Le major e Apple nel mirino di un'indagine UE

Le major e Apple nel mirino di un'indagine UE

L'Unione Europea sta indagando sul sistema di vendita nazionalizzato di iTunes Store: secondo l'Unione sarebbe necessaria l'istituzione di un servizio pan-europeo che rispetti la libera circolazione delle merci

di Andrea Bai pubblicata il , alle 17:02 nel canale Apple
Apple
 

Apple e le major discografiche sono oggetto di un'indagine avviata dall'Unione Europea in merito al sistema di vendita dei brani sul mercato Europeo. Il Financial Times riporta che nel mirino non vi sarebbero quindi i vincoli che legano a doppio filo iPod e iTunes, ma l'impossibilità, per i cittadini dell'Unione, di acquistare i brani musicali dallo store che preferiscono.

In altri termini l'Unione Europea contesta il fatto che un cittadino italiano, per fare un esempio, non ha modo di acquistare brani musicali dallo store tedesco o francese o qualunque store di nazionalità diversa. Secondo l'Unione Europea, infatti, un meccanismo simile violerebbe le norme della libera circolazione delle merci in ambito EU ed è convinta che Apple dovrebbe istituire uno store pan-europeo, al di sopra delle singole nazioni, che venda musica a prezzo identico per tutti i paesi.

In realtà, pur se con la suddivisione nazionale degli store, i brani su iTunes vengono già commercializzati al prezzo unitario di 0,99 euro. Fa eccezione il Regno Unito, dove i brani sono commercializzati a 0,79 sterline, ovvero circa 1,16 Euro.

Apple, dal canto suo, ha sempre espresso il desiderio di poter fornire un unico servizio sovranazionale. Questo modello, tuttavia, risulta essere in contrasto con il cosiddetto "Accordo di Santiago", sancito nel 2001, il quale stabilisce che la società autorizzata a concedere i diritti di usufrutto e vendita delle opere (come ad esempio la SIAE) ha il permesso di poter effettuare la cessione di questi diritti solamente in ambito territoriale.

Ed è proprio l'Accordo di Santiago ad aver costretto Apple a disporre di una serie di filiali nazionali per la vendita della musica: in caso contrario le società detentrici dei diritti avrebbero potuto garantire solamente licenze limitate in ambito extra-nazionale, con potenziali problemi per la vendita dei brani musicali.

Per poter arrivare a quanto auspicato dalla UE si renderebbe quindi necessaria la stesura di un nuovo sistema per la cessione dei diritti che, appunto, risulti essere gerarchicamente superiore a tutte le piccole realtà nazionali.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Special03 Aprile 2007, 17:23 #1
Insomma, il gatto che si morde la coda...
Chissà che non volendo la UE riesca a sbloccare questo monopolio della siae...
neonato03 Aprile 2007, 17:39 #2
e la volta buona che si mette la lente din ingrandimento sulla SIAE.
Io spero che sparisca
iubbo7803 Aprile 2007, 17:49 #3
non è la siae o le varie omonime degli altri stati ad essere sotto la lente, forse dovreste rileggere la notizia invece di illudervi di cose che non accadranno mai.
Dox03 Aprile 2007, 18:02 #4
sarebbe più consona una "siae" europea invece che una in ogni stato ,e sono daccordo con UE
drakend03 Aprile 2007, 18:31 #5
Che tempismo, anche considerando la durata dell'indagine...
Ne hanno regalati di rolex per far essere l'antitrust così puntuale...
Kenaz03 Aprile 2007, 19:06 #6
Le direttive della UE parlano chiaro, le merci devono poter essere acquistate ovunque e liberamente in tutta Europa.
Basterebbe che Apple o concorrenti, stornassero la parte dovuta di diritti alle società detentrici dei diritti nel paese in cui si va ad effettuare il download.
Ma forse si perderebbero quei 0.16 euro (tutti per il gestore) dalla "ricca" Inghilterra...
degac03 Aprile 2007, 20:24 #7
Stavolta sembra che la 'colpa' non sia tutta di Apple...è una delle caratteristiche più interessanti dell'UE: mercato unico (e tante belle parole per i diritti dei cittadini ecc....) e nel frattempo imposte, tasse, leggi e leggine differenti da paese a paese: la colpa secondo voi di chi è, della Apple (o di qualsiasi altra azienda) o dei singoli stati o dell'UE che non è riuscita ad uniformare tutto?
JohnPetrucci03 Aprile 2007, 21:49 #8
Originariamente inviato da: Dox
sarebbe più consona una "siae" europea invece che una in ogni stato ,e sono daccordo con UE

Quoto.
Willy_Pinguino04 Aprile 2007, 13:59 #9
una legge da agli enti nazionali l'esclusiva sulle licenze di vendita comunitaria, una legge prevede che la circolazione delle merci all'interno della comunità europea...

c'è sicuramente un conflitto... difficile che la UE possa arrivare a contrastare SIAE e consorelle... più probabile che trovino una specie di "metodo misto" (un papocchio in stile italiano insomma...) e siccome ora apple presenterà il catalogo EMI senza DRM, non mi sorprenderei se i prezzi a causa del "metodo misto" si alzeranno...

ma magari sono solo un pessimista che non ha fiducia nel mondo

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^