ATI e AMD: meno del previsto i posti tagliati

ATI e AMD: meno del previsto i posti tagliati

Non così elevati come inizialmente prospettate le riduzioni di organico, tra ATI e AMD, messe in atto a seguito dell'acquisizione

di pubblicata il , alle 15:21 nel canale Processori
ATIAMD
 

Con questo focus abbiamo segnalato, nei giorni scorsi, come l'acquisizione tra ATI e AMD sia ormai questione di pochi giorni: tutti gli organi competenti hanno di fatto dato il via libera, e la stragrande maggior parte degli azionisti ATI ha dato il proprio OK affinché l'acquisizione venga conclusa.

Negli ultimi giorni sono emerse voci di possibili licenziamenti di massa tra le fila di ATI e AMD, con una quantificazione di circa 2.000 unità divise in 1.200 in ATI e 800 circa in AMD.

The Inquirer segnala, a questo indirizzo, come siano emerse nuove informazioni che confermano i licenziamenti programmati, anche se ne riducono la portata. In ogni acquisizione di azienda è evidente come si vengano a creare alcune posizioni ridondanti con altre, e che questo implichi ovviamente la necessità di effettuare alcuni tagli.

Non si hanno informazioni più dettagliate circa il numero effettivo delle riduzioni di posto, ma tali dati dovrebbero venir progressivamente divulgati nel momento in cui l'acquisizione verrà completata nel corso delle prossime settimane. E' sicuro che in ATI il dipartimento che cura e sviluppa le soluzioni All In Wonder sia destinato a venir cancellato, e che molte posizioni legate alla parte amministrativa verranno spostate all'interno di AMD per ottimizzare i costi complessivi.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

83 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
LZar16 Ottobre 2006, 15:33 #1
Operano una fusione pesantissima finanziariamente, apportano tagli minimi del personale.... AMD ha grandi progetti in serbo
Truelies16 Ottobre 2006, 15:36 #2
Sperano mandino al diavolo qualche idiota di manager con tanto di macchinone al seguito...
Special16 Ottobre 2006, 15:36 #3
Ma come funziona, una società può alzarsi una mattina e dire "mando 1600 dipendeti a casa" così?
Korn16 Ottobre 2006, 15:39 #4
certo si chiama flessibilità
schizzobau16 Ottobre 2006, 15:44 #5
e succede ogni giorno





grazie, o classe dirigente manageriale
tommy78116 Ottobre 2006, 15:45 #6
certo che funziona così, quasi in ogni paese del mondo, siamo noi ad essere convinti del contrario e non ci accorgiamo che siamo un'anomalia.
JohnPetrucci16 Ottobre 2006, 15:52 #7
Originariamente inviato da: tommy781
certo che funziona così, quasi in ogni paese del mondo, siamo noi ad essere convinti del contrario e non ci accorgiamo che siamo un'anomalia.

Saremmo anche un'anomalia, ma abbiamo dimostrato di saper fare di peggio, sostituendo alla flessibilità lo sfruttamento, che spesso è pure in nero.
Di sicuro non saranno gli operai asiatici ad acquistare i prodotti che a noi occidentali vengono proposti a prezzi di "comodo".
Più le aziende adottano il capitalismo selvaggio e meno mercato potenziale si crea, possibile che una semplice regola non si capisca?
Fino a che punto risparmiare su manodopera e sul personale con tagli etc. è vantaggioso?
Magari continuando così certe passioni se le potranno permettere solo i fortunati, cioè un mercato molto ristretto.
Evviva il capitalismo!
LZar16 Ottobre 2006, 15:54 #8
Originariamente inviato da: tommy781
certo che funziona così, quasi in ogni paese del mondo, siamo noi ad essere convinti del contrario e non ci accorgiamo che siamo un'anomalia.

Sono stato direttamente coinvolto nella fusione di due società (faccio parte dei "sopravvissuti" e ti assicuro che non siamo affatto un'anomalia ... La differenza è che:
1) qui da noi ti mandano a casa con un po' di soldi in tasca, cosa che non succede dappertutto.
2) in paesi dove il posto di lavoro è per così dire più "elastico", di solito il mercato del lavoro è un po' più favorevole che da noi, per cui azioni di licenziamento massiccio hanno un effetto di aumento della disoccupazione un po' meno spiacevole.

Ed aggiungo che lavorare in un'azienda che "si ridimensiona" non è un esperienza che auguro, anche se ne vieni fuori indenne.
Pozz16 Ottobre 2006, 15:54 #9
Originariamente inviato da: LZar]Sono stato direttamente coinvolto nella fusione di due società

verissimo (specie il 2° punto) ma c'è da dire che è solo da noi che c'è questo smania del posto fisso a vita e se viene tolto succede il finimondo

[QUOTE=schizzobau]e succede ogni giorno


grazie, o classe dirigente manageriale



eh già perchè tenersi un migliaio di dipendenti pagati per fare lo stesso lavoro di altri è una grandissima furbata invece...
maxky7516 Ottobre 2006, 15:56 #10
bello mandare a casa 2000 persone, di cui il 60% ha famiglia da mantenere.
vero che negli usa il tasso di disoccupazione è molto basso rispetto all'italia ma consideriamo che si tratta di persone.
licenziare ci sta per ampliare un progetto ma licenziamenti con criteri giusti. una cosa è licenziare una persona di 40 anni e un'altra è licenziare un giovane di 20. caso mai siamo un'anomalia nell'offerta di lavoro, visto che negli altri paesi nn impongono un'eta max mentre se vai in giro in italia, molte aziende non vogliono personale superiore ai 28 anni (ho alzato io il limite).
in italia si licenzia facilmente ma si premia pochissimo il lavoratore seriamente impegnato (pubblico e privato). ecco, semmai queste sono anomalie.
cmq facile parlare così. dovremmo ritrovarci al posto dei manager e magari in una situazione tipo quella italiana, visto che in molti paesi del secondo e terzo mondo (messico e thailandia) non essendoci sindacati, i datori di lavoro fanno quello che vogliono.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^