Apple: app universali funzionanti su iPhone, iPad e Mac. In arrivo entro quest'anno?

Apple: app universali funzionanti su iPhone, iPad e Mac. In arrivo entro quest'anno?

Sembra prendere forma il progetto di Apple capace di "omogenizzare" le applicazioni su iOS e su macOS. Le indiscrezioni parlano del loro arriva già entro l'anno se non addirittura entro l'estate. Ecco come funzioneranno.

di pubblicata il , alle 16:21 nel canale Apple
AppleiOSmacOSiPhoneiMacMacBookiPad
 

Il progetto prende il nome di Marzipan e l'idea è quella di rendere "universali" le applicazioni dell'ecosistema Apple facendole funzionare sia su iOS e dunque iPhone, iPad e iPod ma anche su macOS e dunque su MacBook e iMac. L'indiscrezione sull'arrivo di queste nuove applicazioni funzionanti su ogni tipo di dispositivo Apple sembrano sempre più forti e seppure non sembrino la priorità per l'azienda di Cupertino, potrebbero comunque fare la loro comparsa già entro l'anno se non addirittura entro la fine dell'estate.

Secondo i più informati, e parliamo dei vari Mark Gurman e Ina Fried rispettivamente per Bloomberg e Axios, l'azienda di Cupertino avrebbe accelerato lo sviluppo del progetto Marzipan proprio per renderlo attivo quanto prima riuscendo ad ottenere una maggiore convergenza tra i due sistemi operativi, iOS e macOS, che proprio con gli ultimi aggiornamenti sembrano voler interagire più che mai.

Come funzionerebbero le app universali su iOS e macOS?

Il progetto chiaramente non è stato rivelato in nessuna sua parte e dunque le indiscrezioni riguardano veramente pochi dettagli anche se comunque importanti. Ecco che nei laboratori di Cupertino si starebbe sviluppando un framework in grado di garantire il funzionamento delle applicazioni di iOS anche si Mac e dunque su macOS. In questo caso tutto quello che viene eseguito su smartphone o tablet tramite il gesto delle dita può essere automaticamente replicato anche sul trackpad o tramite il mouse.

Secondo Gurman gli sviluppatori saranno in grado di realizzare applicazioni pronte per funzionare indipendentemente che vengano eseguite su iOS o su macOS e dunque funzionali sia su un pannello touch come quello di uno iPhone o iPad che su di un'interfaccia più evoluta come quella di un Mac. In tutto questo in molti scommettono sul lancio di un nuovo SDK capace di far lavorare gli sviluppatori su API completamente nuove studiate proprio per l'universalità del sistema.

Ricordiamo come le applicazioni sviluppate per iPhone e iPad al momento sono basate sulle API UIKit che risultano ben diverse da quelle per i Mac che utilizzano le API APPKit. Proprio questa differenza importante non permette al momento di capire come Apple deciderà di procedere all'unione dei due sistemi e proprio in tal senso potrebbe essere ancora più valido il fatto di realizzare nuove API apposite.

Al momento, ripetiamolo, sono solo indiscrezioni e come tali vanno prese ma se qualcosa "bolle" in pentola è probabile che durante il prossimo WWDC 2018, in arrivo come sempre nel periodo estivo, qualcosa in più potrà essere svelato e dal palco è probabile che Apple possa svelare l'unione dei due sistemi.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ilbarabba01 Febbraio 2018, 16:41 #1
GENI
jepessen01 Febbraio 2018, 17:16 #2
Il che conferma che e' il marketing che fa la differenza, non le soluzioni tecniche, dato che Microsoft lo fa da anni ed addirittura e' possibile sviluppare contemporaneamente per iOS, Android, Windows Phone e UWP tramite Xamarin (che funziona anche egregiamente)...
Diablo100001 Febbraio 2018, 17:49 #3
Dopo la storia che il pennino era inutile, dopo la storia che iOS doveva essere blindato, ci doveva pur essere una conseguenza alla storia che gli store dovevano essere separati.

Complimenti alla Apple per aver copiato l'idea dello zio Bill. Continua cosi che copia, copia prenderai la laurea... dei copioni.
Spyto01 Febbraio 2018, 18:21 #4

Xamarin insegna

È quasi un anno che uso Xamarin e devo ammettere che programmare in cross platform è vantaggioso e anche produttivo. Sicuramente non è la cosa più semplice del mondo 😊
emiliano8401 Febbraio 2018, 18:23 #5
mmm app universali dov'e' che l'ho gia' sentito... mmm probabilmente mi sbaglio, ancora una volta apple INVENTA qualcosa di rivoluzionario

Originariamente inviato da: Diablo1000
Dopo la storia che il pennino era inutile, dopo la storia che iOS doveva essere blindato, ci doveva pur essere una conseguenza alla storia che gli store dovevano essere separati.

Complimenti alla Apple per aver copiato l'idea dello zio Bill. Continua cosi che copia, copia prenderai la laurea... dei copioni.


senza diemnticare che nessuno ha bisogno di un iphone piu' grande e di un ipad piu' piccolo
acerbo01 Febbraio 2018, 19:49 #6
Originariamente inviato da: jepessen
Il che conferma che e' il marketing che fa la differenza, non le soluzioni tecniche, dato che Microsoft lo fa da anni ed addirittura e' possibile sviluppare contemporaneamente per iOS, Android, Windows Phone e UWP tramite Xamarin (che funziona anche egregiamente)...


no microsoft fa proclami, annuncia tecnologie mirabolanti agli sviluppatori e nessuno se la caga.
se arrivi tardi sul mercato puoi chiamarti pure Gesu Cristo, quando i giochi sono fatti sono fatti.
Detto questo le app "universali" si fanno semplicemente mettendoci un po' di intelligenza da parte degli sviluppatori, se vuoi qualcosa che sia funzionale sia su un display da 5" che su uno da 12" lo puoi fare pure da solo senza chissà quale sofisticato ambiente di sviluppo.
Poi vabbé l'informatica vive di mode, se ogni 6 mesi non esce un nuovo linguaggio, un nuovo ide ed un nuovo framework certa gente và in crisi di astinenza come i tossicodipendenti
Phoenix Fire02 Febbraio 2018, 00:13 #7
Originariamente inviato da: acerbo
no microsoft fa proclami, annuncia tecnologie mirabolanti agli sviluppatori e nessuno se la caga.
se arrivi tardi sul mercato puoi chiamarti pure Gesu Cristo, quando i giochi sono fatti sono fatti.
Detto questo le app "universali" si fanno semplicemente mettendoci un po' di intelligenza da parte degli sviluppatori, se vuoi qualcosa che sia funzionale sia su un display da 5" che su uno da 12" lo puoi fare pure da solo senza chissà quale sofisticato ambiente di sviluppo.
Poi vabbé l'informatica vive di mode, se ogni 6 mesi non esce un nuovo linguaggio, un nuovo ide ed un nuovo framework certa gente và in crisi di astinenza come i tossicodipendenti


il problema non sono i pollici dello schermo ma il SO che cambia, il framework proposto da MS e nel rumors invece permette di scrivere tutto una sola volta con un solo set di api e vederlo funzionare ovunque

@all
se anche apple lo fa, si conferma la bontà dell'idea di MS, il suo problema fu principalmente la mancanza di un ecosistema mobile, se Apple decide di fare così, tutti gli svluppatori mobile si trovano a produrre anche app per macOS senza quasi accorgersene, invece a MS mancavano proprio le app mobile
jepessen02 Febbraio 2018, 00:16 #8
Originariamente inviato da: acerbo
no microsoft fa proclami, annuncia tecnologie mirabolanti agli sviluppatori e nessuno se la caga.
se arrivi tardi sul mercato puoi chiamarti pure Gesu Cristo, quando i giochi sono fatti sono fatti.
Detto questo le app "universali" si fanno semplicemente mettendoci un po' di intelligenza da parte degli sviluppatori, se vuoi qualcosa che sia funzionale sia su un display da 5" che su uno da 12" lo puoi fare pure da solo senza chissà quale sofisticato ambiente di sviluppo.
Poi vabbé l'informatica vive di mode, se ogni 6 mesi non esce un nuovo linguaggio, un nuovo ide ed un nuovo framework certa gente và in crisi di astinenza come i tossicodipendenti


Ed esattamente come faresti senza chissa' quale sofisticato ambiente di sviluppo a creare u software che compila per smartphone, tablet e pc con sistemi operativi diversi e senza riscrivere codice per ogni piattaforma?
recoil02 Febbraio 2018, 09:02 #9
Originariamente inviato da: Diablo1000
Dopo la storia che il pennino era inutile, dopo la storia che iOS doveva essere blindato, ci doveva pur essere una conseguenza alla storia che gli store dovevano essere separati.

Complimenti alla Apple per aver copiato l'idea dello zio Bill. Continua cosi che copia, copia prenderai la laurea... dei copioni.


sono sempre belli questi commenti sui copioni, manco fossimo a scuola
l'industria è tutta così, se c'è una buona idea la sia adotta punto e basta... finché la cosa non è protetta da brevetto o copyright non ci sono problemi

anche MS in passato si è liberamente ispirata per la sua UI a quella del Mac, c'è chi ha copiato da iOS e a sua volta Apple ha introdotto determinate funzionalità dopo che erano state implementate in Android e così via, lo si fa da sempre e si continuerà a farlo
l'importante è avere qualcosa in più della concorrenza, o meglio qualcosa di diverso per avere un prodotto che non sia del tutto identico ma che abbia quella caratteristica in più (e ce ne saranno anche in meno) per catturare l'utenza

anche io nel mio lavoro guardo cosa fanno i prodotti concorrenti, se c'è una buona idea ed è funzionale al prodotto e ci si rende conto che il mercato la richiede la sia adotta, sicuramente la concorrenza fa altrettanto "spiando" il nostro di prodotto
non c'è niente di male, a maggior ragione quando imiti l'idea ma non fai un semplice copia incolla di codice sorgente...


Originariamente inviato da: Spyto
È quasi un anno che uso Xamarin e devo ammettere che programmare in cross platform è vantaggioso e anche produttivo. Sicuramente non è la cosa più semplice del mondo 😊


sì Xamarin è molto interessante per chi lavora cross platform
noi non lo usiamo ma abbiamo un sistema simile che ci consente di riciclare gran parte del codice tra iOS e Android e grazie a Electron riusciamo a girare anche su Windows che però continua ad essere ignorato dai nostri clienti (parlo per il mobile compresi i tablet)

bisogna capire come saranno queste app universali iOS macOS perché ancora non è chiaro e ovviamente lo sarà solo dopo il WWDC ammesso che annuncino la cosa già nel 2018
l'obiettivo di Apple credo sia quello di sfruttare la popolarità di iOS per portare un po' di app su macOS dove gli sviluppatori sono pochissimi in confronto perché le API sono molto diverse, io è da 6 anni che sviluppo iOS e se mi devo mettere a fare un app per il Mac riciclo veramente poco, faccio prima ad usare Electron e farla tutta in javascript...

se si riuscisse ad usare UIKit anche sul Mac con "solo" il supporto al menù di sistema che su iOS non c'è sarebbe enormemente più comodo fare il porting delle app, ci sarebbe da capire come fare con il filesystem ma presumo che ci sarebbe lo stesso sandboxing che abbiamo su iOS
altrimenti, in modo del tutto trasparente, potrebbero rendere compatibili le app iOS con il Mac e non sarebbe nemmeno così difficile perché il simulatore c'è già e funziona bene, non ti permette di fare alcune cose (tipo mandare una mail) ma implementate quelle funzionalità sarebbero a posto

un'altra possibilità, che però mi sembra più remota, è che affianchino un terzo framework a UIKit e AppKit che sia universale
dico remota perché tutti gli sviluppatori iOS dovrebbero riscrivere la loro roba per questo TerzKit (passatemi il termine ) quindi meglio portare UIkit sul Mac

a me il mercato del Mac interessa relativamente perché il market share è basso e come dicevo posso sempre fare un'app Electron, però da utente Mac avere un bel po' di utility prese da iOS potrebbe fare comodo quindi ben venga l'idea di app universali
emiliano8402 Febbraio 2018, 10:17 #10
Originariamente inviato da: jepessen
Ed esattamente come faresti senza chissa' quale sofisticato ambiente di sviluppo a creare u software che compila per smartphone, tablet e pc con sistemi operativi diversi e senza riscrivere codice per ogni piattaforma?


facilissimo, basta che ti scrivi il tuo framework, che converte il tuo linguaggio e UI ad alto livello, in codice nativo per le piattoforme per le quali vuoi sviluppare...che ci vuole no?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^