Apple neutrale sulle applicazioni iPhone di terze parti

Apple neutrale sulle applicazioni iPhone di terze parti

La compagnia della Mela dichiara di mantenere una posizione neutrale riguardo alle eventuali applicazioni sviluppate da terzi per dispositivi come iPhone e iPod touch

di Andrea Bai pubblicata il , alle 14:48 nel canale Apple
AppleiPhoneiPod
 

Tra i principali interrogativi che gli utenti di iPhone e iPod touch, attuali e futuri, si pongono vi è quello relativo alla strategia che la casa della mela intenderà adottare per il supporto ad eventuali applicazioni native sviluppate da terze parti.

Al momento del lancio di iPhone, Apple dichiarò che la presenza del browser web Safari mette gli sviluppatori nella condizione di poter dare vita a qualunque genere di applicazione su base web 2.0 e Ajax, senza tuttavia fornire informazioni riguardanti la realizzazione di applicazioni native.

Una voce inaspettata giunge da Greg Joswiak, responsabile del marketing per i prodotti hardware di Apple, il quale afferma che l'azienda terrà una posizione neutrale nei confronti di eventuali applicazioni native sviluppate da terzi. In altre parole: Apple non ostacolerà l'eventuale diffusione di queste applicazioni, senza tuttavia fornire alcun tipo di supporto ufficiale.

Ciò che Joswiak ha tuttavia precisato è che l'azienda e il team responsabile del progetto iPhone non prenderanno comunque in considerazione l'esistenza di software terzi al momento di dover scrivere aggiornamenti per il proprio prodotto. Ciò sta a significare che i futuri aggiornamenti software non avranno lo specifico scopo di bloccare programmi di terze parti anche se tuttavia la probabilità che ciò accada è piuttosto alta.

Joswiak ha comunque assicurato la costante attenzione di Apple a questo aspetto, lasciando intendere che nel futuro le cose potrebbero cambiare. A margine delle dichiarazioni Joswiak ha inoltre smentito le voci di corridoio che volevano l'estromissione all'ultimo momento della tecnologia bluetooth da iPod touch aggiungendo inoltre che per tale piattaforma non vi sono, nell'immediato, strategie per la diffusione di contenuti videoludici.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

31 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Redvex12 Settembre 2007, 14:54 #1
Mica scemi...prima o poi la gente si renderà conto che ci sono prodotti nettamente migliori e che costano anche meno. Se non altro questo aiuterà la diffusione dell'iphone
sententia12 Settembre 2007, 15:14 #2
Anche se qualcuno si lancera in eleganti sofismi, la strategia di Apple su iPhone sta cambiando e, alla fine, tutti noi che denunciavamo le lacune e le limitazioni dell'oggetto non eravamo poi dei miscredenti da bruciare...

BYEZ
Dias12 Settembre 2007, 15:14 #3
Neutrale nel senso che applicazioni esterne "molto probabilmente" non funzioneranno dopo update regolari. Alla faccia della neutralità.

http://www.engadget.com/2007/09/12/...-3rd-party-iph/


Francamente me ne frega relativamente di apps esterne, quello che vorrei è che mettessero lo stesso Calendario di iPhone (su iPod Touch NON si possono aggiungere nuovi eventi, cosa che lo rende automaticamente uno spreco di spazio) anche quel Notes. Attualmente l'acquisto è in sospeso (in molti hanno cancellato i loro ordini dopo queste notizie), vediamo se Apple ci ripensa prima del rilascio e rende disponibile nuovo firmware.

p.s.: no, non voglio Calendario hackato o come applicazione sviluppata da terzi, non mi va di rischiare di perdere i miei dati ogni volta che esce firmware nuovo.
0070012 Settembre 2007, 15:21 #4
Semplicemente Apple non si fa carico di mantenere la retrocompatibilità e quindi saranno poi gli sviluppatori a dover rilasciare le dovute patch o aggiornamenti di volta in volta...non ci vedo assolutamente nulla di strano...
Rubberick12 Settembre 2007, 15:32 #5
ma poi dico... applicazioni di terze parti e poi si parla di web2.0... o_O capirai... pare che solo sull'iPhone funziona quella roba... per me le app sono qualcosa di un po + perlomeno dei widget..
ultimate_sayan12 Settembre 2007, 15:56 #6
Mi sembra di notare una certa sorpresa nei commenti ma mi sembra un comportamento assolutamente comune a tante altre realtà... rimanendo in ambito smartphone, nel momento in cui aggiornate Windows Mobile e un programma di terze parti non dovesse più funzionare voi su cui vi rivalete? Non penso ne facciate una colpa a Microsoft... e allora che senso hanno queste perplessità? Da sempre, è chi sviluppa il software che deve star dietro all'evoluzione del sistema sul quale sviluppa.
Altro esempio in ambito PC: quando è uscito Firefox 2.0.0.6 veniva segnalata l'incompatibilità di quella versione con Java 6.0.1... il problema però non toccava a Mozilla risolverlo ed ecco che Sun ha fatto uscire la versione 6.0.2.
Quello che conta è che Apple dia la possibilità di sviluppare applicazioni per iPhone.

@ sententia

Mi dispiace dirtelo ma è proprio il contrario... più passa il tempo più le varie accuse apparse al momento del lancio stanno cadendo. E questo denota come certi commenti fossero faziosi o non avessero una base reale...
rezha12 Settembre 2007, 16:00 #7
@Rubberick

docs.google.com

chiamalo widget...
DevilsAdvocate12 Settembre 2007, 16:08 #8
Originariamente inviato da: Redvex
Mica scemi...prima o poi la gente si renderà conto che ci sono prodotti nettamente migliori e che costano anche meno. Se non altro questo aiuterà la diffusione dell'iphone

? E' già uscito il samsung col touchscreen immenso (grosso circa quanto
quello dell'iPhone)? Costa meno dell'iPhone?
Mercuri012 Settembre 2007, 16:23 #9
@ultimate

Esattamente i software come si programmano senza il supporto della piattaforma?

Forse ho capito male, ma apple intende "Se fatte qualche hack all'iphone forse non vi facciamo causa, però aspettatevi che ve lo blocchiamo al prossimo aggiornamento".

Intendiamoci, tecnicamente può essere anche una scelta valida (anche se io pretenderei avere almeno Java su un telefono con quel costo).
0070012 Settembre 2007, 16:54 #10
Java, così come flash, non sono stati messi per i problemi di sicurezza che potrebbero far insorgere e per la loro lentezza.
Cmq Apple ha già detto che in futuro (penso non molto distante, cmq sicuramente dopo l'uscita di Leopard, che tiene occupati parecchi sviluppatori) verranno aggiunti con un aggiornamento software...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^