e ap di marche diverse ??
aqua8407 Maggio 2018, 10:26 #5
a me è venuto subito in mente iMesh, il programma "simile" a eMule... poi vedendo anche un commento da Rubberick con quell'avatar...
Nautilu$07 Maggio 2018, 18:57 #6
Originariamente inviato da: jepessen
Potresti avere una casa a piu' piani, e le antenne non sono omnidirezionali quindi tengono ad avere un segnale piu' forte nella loro direzione trasversale, quindi nella maggior parte dei casi in orizzontale. Potresti avere un giardino dove il segnale non arriva bene perche' schermato dalle mura quindi occorre un router vicino la finestra, ma la presa sta da un'altra parte.
Potresti voler condividere il tuo abbonamento in fibra con tua figlia che ha l'appartamento sopra casa tua, e si evita di avere due abbonamenti distinti..

Insomma, di esempi ce ne sono, anche se chi ha un bilocale di certo non ne sente la necessita'....


io ho una casa a 3 piani , uso un ripetitore che ha 2 antenne omnidirezionali ...... non vedo ancora il motivo migliore di usare un 2° router.
Se uso un 2° router, deve essere comunque collegato cablato al primo no? quindi? A quel punto uso la rete cablata e amen!
gsorrentino07 Maggio 2018, 20:24 #7
Originariamente inviato da: Nautilu$
io ho una casa a 3 piani , uso un ripetitore che ha 2 antenne omnidirezionali ...... non vedo ancora il motivo migliore di usare un 2° router.
Se uso un 2° router, deve essere comunque collegato cablato al primo no? quindi? A quel punto uso la rete cablata e amen!


No, molti router possono essere configurati come AP o Repeater.

La necessità delle reti Mesh nasce da un discorso di affidabilità e funzionalità.
Faccio un esempio:

Ho un router a cui ho collegato 2 repeater per coprire la casa.
Se li configuro in cascata sul secondo repeater ho 1/4 della banda del wifi del router. Se li collego direttamente avrò comunque la metà.
Inoltre non è scontato che il mio dispositivo agganci sempre quello con più segnale.

Nel funzionamento mesh si crea una rete di dispositivi wireless che instradano il traffico tra di loro nella maniera ottimale, facendo si che i dispositivi vengano bilanciati in modo da avere sempre più banda possibile.
Inoltre i dispositivi escludono automaticamente un elemento della rete che non funziona.

I dispositivi nati mesh hanno in più una terza radio di bordo con cui parlano tra di loro in modo da fornire sempre la massima banda. In più utilizzano il beamforming per permettere di rispondere al dispositivo con il satellite meglio posizionato in quell'istante. Praticamente in una rete mesh se ti muovi può accadere che la tua richiesta vada ad un dispositivo ma ti risponda un altro meglio posizionato rispetto a te.

E' chiaro che con una tecnologia simile l'obiettivo è di avere un router e una serie di satelliti sparsi per la casa in modo da creare una bolla che copra tutta la casa.
david-107 Maggio 2018, 21:15 #8
Guardate, dopo tanti soldi spesi in vari tentativi, ho smesso di bestemmiare il 7 aprile 2018.... quando ho comprato un kit di 3 Linksys Velop, anche se poi a conti fatti ne sarebbero bastati 2.
Io li ho collegati via cavo anche se sono stati progettati per collegarsi tra loro via wifi.
Bon, adesso ho segnale strepitoso in ogni angolo remoto della casa: mi muovo con cellulare, tablet o notebook scaricando e passo automaticamente da una antenna all'altra senza accorgermi, fanno tutto loro, come gestiscono pure se connettermi a 2,4 o 5 GHz, dipendendo da dove sono.
Penso di non essere mai stato più soddisfatto di un prodotto di networking....

https://www.linksys.com/us/velop/

.
idrive7207 Maggio 2018, 21:40 #9
Sono un installatore e mi è capitato diverse volte di utilizzare la tecnologia mesh.
Devo dire però che mi sono trovato molto bene con gli ubiquiti, che sono economici ed affidabili al contrario di altri brand.
david-107 Maggio 2018, 21:49 #10
Originariamente inviato da: idrive72
Sono un installatore e mi è capitato diverse volte di utilizzare la tecnologia mesh.
Devo dire però che mi sono trovato molto bene con gli ubiquiti, che sono economici ed affidabili al contrario di altri brand.


Erano la mia prima scelta, ma poi ho ripiegato su Velop perchè ho letto che gli Ubiquiti non sono molto intuitivi da installare... che dici?
I Velop sono facili da paura, l'app sul cellulare fa tutto e io non ho grandi competenze in networking fuori dal "comune"

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^