Una nuova fabbrica di memorie per Micro e Intel

Una nuova fabbrica di memorie per Micro e Intel

L'obiettivo della joint venture tra le due aziende è la costruzione di memorie Flash con tecnologia produttiva a 50 nanometri

di pubblicata il , alle 10:06 nel canale Memorie
Intel
 

Intel e Micro Technology hanno annunciato che IM Flash Technologies, joint venture stipulata tra queste due aziende, abbia avviato i processi per la costruzione di una nuova fabbrica per la costruzione di memorie Flash, situata a Singapore.

La joint venture tra le due aziende mira a diventare uno dei principali produttori di memorie NAND flash. L'obiettivo è quello di costruire una nuova fabbrica ogni anno, così da far fronte alla crescente domanda di mercato per questi dispositivi.

La joint venture tra Intel e Micron è stata stipulata lo scorso mese di Gennaio; da quel momento la collaborazione ha dato il via alla costruzione di una fabbrica produttiva di memorie NAND Flash negli stati nord americani di Virginia e Utah, entrambe basate sull'utilizzo di Wafer da 300 millimetri di diametro. A queste 2 fabbriche si aggiunge una terza in Idaho, attualmente in piena produzione.

La nuova fabbrica, la quarta di questa serie, sarà basata a Singapore e vedrà l'utilizzo di Wafer da 300 millimetri di diametro, in abbinamento alla tecnologia produttiva a 50 nanometri. L'obiettivo delle due aziende è quello di avviare la produzione in volumi con tale tecnologia entro la seconda metà del 2008.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Il Capitano07 Novembre 2006, 10:43 #1
Caspita, non si fermano piu' Ne hanno di capitali
M@n07 Novembre 2006, 11:06 #2
piccolo refuso, e' Micro o Micron?
kralin07 Novembre 2006, 12:19 #3
Micron, si sta ingradendo molto hanno uno stabilimento nella mia città. faranno pure concorrenza a intel per chip da 45nm.
waccos07 Novembre 2006, 13:00 #4

Fiuto per gli affari...

Con l'aumento della domanda di memoria nand flash che si è verificata in questi periodi, la prospettiva di avere hardisk a stato solido nel futuro,questa mi sembra una mossa davvero azzeccata...e bravi...concorrenza a samsung????
M@n07 Novembre 2006, 14:29 #5
Originariamente inviato da: kralin
Micron, si sta ingradendo molto hanno uno stabilimento nella mia città. faranno pure concorrenza a intel per chip da 45nm.

Avezzano?
Ho il fab qui di fronte a me..
Volf08 Novembre 2006, 11:14 #6
Diciamo che Micron Technology non farà mai concorrenza all'Intel (ha già troppo da fare per combattere la samsung) ma con essa ha aperto una join venture in america (Lehi).
Il fatto che sta' racimolando soldi per Singapore, francamente, non mi sembra positivo per l'Italia dato che lo stabilimento italiano è oramai datato (15 anni, che per il settore semiconduttori è un'eternità.
Di capitali ne hanno, si, ma ne vorrebbero ancor di più e per tale motivo hanno cambiato la loro politica sociale in Italia.
Nel '95 la Micron Technology acquista dalla Texas Instruments lo stabilimento avezzanese ma rifiuta qualsiasi aiuto da parte dello stato (per non esserne legata socialmente). Ultimamente, invece, l'azienda va pomposamente vantando il proprio intrecciarsi nel tessuto sociale ingrandendo, tralaltro, la popolazione microniana (lasciatemi passare il temine). Questo può sembrare una buona cosa quando se gli investimenti per accrescere il "site" provengono sia dallo Stato che dall'azienda (casa madre di Boise) ma se arrivano messaggi di questo tipo (investimenti solo per Singapore) correlati da richieste di contribuzione che lo stato dovrebbe fare per mantenere la "realtà avezzanese" credo che converrete che la cosa puzzi un po' di ricatto sociale.
Dicaimocelo chiaro, la Micron Tecnology non è un ente di beneficenza e se già ha dato soldi per Avezzano ora li darà da qualche altra parte (dove la manodopera costa meno ed i sindacati sono pressocchè inensistenti).
luckil09 Novembre 2006, 21:27 #7
parli come uno che ci lavora dentro..... se è così dimmelo che siamo colleghi....

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^