22 nanometri e GPU proprietaria nel futuro delle soluzoni Atom

22 nanometri e GPU proprietaria nel futuro delle soluzoni Atom

Valley View è il nome in codice utilizzato per indicare le future architetture Intel a 22 nanometri, attese a inizio 2013. La principale novità è rappresentata dalla GPU, non pià PowerVR ma derivata da quella delle soluzioni Ivy Bridge

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 17:25 nel canale Processori
IntelAtom
 

Quale futuro per le soluzioni Intel della famiglia Atom? Alcune informazioni emerse nel corso degli ultimi giorni puntano l'attenzione verso l'architettura indicata con il nome in codice di Valley View, costruita con tecnologia produttiva a 22 nanometri. I chip di questa famiglia, abbinati alla piattaforma Balboa Pier, dovrebbero debuttare all'inizio del prossimo anno.

Tra le caratteristiche tecniche emerse sino ad ora segnaliamo architettura da 1 a 4 core, supporto a memoria DDR3 in quantitativo da 4 sino a 8 Gbytes con supporto alla tecnologia ECC per la correzione degli errori. Dovrebbe venir integrato anche il controller USB 3.0 in questo SoC, oltre ovviamente a tutta la componente chipset trattandosi di un'architettura a singolo chip.

L'elemento tecnico più interessante riguarda tuttavia il sottosistema video. Con Valley View Intel sembra intenzionata ad abbandonare le tecnologie PowerVR adottate sino ad ora, in favore di una propria. Nello specifico ci dovremo attendere una componente GPU mutuata da quello che Intel integrerà nei processori della famiglia Ivy Bridge di prossima introduzione sul mercato.

Non sappiamo ancora quale specifica versione di GPU della serie Ivy Bridge verrà integrata in Valley View; per le versioni desktop e mobile di Ivy Bridge Intel ha sviluppato differenti tipologie di GPU in funzione del posizionamento di mercato. Le informazioni attualmente disponibili indicano per questo componente un livello prestazionale di 4 volte superiore a quanto messo a disposizione dalle proposte Atom attualmente in commercio, appartenenti alla famiglia Cedar View.

Fonte: The Verge.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

23 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
demon7726 Marzo 2012, 17:30 #1
Il'importante è che la GPU integrata si pienamente compatibile agli standard opencl
unnilennium26 Marzo 2012, 17:39 #2
abbandonare la tecnologia powervr va bene, visto come l'hanno implementata e gestita via driver, praticamente non cambia nulla... mai visto nulla di buono, nè su windows nè su linux. la tecnologia propria è sicuramente più semplice da gestire, anche se devono migliorare molti aspetti, anche in questo segmento budget amd gli fa le scarpe, e le cpu arm che sono in produzione lo stesso... sono costretti a cambiare registro per forza.
supertigrotto26 Marzo 2012, 18:58 #3

mah!

Componente della cpu sempre in order!?
Dal punto di vista prestazionale le apu sarebbero più performanti,peccato che amd e arm ai 22 ci arriveranno forse tra 18 mesi.....
Vash_8526 Marzo 2012, 20:15 #4
Sarà un'altra rivoluzione come i tanto decantati n2800 che dovevano sbaragliare amd
birmarco26 Marzo 2012, 22:06 #5
Speriamo abbiano prestazioni decenti, mi basterebbe se fosse almeno con un Athlon II X2
TRF8326 Marzo 2012, 23:17 #6
ma mettere un decoder/dispatcher per l'OoO, no eh? Anche "basilare" e non troppo furbo...giusto quel tantino per fargli guadagnare qualche cosina in pure prestazioni di calcolo...cosa si porterà via? 10mW?
LMCH27 Marzo 2012, 00:43 #7
Originariamente inviato da: TRF83
ma mettere un decoder/dispatcher per l'OoO, no eh? Anche "basilare" e non troppo furbo...giusto quel tantino per fargli guadagnare qualche cosina in pure prestazioni di calcolo...cosa si porterà via? 10mW?


Se passano ad un architettura out-of-order il basso consumo va a farsi benedire perchè poi vanno aumentate le unita di esecuzione ecc. ecc. altrimenti il gioco non vale la candela.
Comunque l'Atom è la prova lampante che il set d'istruzioni conta, eccome se conta se uno vuole bassi consumi e prestazioni.

E quando arriveranno i primi ARMv8 (con il nuovo set d'istruzioni a 64bit) potrebbe arrivare l'inizio della fine per gli x86.
iva27 Marzo 2012, 09:00 #8
Scusate, dove sono i dettagli sull'in/out of order?
Non li vedo mica nell'articolo...
coschizza27 Marzo 2012, 09:31 #9
Originariamente inviato da: LMCH

E quando arriveranno i primi ARMv8 (con il nuovo set d'istruzioni a 64bit) potrebbe arrivare l'inizio della fine per gli x86.


possibile ma allo stesso modo potrebbe essere l'opposto cioe potrebbe essere la fine dell'estensione agli altri campi della tecnologia arm perche con il passaggio ai 64bit aumenteranno i consumi la complessita e i costi quindi bisogna vedere quanto del margine dato dall'architettura diversa resterà.

Una cpu nata per alte performance non puo scalare facilmente in tutti i segmenti e tanto meno in quelli a basso consumo, la stessa cosa vale per l'opposto l'architettura arm potrebbe essere 10x superiore nel campo delle cpu custom a basso consumo ma potrebbe benissimo non diventare mai competitiva nel segmento opposto. Questo perche conta si il set di istruzioni ma anche molte altre cose.
Donbabbeo27 Marzo 2012, 09:48 #10
Originariamente inviato da: Vash_85
Sarà un'altra rivoluzione come i tanto decantati n2800 che dovevano sbaragliare amd


l'N2800 non sarà un mostro di potenza ma sta a 8 W circa in idle, quanti ne fa un E-350 di AMD?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^