Apple Glass: con i sensori LiDAR potremo finalmente vedere anche al buio?

Apple Glass: con i sensori LiDAR potremo finalmente vedere anche al buio?

Un brevetto depositato da Apple suggerisce la possibilità che i fantomatici Apple Glass potrebbero consentire, sfruttando i sensori LiDAR, di migliorare la percezione e la consapevolezza di ambienti con scarsa illuminazione

di pubblicata il , alle 16:31 nel canale Apple
Apple
 

Gli Apple Glass non esistono ancora, se non nei segretissimi laboratori della Mela o nella mente di qualche visionario ingegnere, ma da tempo circolano speculazioni, indiscrezioni e previsioni su quello che sarà - o almeno dovrebbe essere - la prossima "big thing" di Apple: un dispositivo dedicato espressamente alla realtà aumentata.

Del resto la Mela ha depositato un gran numero di brevetti che descrivono idee, concetti e progetti riferiti proprio ad un dispositivo da indossare sul volto per "migliorare" la percezione e la consapevolezza di ciò che ci circonda. Tra l'altro l'uso che Apple sta facendo di alcune tecnologie, come ad esempio i sensori LiDAR, all'interno di iPad Pro e iPhone 12 Pro sono in grado di suggerire quali possano essere i risvolti dell'uso di una tale tecnologia su un paio di occhiali AR.

Con gli Apple Glass per vedere meglio al buio: brevetto depositato dalla Mela

Una recente domanda di brevetto depositata da Apple dal titolo "Head-Mounted Display With Low Light Operation" si inserisce proprio in questo solco di supposizioni descrivendo diversi modi di rilevare l'ambiente intorno a chi indossa un display sul volto e in condizioni di scarsa illuminazione. Che, in un certo senso, è proprio quello che fa il sensore LiDAR in iPhone 12 Pro per assistere l'autofocus del modulo fotografico quando si scatta di notte o con luce non ottimale.

Nel brevetto la Mela descrive varie tecnologie e modalità con le quali potrebbe essere possibile sfruttare gli Apple Glass per aiutare l'utente a meglio percepire l'ambiente al buio: radar e LiDAR potrebbero lavorare in singergia, allo scopo di rilevare la mappa di profondità dell'ambiente da elaborare opportunamente per restiture all'utente una visualizzazione grafica di quello che non è in grado di percepire con il solo uso della vista. Apple cita anche tecnologie ad ultrasuoni, ma più in generale lo scopo della domanda di brevetto è quella di proteggere il concetto di un sistema che possa rilevare e misurare con accuratezza l'ambiente circostante e presentare queste informazioni all'utente in una maniera immediatamente chiara e fruibile.

E' una idea sicuramente visionaria e altresì affascinante: alzi la mano chi non ha mai desiderato di poter vedere al buio come i gatti o di avere la vista sonar come Daredevil!

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^