Buon successo commerciale per le CPU AMD della serie FX

Buon successo commerciale per le CPU AMD della serie FX

Il successo commerciale delle soluzioni AMD della famiglia FX, basate su architettura Bulldozer, sta spingendo verso la definitiva uscita dal mercato delle proposte Phenom II e Athlon II

di pubblicata il , alle 08:52 nel canale Processori
AMD
 

Nonostante il debutto sul mercato sia stato ben differente rispetto a quanto ci si poteva attendere, con recensioni che hanno evidenziato i limiti prestazionali soprattutto con applicazioni single threaded, le CPU AMD della famiglia FX sembrano essere diventate in breve tempo un best seller del mercato.

Questi processori, basati su architettura Bulldozer, trovano ambito di utilizzo ideale con quelle applicazioni che ne possono sfruttare la principale peculiarità tecnica, cioè la presenza di ben 8 core di processore. Un numero di core elevato, infatti, permette di bilanciare le prestazioni di ogni singolo core che sono inferiori, a parità di frequenza di clock, sia a quelle delle proposte concorrenti di Intel sia alle soluzioni.

Il successo commerciale delle soluzioni FX sembra generare dirette ripercusisoni sulle soluzioni AMD costruite ancora con tecnologia produttiva a 45 nanometri: ci riferiamo alle proposte delle serie Phenom II e Athlon II, per piattaforme socket AM3 e socket AM3+.

Queste CPU condividono con le proposte della serie FX; oltre che con le soluzioni APU della famiglia Llano, la sede produttiva: si tratta della fabbrica di Dresda, Germania, di proprietà di GlobalFoundries. La produzione a 32 nanometri, adottata per le CPU FX e per le APU Llano, deve venir bilanciata con quella a 45 nanometri: è pertanto evidente come sia AMD sia GlobalFoundries spingano verso una sempre maggiore produzione con tecnologia a 32 nanometri, anche per via della domanda di soluzioni Llano che si è rivelata essere superiore rispetto alla capacitò produttiva.

Per GlobalFoundries, in ogni caso, la produzione di chip AMD con tecnologia a 32 nanometri è operazione che si sta rivelando essere tutt'altro che semplice. In occasione dell'annuncio dei propri risultati finanziari del terzo trimestre 2011 AMD ha rimarcato come sia stata proprio la ridotta disponibilità di chip a 32 nanometri a limitare il fatturato di periodo, puntando il dito contro GlobalFoundries incapace di un output produttivo bilanciato alla domanda di AMD.

Vedremo, di conseguenza, sempre meno processori AMD della serie Phenom II e Athlon II disponibili in commercio, con una rapida migrazione di tutta a gamma di CPU verso proposte basate su tecnologia produttiva a 32 nanometri. A questo dobbiamo anche aggiungere il previsto debutto delle soluzioni APU basate su architettura Trinity, attese nel corso del secondo trimestre 2012.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

37 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Phenomenale07 Dicembre 2011, 09:02 #1
Menomale che gli FX vendono... soldi freschi per sviluppare e migliorare!!!
tecno78907 Dicembre 2011, 09:10 #2
questo non me l'aspettavo, buona notizia per amd che deve assolutamente investire quei soldi e sviluppare dei successori in grado di sostenere la concorrenza!
unnilennium07 Dicembre 2011, 09:17 #3
la cosa triste è che la migrazione da 45 a 32 nm non ha portato chissà quali guadagni di prestazione, le cpu a 45 infatti sono ancora richieste dal mercato, mantre quelle a 32 hanno sicuramente aspetti positivi dalla loro, ma la produzione fa schifo forte... non ne hanno abbastanza x rispondere alla domanda.... almeno llano è così, buldozzer non so...
leddlazarus07 Dicembre 2011, 09:32 #4
per la redazione

"Un numero di core elevato, infatti, permette di bilanciare le prestazioni di ogni singolo core che sono inferiori, a parità di frequenza di clock, sia a quelle delle proposte concorrenti di Intel sia alle soluzioni."

mi sa che manca un pezzo di frase.

mi sa che questa notizia sorprende in molti su questo forum.
ma sorpresa o no fa piacere.

pero' potrebbe essere solo una scelta per spostare la produzione sui 32 nm e abbandonare quella a 45.
birmarco07 Dicembre 2011, 09:41 #5
E' una notizia strana, da un lato mi fa piacere, così AMD non fallisce nel settore desktop, dall'altra mi pare strano preferire un FX-8000 ad un X6 1090T che costa il doppio e va più veloce di poco solo in alcuni ambiti, per il resto l'X6 è più veloce o pari. COnsuma anche meno l'X6
Kharot07 Dicembre 2011, 09:46 #6
Originariamente inviato da: birmarco
E' una notizia strana, da un lato mi fa piacere, così AMD non fallisce nel settore desktop, dall'altra mi pare strano preferire un FX-8000 ad un X6 1090T che costa il doppio e va più veloce di poco solo in alcuni ambiti, per il resto l'X6 è più veloce o pari. COnsuma anche meno l'X6


Quoto, da una parte è positivo perché la concorrenza è sempre un bene per noi consumatori, dall'altro mi chiedo come si fa a comprare una cpu che è un vero flop

EDIT: facendo una breve ricerca su trovaprezzi dell' 8150 ho trovato solamente 7 risultati e in uno dei migliori shop online costa la bellezza di 230€. Preferirlo ad un 2600k è roba solo da fanboy.
Probabilmente i risultati di cui parla l'articolo si riferiscono agli entry level di Buldozzer.
nardustyle07 Dicembre 2011, 09:49 #7
bene bene, da un punto di vista marketing bd non fà una piega, ha un nome aggressivo, 8 core, 4,2ghz di turbo .... tutti numeroni che servono a vendere, spero recuperino perfino un po di quota di mercato, purtroppo intel è quasi monopolista, servirebbe un miracolo per riprendere le redini di questo settore, comunque il silicio è alla frutta e amd ha un'ottima base di partenza, ora sta tutto nell'unire cpu e gpu, chissà di vedere queste "vision" presto, potrebbe essere una rivoluzione come x86-x64
ulk07 Dicembre 2011, 09:50 #8
Notizia bislacca, citate le fonti magarri.. immagino la stessa AMD...
Poi Amd punta il dinto contro GlobalCoso che non ha prodotto abbastanza CPU...
GabrySP07 Dicembre 2011, 09:55 #9
Originariamente inviato da: ulk
Notizia bislacca, citate le fonti magarri.. immagino la stessa AMD...
Poi Amd punta il dinto contro GlobalCoso che non ha prodotto abbastanza CPU...


La fonte della news è una slide powerpoint
FroZen07 Dicembre 2011, 10:04 #10
Sai com'è le cpu non crescono sotto i cavoli, se il tuo fornitore non te le costruisce cosa vendi? Ne è la prova il fatto che Apple abbia scartato le APU Llano anche sui Air in favore di SB molto meno bilanciato...............le bugie hanno le gambe corte, soprattutto quando sei di fronte agli azionisti percui questa dietrologia non ha senso......se non ci fosse AMD pagheresti un i7 base 500€....anzi, forse saremmo ancora ai core 2 duo........

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^