AMD divisa in due società: alcuni approfondimenti

AMD divisa in due società: alcuni approfondimenti

Emergono maggiori dettagli su come operativamente AMD metterà in atto la propria strategia Asset Smart, annunciata ieri

di pubblicata il , alle 16:20 nel canale Processori
AMD
 

Nella giornata di ieri, con questa notizia, abbiamo analizzato l'annuncio ufficiale di AMD incentrato sulla propria strategia Asset Smart. Riassumiamone gli elementi fondamentali per dare poi spazio ad un approfondimento:

  • AMD ha costituito una nuova società, dal nome di The Foundry Company, specializzata nella produzione di chip. AMD detiene il 44,4% di questa società, con la metà delle posizioni in consiglio di amministrazione, mentre la restante parte è in mano ad Advanced Technology Investment Co., azienda del governo di Abu Dhabi che detiene il restante 55,6% dell'azienda;
  • AMD ha conferito in The Foundry Company le due proprie fabbriche produttive di Dresda e i diritti per la costruzione di una nuova fabbrica nello stato di New York. In cambio Advanced Technology Investment Co. ha effettuato un pagamento ad AMD in contanti di 700 milioni di dollari per le azioni di The Foundry Company e investito 1,4 miliardi di dollari nell'azienda;
  • Advanced Technology Investment Co. ha previsto un piano d'investimento in The Foundry Company dal controvalore oscillante tra 3,6 miliardi di dollari e 6 miliardi di dollari, che verranno investiti nei prossimi anni per finanziare la costruzione della fabbrica produttiva di New York e per ammodernare le linee produttive delle due fabbriche di Dresda;
  • AMD ha girato in The Foundry Company propri debiti per un ammontare di 1,2 miliardi di dollari USA, legati ai costi sostenuti per l'ammodernamento delle proprie fabbriche di Dresda;
  • Mubadala Development Company ha portato al 19,3% la quota del capitale di AMD di proprietà, rispetto al precedente 8,1%; questo è stato ottenuto attraverso l'emissione di 50 milioni di nuove azioni AMD, vendute a Mubadala Development Company ad una cifra di circa 340 milioni di dollari USA.

amd_atic.jpg (16582 bytes)

Una delle prime operazioni che The Foundry Company compierà nei prossimi mesi sarà quella di finanziare l'ammodernamento della Fab 30 di Dresda, con il passaggio a tecnologia produttiva a 45 nanometri utilizzando Wafer da 300 millimetri di diametro. In seguito è previsto che Dresda possa avere a disposizione anche una linea produttiva con Wafer di tipo Bulk, con la quale sarà possibile produrre anche GPU utilizzando tecnologie che al momento attuale vedono TSMC tra i principali produttori per conto terzi.

E' evidente che uno scenario di questo tipo lascia spazio alla produzione per conto terzi: The Foundry Company sarà inizialmente specializzata nella produzione di soluzioni AMD e avrà quest'ultima come unico cliente, ma si tratta di un'azienda indipendente che deve quindi cercare di operare con quanti più clienti possibili.

Nel mese di Luglio, con questa notizia, scrivevo dell'adesione di NVIDIA al consorzio SOI, che raccoglie tra i propri membri aziende che si sono dedicate allo sviluppo e all'adozione della tecnologia Silicon On Insulator all'interno delle proprie architetture di processore. Con quest'altra notizia segnalavo come l'adesione di NVIDIA al consorzio SOI fosse di una conferma indiretta e probabilmente involontaria di come le fabbriche attualmente di proprietà di AMD verranno in futuro utilizzate anche per la produzione di chip per conto terzi.

E' interessante evidenziare come The Foundry Company abbia intenzione di continuare lo sviluppo congiunto con IBM per le future tecnologie produttive, seguendo in questo quanto fatto da AMD negli anni passati. Gli sviluppi prevedono l'adozione di tecnologie produttive SOI e Bulk sino al processo a 22 nanometri. La fabbrica di New York sarà probabilmente costruita pensando alla produzione con tecnologia produttiva a 22 nanometri e tempistica di attivazione nell'anno 2012; questo fa ritenere che The Foundry Company possa sviluppare a 32 nanometri nella FAB 36 di Dresda, riconvertita per questo nei prossimi anni a partire dalla tecnologia a 65 nanometri attualmente utilizzata.

Sembra possibile che nel corso dei prossimi anni The Foundry Company possa scegliere di costruire una fonderia direttamente ad Abu Dhabi, per una sorta di ritorno alle origini almeno dal punto di vista economico. L'ipotesi è sicuramente interessante ma sconta una componente che storicamente viene scelta dalle aziende produttrici per identificare l'area nella quale costruire una nuova fonderia: la disponibilità di sovvenzioni e/o agevolazioni fiscali da parte del governo locale. Alla costruzione della fabbrica AMD nello stato di New York sono legati forti incentivi da parte del governo locale, così come è stato anche per le due Fab di Dresda con l'intervento del governo della Sassonia.

Quali saranno le conseguenze, per AMD, date dalla perdita del pieno controllo delle proprie fonderie produttive? Possiamo identificare due elementi principali, uno immediato e l'altro di medio lungo periodo:

  • componente economica: AMD ha sicuramente perso un importante valore patrimoniale, quello delle proprie due fabbriche di Dresda passate a The Foundry Company. D'altro canto, AMD ha rimosso un impegno economico importante come quello della gestione di due fabbriche produttive, diminuendo l'ammontare dei propri debiti per l'importo di 1,2 miliardi di dollari USA che è stato girato a The Foundry Company in quanto legato alle fabbriche di Dresda e incassando una liquidità immediata di poco superiore a 1 miliardo di dollari USA. La conseguenza di bilancio è che AMD avrà un punto di pareggio ben inferiore al precedente, grazie anche alla riduzione del proprio organico di circa 3.000 dipendenti che passeranno alla nuova azienda, e un ammontare complessivo dei debiti inferiore con una posizione di cassa migliore. Il rapporto
  • componente progettuale: nel breve periodo non dovrebbe cambiare nulla nella relazione tra la parte progettuale - ingegneristica di AMD e quella produttiva, ma è ipotizzabile che nel corso del tempo il rapporto con The Foundry Company tenda ad allinearsi a quello tradizionale tra cliente e fornitore, benché con un forte legame societario, rispetto a quello che si ha tra risorse interne della stessa azienda. Del resto questa dev'essere la natuale evoluzione di questo rapporto considerando che The Foundry Company si proporrà sul mercato come foundry partner per il maggior numero possibile di clienti interessati. In quale misura questo potrà in futuro incidere sui tempi progettuali di AMD non è chiaro al momento attuale: se dal versante GPU non riteniamo questa situazione sfavorevole in quanto tutte le GPU ATI sono prodotte da foundry partner, lo stesso non può essere detto per le CPU.

Nel frattempo, Intel corre ai ripari manifestando la volontà di conoscere i dettagli dell'accordo intercorso tra AMD e i nuovi partner per la costituzione di The Foundry Company; sembra possibile che con questa manovra AMD possa aver in qualche modo gli accordi di cross-licensing con Intel, per i quali sono pagate a Intel delle royalties.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

24 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Feidar08 Ottobre 2008, 16:46 #1
Senza offesa, ma qui in Veneto si dice: "Bea merda"(le "l" si sostituiscono con una e, anche se non troppo in questo caso specifico).
bLaCkMeTaL08 Ottobre 2008, 16:48 #2
Speriamo che AMD riesca a progettare CPU/GPU in grado di ottenere un immediato successo di critica e pubblico (e conseguentemente di mercato...).
Di certo a questi stravolgimenti non ci si sarebbe mai arrivati se non avessero avuto qualche problema di tipo "economico".
Xile08 Ottobre 2008, 16:52 #3
Dio speriamo che me la cavi (.cit)
dwfgerw08 Ottobre 2008, 17:04 #4
secondo me è una mossa azzeccatissima data la posizione di amd. Ora AMD lavorerà "alla nvidia" cioè sarà una azienda molto più snella concentrata solo sulla parte progettuale.
Sammy Jankis08 Ottobre 2008, 17:09 #5
Originariamente inviato da: Feidar
Senza offesa, ma qui in Veneto si dice: "Bea merda"(le "l" si sostituiscono con una e, anche se non troppo in questo caso specifico).


Mi sfugge la sagacia della tua affermazione, attendo lumi
Scezzy08 Ottobre 2008, 17:33 #6
Feidar
_____

Sto nell'alto veneto pure io ... ma non sono riuscito a capire la sottigliezza.
atomo3708 Ottobre 2008, 17:39 #7
si infatti mi sa che era troppo sottile la battuta "veneta".

cmq credo che l'alternativa a questa mossa per amd era la bancarotta quindi diciamo sicuramente bene così, ora speriamo che continui ad innovare e tirare fuori almeno prodotti in grado di competere contro intel.
TheSlug08 Ottobre 2008, 18:10 #8
senza contare che stando cmq al 44% nella fabbrica.. se spizzeranno tutti i progetti dei chip degli altri clienti

cmq bella mossa.. se sono riusciti ad azzerare il debito, sul pianeta terra serve amd
))Lexandrus((08 Ottobre 2008, 18:51 #9
Originariamente inviato da: Xile
Dio speriamo che me la cavi (.cit)


La frase è: Io speriamo che me la cavo
v1nline08 Ottobre 2008, 19:40 #10
"La conseguenza di bilancio è che AMD avrà un punto di pareggio ben inferiore al precedente, grazie anche alla riduzione del proprio organico di circa 3.000 dipendenti che passeranno alla nuova azienda, e un ammontare complessivo dei debiti inferiore con una posizione di cassa migliore. Il rapporto ______"

??


"sembra possibile che con questa manovra AMD possa aver in qualche modo _____ gli accordi di cross-licensing con Intel, per i quali sono pagate a Intel delle royalties."

leso?




non ho ben capito una cosa: ad amd rimangono ancora debiti?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^