Forti ripercussioni dal Coronavirus nel 2020 per il mercato dei semiconduttori

Forti ripercussioni dal Coronavirus nel 2020 per il mercato dei semiconduttori

C'è molta incertezza sull'andamento del mercato dei semiconduttori nel corso del 2020: pare ormai scontato attendersi una contrazione più o meno marcata quale diretto effetto della pandemia da COVID-19

di pubblicata il , alle 12:31 nel canale Processori
5GIoT
 

L'impatto della pandemia di COVID-19 sul mercato dei semiconduttori è destinata ad essere rilevante nel corso del 2020, ma con una incidenza che potrebbe essere differente a seconda della durata temporale dello stop ai viaggi e della quarantena imposta dai governi.

La più recente analisi formulata da IDC evidenzia come la pandemia abbia portato ad un clima di forte incertezza, in alcuni casi di panico, che non deve però influenzare le dinamiche di lungo periodo di quelle aziende impegnate nello sviluppo di nuove tecnologie. Proprio nell'ottica di una ripresa dell'attività economica internazionale lo sviluppo e la diffusione di tecnologie come 5G, Internet of Things e high-performance computing si rivelano essere fondamentali.

L'evoluzione dell'ultimo mese ha portato a rivalutare l'impatto sul mercato dei semiconduttori: le stime parlano di una probabilità dell'80% che si verifichi una contrazione del mercato nel corso del 2020, contro una precedente stima di crescita del 2% anno su anno.

Ciò nonostante, è possibile che l'industria nel complesso possa registrare un forte rimbalzo positivo alla crisi generata dal COVID-19 nel corso dell'anno, capace quantomeno di bilanciare in parte il calo della prima metà dell'anno. Le variabili in gioco sono però troppo numerose e varie a seconda di quale sia la regione globale che si osserva: per questo motivo è difficile al momento formulare stime più precise.

Secondo IDC il consenso generale è per una contrazione annuale del 6% nel settore dei semiconduttori; questo avverrà nel momento in cui le linee di produzione ritorneranno alla capacità storica a partire dall'estate, con un azzeramento dello stop nei viaggi e cancellazione delle quarantene. L'attuale contrazione della domanda di mercato e della produzione di componenti verrà progressivamente controbilanciata nel corso della seconda metà dell'anno, durante la quale si registrerà una crescita.

Verò è però che l'evoluzione della pandemia è ancora così repentina in questi giorni a livello globale che è difficile al momento riuscire a delineare un andamento che sia chiaro e univoco.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
nickname8822 Marzo 2020, 13:00 #1
Han trovato un altra scusa per alzare i prezzi ....
Quando la domanda è alta, si alzano i costi, quando la domanda è bassa si alzano lo stesso per mantenere inalterati le previsioni sugli incassi.
noppy122 Marzo 2020, 13:15 #2
ma si , tra qualche mese torneremo tutti normali a fregarsene del prossimo e a raccimolare soldi per il nuovo smartphone
RaZoR9322 Marzo 2020, 13:20 #3
Originariamente inviato da: nickname88
Han trovato un altra scusa per alzare i prezzi ....
Quando la domanda è alta, si alzano i costi, quando la domanda è bassa si alzano lo stesso per mantenere inalterati le previsioni sugli incassi.
Quando la domanda cala i prezzi collassano, specialmente per certi subsettori del mercato semiconduttori inelastici: NAND, DRAM in particolare.
Risultati netti di AMD, Nvidia e Micron calano notevolmente (nel caso di micron anche oltre -80%) nei ciclici downturn.
Resta da valutare quanto significativa sarà la variazione di domanda e l'eventuale taglio di produzione.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^