In arrivo le batterie "stampabili"?

In arrivo le batterie "stampabili"?

Grazie ai nanotubi di carbonio è possibile realizzare batterie sottilissime che possono essere letteralmente stampate su qualunque superficie

di Andrea Bai pubblicata il , alle 12:18 nel canale Multimedia
 

Presso la University of California è stata condotta una dimostrazione della possibilità di realizzare batterie sottilissime che possono essere letteralmente "stampate" su qualunque superficie, diventando così una possibile soluzione per quanto riguarda l'alimentazione di dispositivi elettronici di piccole dimensioni, come trasmettitori RFID o piccoli display.

George Gruner, responsabile del progetto, ha approntato infatti una particolare batteria costituita da tre diversi strati: due caratterizzati dalla presenza di nanotubi di carbonio e uno contenente zinco. In virtù dei materiali impiegati, dal punto di vista chimico queste particolari batterie sono di fatto identiche alle normali pile non ricaricabili presenti sul mercato. Lo spessore complessivo è inferiore al millimetro.

Uno strato di nanotubi di carbonio, denominato "nanotube ink" (inchiostro di nanotubi) è depositato su di una superficie ed assume la funzione di collettore di carica. Al di sopra di esso viene disposto un altro strato di nanotubi di carbonio con aggiunta di ossido di manganese ed elettroliti ed infine un ulteriore strato di zinco viene collocato al di sopra di questi. "Si tratta di batterie simili alle soluzioni convenzionali con una rete di strutture nanoscopiche che rimpiazzano i tradizionali elementi metallici e gli elettrodi" sono state le parole di Gruner.

Un aspetto importante è rappresentato dal fatto che la realizzazione di queste batterie avviene a temperatura ambiente, il che consente di poter avviare la produzione su larga scala semplicemente utilizzando le tecnologie produttive già esistenti.

Si tratta solamente di uno stadio iniziale del progetto, dal momento che la soluzione dimostrata è in grado di produrre energie e potenze piuttosto contenute. La tecnica consente inoltre, almeno sul piano teorico, la produzione di superconduttori ed il gruppo di ricerca è ora al lavoro per progettare un modo che consenta di interconnettere due o più batterie tra loro per quegli impieghi che richiedono maggiore energia e potenza.

Fonte: NewScientistTech

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

18 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
BrightSoul19 Novembre 2007, 12:25 #1
Interessante prospettiva, ma lo strato "sottilissimo" immagino che sia anche "fragilissimo". Cosa impedirà ai nanotubi di liberarsi nell'aere? Ricordo da un'altra notizia che sono dannosi per la salute, se respirati.
axias4119 Novembre 2007, 12:47 #2
Originariamente inviato da: BrightSoul
Interessante prospettiva, ma lo strato "sottilissimo" immagino che sia anche "fragilissimo". Cosa impedirà ai nanotubi di liberarsi nell'aere? Ricordo da un'altra notizia che sono dannosi per la salute, se respirati.


Se coprissimo i nanotubi con uno strato di resina? Ci sono già migliaia di sostanze più o meno dannose dannose disciolte nell'aria. Tempo fa dalle mie parti c'è stato l'incendio della fabbrica di una nota azienda di elettrodomestici, quanto materiale plastico è bruciato e i fumi finiti in mezza provincia?
pierluigi8619 Novembre 2007, 13:02 #3
era la de lonxxx? dalle mie parti invece c'è un magazzino abbandonato dove fanno lo stoccaggio dell' amianto. Il paese ha fatto ricorso all' asl ma in 2 anni non è successo nulla.
Staffilo197519 Novembre 2007, 13:10 #4

Solo per curiosità...

... si sa quanto erogano questi prototipi?
col Cyber19 Novembre 2007, 13:32 #5
Che pessimisti =)
è un prototipo ancora
+Benito+19 Novembre 2007, 13:45 #6
e tutti a buttarle via come niente fosse appena sono scariche....
LucaC8219 Novembre 2007, 14:02 #7
Una tecnologia ultra-costosa altro che... come se i nanotubi si facessero a gratis... poi scusate, servono solo per interconnessione??? Non ho proprio capito... una bella deposizione di alluminio evaporato non fa la stessa cosa? Mah...

Magari se trovo qualche dettaglio in più potrò capire...
CarloR1t19 Novembre 2007, 14:10 #8
Non proprio gratis ma quasi e non è il solo campo di applicazione...
http://www.nanosolar.com
bs8219 Novembre 2007, 14:20 #9

LOL

nanotubi di carbonio e zinco....

ehehhehehhe


pile allo zinco carbone in veste moderna


MAH!!!!!!
demon7719 Novembre 2007, 14:26 #10
I nanotubi saranno pure nocivi.. ma non più nocivi di una qualsiasi delle polveri sottili che respiriamo quotidianamente..

Direi che il problema di quelli chew si disperdono nell'aria è marginale.. piuttosto direi che va male se le pile non sono ricaricabili!!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^