Transmeta esce dal mercato dei processori

Transmeta esce dal mercato dei processori

Da oggi solo business legato alla cessione dei diritti d'uso per le proprietà intellettuali: niente più cpu direttamente in commercio

di pubblicata il , alle 12:36 nel canale Processori
 

Il sito web Ars Technica segnala, con questa notizia, come Transmeta abbia deciso di uscire dal mercato dei processori per quanto riguarda la vendita diretta dei propri processori Crusoe ed Efficeon, dedicandosi invece alla sola cessione delle licenze di utilizzo delle proprie proprietà intellettuali ad altri produttori.

Ala base di questa decisione vari problemi incontrati nella produzione dei processori Crusoe, in particolare per quanto riguarda la parte di costruzione di tali cpu. La conseguenza diretta è stata per Transmeta l'impossibilità di guadagnare quote di mercato nel segmento delle soluzioni a bassissimo consumo, lasciando progressivamente spazio ad Intel, già dal 2000, anno d'ingresso di questa azienda nel mercato.

E' da segnalare come tra Transmeta e Intel siano attualmente in corso due distinte azioni legali: la prima portata avanti da Transmeta per violazione di proprietà intellettuali da parte di Intel, e la seconda al contrario da Intel verso Transmeta

Le conseguenze dirette del cambio di attività saranno una riduzione del personale assunto di circa il 39%, con un risparmio annuo di costi quantificato in una cifra variabile tra i 17 e i 23 milioni di dollari USA. Una decisione di questo tipo da parte di Transmeta, del resto, è sembrata assolutamente senzata per quest'azienda: negli ultimi anni la maggior parte del fatturato è stata generata proprio dalla cessione delle licenze più che dalle vendite dirette di processori.

Di seguito link a precedenti notizie sulle questioni legali tra Transmeta e Intel:

Intel contrattacca e accusa Transmeta
Dopo le accuse di Transmeta portate in tribunale nel mese di ottobre, ecco che Intel risponde a sua volta con accuse di violazione di brevetto

Transmeta cita Intel per violazione di brevetti
Transmeta Corporation ha citato in giudizio Intel, accusandola di aver infranto dieci brevetti relativi ad altrettante tecnologie

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Hitman0407 Febbraio 2007, 12:56 #1
Una decisione di questo tipo da parte di Transmeta, del resto, è sembrata assolutamente senzata per quest'azienda

Paolo....ehm ehm...
vincino07 Febbraio 2007, 12:58 #2
Questa notizia da l'idea del monopolio che ha INTEL sul mercato dei processori. Che tristezza!
PsyCloud07 Febbraio 2007, 14:10 #3
ma i transmeta dove vengono implementati?
demon7707 Febbraio 2007, 14:25 #4
c'è da dire che allo stato attuale è veramente dura pensare di scavarsi una posizione tra Intel ed AMD...

Non solo per questioni di mercato ma anche tecniche: per garantire compatibilità e prestazioni decenti devi necessariamente "copiare" i prodotti intel e/o AMD violando automaticamente un sacco di brevetti!
Criceto07 Febbraio 2007, 14:31 #5
Originariamente inviato da: PsyCloud
ma i transmeta dove vengono implementati?


Credo che Trasmenta fosse un casa di chip "fabless". Cioè che non dispone di fabbrica propria ma si appoggia fonderie di terze parti (IBM ad esempio produce chip anche conto terzi, come molte fonderie coreane che sono tra le più importanti).
Criceto07 Febbraio 2007, 14:36 #6
Trasmeta, secondo me, era partita proprio in modo concettualmente sbagliato. Cioè pensare di porter avere prestazioni paragonabili ad un chip nativo (intel) attraverso un'EMULAZIONE SOFTWARE è folle.

Avranno anche inventato il miglior emulatore del mondo, ma un chip nativo fatto a regola d'arte (come poi Intel ha imparato a fare) sarà sempre e comunque superiore.

Avevano certo belle tecnologie, soprattutto per il contenimento dei consumi, ma l'approccio di applicarle ad un chip che ne emulava un'altro si è dimostrato (come era facilmente immaginabile) fallimentare.

Molto meglio, come ora, vendere le proprie tecnologie a Sony e compagni per migliorare chip originali esistenti.
freeeak07 Febbraio 2007, 14:37 #7
ma... è una notizia vecchia di quasi un anno
mitsuagi07 Febbraio 2007, 14:54 #8
Ma non lavora il creatore di Linux in sta ditta?
Mkl_2.007 Febbraio 2007, 14:55 #9
che fine hanno fatto i cyrix? lol
magilvia07 Febbraio 2007, 16:01 #10
c'è da dire che allo stato attuale è veramente dura pensare di scavarsi una posizione tra Intel ed AMD...

Già e speriamo che AMD riesca a controbattere ai core 2 e a tenersi la sua fetta di mercato altrimenti addio concorrenza...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^