Apple Cocktail, una via per tornare ad acquistare album interi

Apple Cocktail, una via per tornare ad acquistare album interi

Le vendite di musica on-line, pur supportate da buoni volumi per tracce singole, paga un calo netto per quanto riguarda gli album completi. Il progetto Apple Cocktail nasce per riaccendere la passione per l'intero disco

di pubblicata il , alle 10:12 nel canale Apple
Apple
 

L'avvento del web come fenomeno di massa ha portato a innegabili cambiamenti nella vita quotidiana, andando ad influire su comportamenti e abitudini consolidate nel corso dell'era pre-web. Non essendo questa la sede per analizzare i pro e i contro di questa rivoluzione, appare chiaro come il mondo dell'industria musicale sia fra quelli che maggiormente hanno subito l'onda d'urto di questo nuovo media, arrivato come uno tsunami al quale non si era preparati a far fronte.

Facendo un salto indietro nel tempo, diciamo di una quindicina di anni, ci si trovava di fronte ad una scelta quasi obbligata, ovvero acquistare gli album interi degli artisti preferiti, andando a spendere cifre non certo modeste per avere in cambio 4 o 5 tracce apprezzabili, sulle 12-14 di media che affollavano, forse inutilmente, l'album intero. Un mercato che ha pagato la scomparsa del disco singolo, vero protagonista del periodo d'oro della musica, in quel periodo fra gli anni '60 e '70 in cui era normale correre ad acquistare la canzone preferita sul piccolo 45 giri.

Il web, omettendo e non certo per numeri il fenomeno del download illegale, ha saputo riconsegnare nelle mani degli appassionati di musica il diritto di scelta, mettendo a disposizione degli utenti sia gli album interi che le tracce singole. Ad Apple, con il proprio AppStore, va riconosciuto l'indubbio merito di aver sbrogliato, almeno in parte, gli innumerevoli problemi nati con l'avvento del web per le case discografiche, mettendo a disposizione un catalogo molto ricco e, soprattutto, la possibilità di acquistare la singola traccia.

Nella giornata di ieri, ad esempio su Appleinsider, si è parlato di un nuovo progetto nei cantieri Apple, EMI, Sony, Warner e Universal, di fatto  le principali major discografiche e l'azienda titolare dello shop on-line musicale di maggiore successo. Il progetto, indicato dal nome in codice Cocktail, ha l'ambizioso obiettivo di riportare in alto l'interesse per l'album intero, che sta vivendo una vera e propria crisi nera. Le vendite su AppStore, parlando di musica, sono quasi interamente dominate dalla traccia singola. Un problema per le major (delle quali però poco ci interessa, onestamente), un problema per gli appassionati e non, magari legati al passato da un briciolo di nostalgia.

Il progetto Cocktail si ripromette, in pratica, di far rivivere in formato digitale il vecchio "book", fornendo un valore aggiunto alle opere intere con fotografie, testi e informazioni di vario tipo. Qualcosa che si sta perdendo, insomma, e che potrebbe dare nuovo slancio ai progetti degli artisti non impegnati nella sola hit da spiaggia. Certo, si potrebbe obiettare che le major pagano adesso una certa avidità, avendo prodotto per anni dischi mediocri con pochissime tracce decenti, oppure che basterebbe dare più importanza al valore artistico a scapito della mera commerciabilità dei brani. Tutti discorsi legittimi, ma che esulano un po' dal discorso.

Settembre dovrebbe essere il mese in cui Cocktail arriverà sul mercato, verosimilmente fruibile anche al di fuori di iTunes con un proprio "ecosistema", proprio per fornire una differente percezione dell'opera intera. Si dice che si potranno ascoltare le tracce del disco e contemporaneamente leggere testi, guardare immagini leggere informazioni varie, un po' come accadeva qualche anno fa all'acquisto di un CD o un LP in vinile. Certo, non che adesso non si vendano più CD, sia chiaro; il web però sta indubbiamente tracciando una via, che rischia di far perdere molto del fascino legato alla musica. Cocktail la soluzione al problema? Probabilmente no, ma risulta almeno apprezzabile l'impegno.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Malek8628 Luglio 2009, 10:50 #1
Non so quanti scan, informazioni, etc. mi possono dare, ma sarà comunque difficile che pago 10€ per avere quattro canzoni che mi interessano e sei che non mi interessano. Non lo facevo nemmeno quando non avevo ancora internet.
SerPRN28 Luglio 2009, 10:53 #2
L'idea dei testi è buona, anche perchè chi ha l'iPhone può visualizzarli anche mentre ascolta la canzone. Penso che presto anche altri lettori MP3 di adegueranno (se già non lo hanno fatto).
Therinai28 Luglio 2009, 10:56 #3
il web però sta indubbiamente tracciando una via, che rischia di far perdere molto del fascino legato alla musica. Cocktail la soluzione al problema? Probabilmente no, ma risulta almeno apprezzabile l'impegno

La soluzione al problema sarebbe impedire il proliferare di finti artisti che vengono lanciati sul mercato giusto per un tormentone
Vabbeh a parte ciò, c'è da dire che chi acquista su apple store mediamente è un utente non troppo appassionato che acquista successi pop da ascoltare sul bus tanto per rilassarsi un po', non si tratta certo del malato che passa la notte a cercare il significto di un opera nel suo complesso e magari va a relazionarla con gli altri eventuali lavori dell'artista in questione o, meglio, al contesto generale in cui è inserita (almeno così la penso)
ioanmocanu28 Luglio 2009, 10:56 #4

OTTIMO SE SI INVENTANO NUOVI SISTEMI DI DIFUSIONE

" Un problema per le major (delle quali però poco ci interessa, onestamente)"

PAROLE SANTE! Le majors devono imparare ad innovare e si devono adeguare al nuovo mercato: i più giovani. Non possono più pretendere d'imporre lo stesso stile di vendita!
ben venga un nuovo stile di difusione dei albuom con vari opzioni, magari videoclip con karaokee per coinvolgere maggiormente l'utente.
Sicuramente fanno meglio a riunirsi per questo piutosto che per inventare nuovi metodi per "beccare" i clienti P2P.
casarano28 Luglio 2009, 10:57 #5
Sarà ma io non riesco comunque a trovare una trentina di mp3 che mi servirebbero in nessun music store, mentre su cd o vinile esistono. Certo non sto parlando degli ultimi successi della pop-star-meteora di turno, ma a quanto pare la musica di nicchia mantiene il suo fascino dovuto in parte alla rarità di reperibilità che qualunque mp3 music store non può raggiungere anche se ha un catalogo vastissimo.
NIB9028 Luglio 2009, 11:01 #6
non penso proprio che i nostalgici vogliano l'album intero IN DIGITALE...
Rainy nights28 Luglio 2009, 11:21 #7
Ah che utilità...

si potranno ascoltare le tracce del disco e contemporaneamente leggere testi, guardare immagini leggere informazioni varie, un po' come accadeva qualche anno fa all'acquisto di un CD o un LP in vinile

Esattamente come accade con un cd/LP fisico, preciso.
Faber198228 Luglio 2009, 11:29 #8
perchè non esistono lettori multimediali che scaricano automaticamente informazioni sul brano/artista e il testo della canzone che si stà ascoltando, vero?
e songbird & co. sono pure gratuiti, qua immagino che dovremo pagare un certo prezzo per questo "servizio"...
quiete28 Luglio 2009, 12:07 #9
è un po' come il bd live... tutta fuffa
Xile28 Luglio 2009, 12:59 #10
Sono i primi ad aver spinto sulla musica trash consumistica e mo si vanno a lagnare -.-'

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^