Torna indietro   Hardware Upgrade Forum > Hardware Upgrade > News

Huawei AI Cube: lo speaker audio con l'IA e la rete 4G. La recensione
Huawei AI Cube: lo speaker audio con l'IA e la rete 4G. La recensione
Un prodotto un po' particolare questo Huawei AI Cube, uno speaker audio con Intelligenza Artificiale e modem/router 4G integrato. Può essere trasportato da un appartamento all'altro e con le dovute accortezze può essere utilizzato anche in auto o in camper. Manca, però, una batteria che, insieme alla presenza del modem 4G, lo avrebbe reso un prodotto completo, versatile, e utilizzabile davvero in ogni circostanza.
OnePlus 7T Pro: piccoli miglioramenti per un prodotto top di gamma. La recensione
OnePlus 7T Pro: piccoli miglioramenti per un prodotto top di gamma. La recensione
OnePlus continua a fare sul serio e, come negli anni passati, decide di presentare al pubblico una doppia versione del suo OnePlus 7 dopo appena 6 mesi. Ecco che a distanza di qualche settimana arriva sul mercato anche la versione 7T Pro che non cambia nel design ma aumenta le prestazioni. Ecco le differenze con OnePlus 7 Pro.
Xiaomi Mi 9T Pro: difficile dirgli di no a meno di 500 euro! La recensione
Xiaomi Mi 9T Pro: difficile dirgli di no a meno di 500 euro! La recensione
Si candida come miglior smartphone sotto i 500€ e si confronta ad armi pari con dispositivi del calibro di ASUS Zenfone 6 in quella fascia di prezzo. Ha lo Snapdragon 855, un display di altissimo livello e una buona ottimizzazione software. Il tutto con un'ottima autonomia e diverse caratteristiche riprese dalla fascia alta del mercato. Rispetto ad altri flagship, però, costa meno della metà!
Tutti gli articoli Tutte le news

Vai al Forum
Rispondi
 
Strumenti
Old 24-07-2012, 07:21   #1
Redazione di Hardware Upg
www.hwupgrade.it
 
Iscritto dal: Jul 2001
Messaggi: 75180
Link alla notizia: http://www.businessmagazine.it/news/...cla_43158.html

La possibilità di realizzare celle solari trasparenti permetterà in futuro di usare le finestre per generare energia elettrica da erogare alle abitazioni

Click sul link per visualizzare la notizia.
Redazione di Hardware Upg è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 24-07-2012, 07:59   #2
demon77
Senior Member
 
L'Avatar di demon77
 
Iscritto dal: Sep 2001
Città: Saronno (VA)
Messaggi: 14315
E' chiaramente una ottima cosa ma purtroppo siamo lontani da qualcosa di utile.. finestre fotovoltaiche con una efficienza del 4% in condizioni ottimali (sole sparato diretto alla giusta angolazione) sono pressochè inutili..

Spero piuttosto che si arrivi presto a produrre pannelli NON trasparenti ma con elevato rendimento e possibilmente basso costo!
__________________
DEMON77

La mia galleria su Deviant Art: http://aby77.deviantart.com/gallery/?catpath=/
demon77 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 24-07-2012, 08:05   #3
frankie
Senior Member
 
L'Avatar di frankie
 
Iscritto dal: Nov 2000
Città: Varese Stato:confusionale acuto Pensiero:Scienziatopazzo GlasgowComaScale:4,6,5 Reseach:Prism
Messaggi: 7135
Questi ipotetici pannelli hanno uno spettro di assorbimento vicino all'IR, o comunque in quella direzione. Gli altri pannelli?
Perchè SE gli spettri non sono sovrapponibili, ALLORA è possibile fare un pannello multistrato.
frankie è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 24-07-2012, 08:24   #4
demon77
Senior Member
 
L'Avatar di demon77
 
Iscritto dal: Sep 2001
Città: Saronno (VA)
Messaggi: 14315
Quote:
Originariamente inviato da frankie Guarda i messaggi
Questi ipotetici pannelli hanno uno spettro di assorbimento vicino all'IR, o comunque in quella direzione. Gli altri pannelli?
Perchè SE gli spettri non sono sovrapponibili, ALLORA è possibile fare un pannello multistrato.
Si, questo è vero!
Però se guardi l'immagine vedi bene che il vetro è un po' oscurato (quasi inevitabile direi) e questo impatterebbe parecchio su un eventuale strato fotovoltaico tradizionale posto dietro.
__________________
DEMON77

La mia galleria su Deviant Art: http://aby77.deviantart.com/gallery/?catpath=/
demon77 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 24-07-2012, 08:33   #5
TheDarkAngel
Senior Member
 
L'Avatar di TheDarkAngel
 
Iscritto dal: Jun 2001
Città: Pavia
Messaggi: 23795
Quote:
Originariamente inviato da demon77 Guarda i messaggi
E' chiaramente una ottima cosa ma purtroppo siamo lontani da qualcosa di utile.. finestre fotovoltaiche con una efficienza del 4% in condizioni ottimali (sole sparato diretto alla giusta angolazione) sono pressochè inutili..

Spero piuttosto che si arrivi presto a produrre pannelli NON trasparenti ma con elevato rendimento e possibilmente basso costo!
Prova ad immaginare grattacieli con centinaia di metri quadri di vetri, ora prova a metterci questi pannelli e vedrai che il 4% è meglio di niente
Diminuiresti la necessità di climatizzazione e contemporaneamente avresti una minima ma significativa, date le metrature a disposizione, produzione elettrica.
__________________
//\\ Vendo =>

Ultima modifica di TheDarkAngel : 24-07-2012 alle 08:35.
TheDarkAngel è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 24-07-2012, 08:55   #6
devilred
Senior Member
 
L'Avatar di devilred
 
Iscritto dal: Sep 2008
Città: Salerno
Messaggi: 4501
Quote:
Originariamente inviato da demon77 Guarda i messaggi
E' chiaramente una ottima cosa ma purtroppo siamo lontani da qualcosa di utile.. finestre fotovoltaiche con una efficienza del 4% in condizioni ottimali (sole sparato diretto alla giusta angolazione) sono pressochè inutili..

Spero piuttosto che si arrivi presto a produrre pannelli NON trasparenti ma con elevato rendimento e possibilmente basso costo!
sapevo che un universita' americana aveva fatto belle scoperte in quest'ambito. costo dimezzato del 50% e rendimento del 90%.
__________________
XIAOMI REDMI 5 PLUS/GALAXY S2
devilred è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 24-07-2012, 09:02   #7
Mparlav
Senior Member
 
L'Avatar di Mparlav
 
Iscritto dal: Dec 2005
Messaggi: 16112
Ci sono le pellicole fotovoltaiche con un rendimento maggiore, ma la fregatura è che contengono cadmio.

Trovo molto più interessante questo studio dell'Idaho National Laboratory:
http://www.inl.gov/pdfs/nantenna.pdf

nanoantenne che captano la radiazione infrarossi, ma al solito i problemi sono: efficienza di conversione, costo di produzione, riciclaggio.
Mparlav è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 24-07-2012, 09:06   #8
calabar
Senior Member
 
L'Avatar di calabar
 
Iscritto dal: Oct 2001
Messaggi: 13138
Se avessimo un rendimento del 90% a costo dimezzato e fosse possibile la produzione industriale in grandi quantità avremo probabilmente risolto buona parte dei problemi energetici mondiali.
Per cui quelle cifre mi sembrano un po' esagerate... hai qualche link a riguardo?

Questi pannelli, con un rendimento così basso, diventerebbero interessanti solo se il costo fosse davvero basso, in modo da poterli integrare in ampie vetrate. Certo, la presenza dei nanocavi d'argento potrebbe far pensare ad un costo non così irrisorio, ma tutto dipende dalle quantità.
calabar è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 24-07-2012, 09:06   #9
dav1deser
Senior Member
 
L'Avatar di dav1deser
 
Iscritto dal: Jan 2008
Messaggi: 3538
Quote:
Originariamente inviato da demon77 Guarda i messaggi
E' chiaramente una ottima cosa ma purtroppo siamo lontani da qualcosa di utile.. finestre fotovoltaiche con una efficienza del 4% in condizioni ottimali (sole sparato diretto alla giusta angolazione) sono pressochè inutili..

Spero piuttosto che si arrivi presto a produrre pannelli NON trasparenti ma con elevato rendimento e possibilmente basso costo!
Il 4% di efficienza è nella norma per celle foto voltaiche polimeriche, e non poi così importante che sia bassa: se ad esempio il costo fosse sulle 7 volte più basso delle celle al silicio monocristallino (25% di efficienza), a parità di Watt prodotti queste celle polimeriche costerebbero di meno, certo avresti bisogno di più spazio, ma essendo trasparenti le puoi mettere un po' dove ti pare.
__________________
La mia config Aggiornata 08/01/2018
Feedback mercatino
Sondaggio CPU Desktop
dav1deser è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 24-07-2012, 09:58   #10
TheQ.
Senior Member
 
L'Avatar di TheQ.
 
Iscritto dal: Mar 2011
Messaggi: 2716
Bello, ora potrebbero anche spiegarci perchè se l'angolo ottimale di zenit per la nostra latitudine in estate è di 32° (picco di produzione) e per l'inverno è di circa 15° (picco di produzione), a zero gradi dovrebbe essere conveniente produrre energia...

Tra l'altro è insensato pensare che la superficie delle finestre, in una classe energetica di tipo A o gold sia supriore alle superfici esposte di tetto e pareti (limite minimo di ufficio igiene 1/3 di apertura finestra rispetto all'area della stanza servita)

(<,<)''
TheQ. è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 24-07-2012, 10:37   #11
dav1deser
Senior Member
 
L'Avatar di dav1deser
 
Iscritto dal: Jan 2008
Messaggi: 3538
Quote:
Originariamente inviato da TheQ. Guarda i messaggi
Bello, ora potrebbero anche spiegarci perchè se l'angolo ottimale di zenit per la nostra latitudine in estate è di 32° (picco di produzione) e per l'inverno è di circa 15° (picco di produzione), a zero gradi dovrebbe essere conveniente produrre energia...

Tra l'altro è insensato pensare che la superficie delle finestre, in una classe energetica di tipo A o gold sia supriore alle superfici esposte di tetto e pareti (limite minimo di ufficio igiene 1/3 di apertura finestra rispetto all'area della stanza servita)

(<,<)''
Pensa anche agli edifici non abitativi...chessò i centri commerciali che spesso hanno ampie vetrate sul soffitto. O magari gli edifici di uffici, dove spesso le pareti sono quasi completamente delle vetrate. In quei casi, anche se l'angolazione non è ottimale, direi che di Watt ne produci in quantità. Poi la questione finale è sempre il costo: se dovesse costare quanto una normale finestra in vetro, anche se mediamente producesse solo una decina di Watt, per quale ragione non dovresti metterla ovunque possibile? I nanocavi d'argento non lasciano ben presagire su prezzi estremamente concorrenziali, ma magari qualcuno riuscirà a sostituirli con materiali più economici...
__________________
La mia config Aggiornata 08/01/2018
Feedback mercatino
Sondaggio CPU Desktop
dav1deser è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 24-07-2012, 11:12   #12
Faster_Fox
Senior Member
 
L'Avatar di Faster_Fox
 
Iscritto dal: Jul 2007
Messaggi: 2971
Quote:
Originariamente inviato da devilred Guarda i messaggi
sapevo che un universita' americana aveva fatto belle scoperte in quest'ambito. costo dimezzato del 50% e rendimento del 90%.
Fonte please
__________________
Flickr
Faster_Fox è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 24-07-2012, 14:24   #13
TheQ.
Senior Member
 
L'Avatar di TheQ.
 
Iscritto dal: Mar 2011
Messaggi: 2716
Quote:
Originariamente inviato da dav1deser Guarda i messaggi
Pensa anche agli edifici non abitativi...chessò i centri commerciali che spesso hanno ampie vetrate sul soffitto. O magari gli edifici di uffici, dove spesso le pareti sono quasi completamente delle vetrate. In quei casi, anche se l'angolazione non è ottimale, direi che di Watt ne produci in quantità. Poi la questione finale è sempre il costo: se dovesse costare quanto una normale finestra in vetro, anche se mediamente producesse solo una decina di Watt, per quale ragione non dovresti metterla ovunque possibile? I nanocavi d'argento non lasciano ben presagire su prezzi estremamente concorrenziali, ma magari qualcuno riuscirà a sostituirli con materiali più economici...
mah io non vorrei che le speranze della gente confondessero la forte differenza esistente fra una cellula fotovoltaica ed un modulo.
I moduli fotovoltaici sono unioni di più cellule fotovoltaiche, mentre i moduli stanno fra di loro in serie.
Ora, l'immagine mostra una cellula fotovoltaica grande quanto una mano...quindi più cellule fotovoltaiche per finestra o per singolo vetro costituente di una vetrata e le giunzioni di alimentazione che collegano la cellula al modulo od alla rete sono visibili.
Ok, pensiamo pure di rendere invisibili anche questi collegamenti metallici... a questo punto si scopre che una qualsiasi ombra che coinvolge un modulo fotolvoltaico abbassa la potenza prodotta su questo, e dato che più moduli su una stringa sono in serie, la produzione della serie è costretta ad essere di caratteristiche elettriche pari al modulo di potenza inferiore perchè ombreggiato. E' il tipico problema che avviene negli impianti con gli alberi che in 20 anni crescono e oscurano qualche modulo o con l'effetto comignolo di un camino.
Tuttavia se spostiamo questo ad una parete che riceve magari l'ombreggiamento di edifici vicini le cose si complicano, anche perchè non esiste a tutt'oggi una legge che impedisce al vicino di costruire un rilevato che provoca l'ombreggiamento nel vicino impianto FW.

Direi quindi che nella maggior parte delle costruzioni, costituite da superfici chiuse e non aperte come vetri, la soluzione tubolare stile solyndra per l'azimut zero potrebbe già essere migliore (appoggi non inclinati ad inclinazione zero), meglio ancora se affiancata ad un'adeguata superficie di riflessione inferiore oppure la soluzione a film sottile su supporto in gomma, tutt'oggi molto vantaggiosa per prezzi di installazione su capannoni, ma decisamente pessima per efficienza (5% d'altra parte è costituita da silicio amorfo).

Inoltre il grosso problema è far entrare nella testa dura di certi architetti che oggi si costruiscono moduli fotovoltaici con un altro materale per i conduttori P-n, e non si usa più l'arseniuro. Per cui fra 20 anni non è niente vero che sarà costotissimo smaltire i moduli fotovoltaici (arsenico sostanza tossica che non dovrebbe essere rilasciata nell'ambiente), come invece blaterano spesso ai committenti. Tra l'altro se a 20 anni l'efficienza dei moduli resta all'80% dell'originale non ha nemmeno senso smaltire l'impianto
Al contrario le celle a produzione maggiore, le Ga-As hanno questo problema, e per questo sono bandite dalle sovvenzioni.
TheQ. è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 24-07-2012, 16:20   #14
Itacla
Senior Member
 
Iscritto dal: Feb 2009
Messaggi: 610
Quote:
Originariamente inviato da Faster_Fox Guarda i messaggi
Fonte please
Ma non c'è bisogno di nessuna fonte per capire che quelle percentuali non stanno in piedi.
Se esistono si riferiscono sicuramente a qualcosa d'altro e non al rendimento totale dell'impianto.

Altrimenti davvero avremmo risolto tutti i nostri problemi da qui all'eternità.
Itacla è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 24-07-2012, 19:49   #15
lucusta
Senior Member
 
L'Avatar di lucusta
 
Iscritto dal: May 2001
Messaggi: 5552
aggiustiamo il tiro:
si parla di IR vicino, ossia con lunghezza d'onda sopra il visibile (700microm) e comunque sotto le microonde (meno di 1000microm); radiazione che comunque non sono per ora sfruttate.
se consideriamo l'energia della radiazione solare da ultavioletto a IR vicino, anche il rendimento delle tradizionali celle fa' pena (il 25% e' riferito appunto alla sola energia del visibile ristretto, che non e' nemmeno il 50% di quella totale, diversamente siamo sotto il 13% per le migliori celle, mentre diventa il 17% se non consideriamo l'UV corto, schermato dalla ionosfera).
percio' se mi dicono che e' il 4% della radiazione totale, dico che e' un ottimo risultato, perche' e' equiparabile all' 8% in riferimento al dichiarato sul solo visibile (quel 25% citato sopra) e al circa 6% su UV+visibile (in confronto al 17% citato sopra); se fosse il 4% seguendo la stessa filisofia del 25%.... e' un po' scarsino.

altra cosa: da come ho capito la tecnologia (nonaltro che l'inverso della tecnologia OLED, se non fosse che non sono diodi), non e' necessaria la perpendicolarita' ai raggi; la non perfetta normale con i raggi ne diminuisce solo la superfice irradiata, ma non la capacita' di assorbire la radiazone, come nelle celle tradizionali, perche' non sono sistemi multistrato (non celle multistrato, ma la sessa cella e' un multistrato di silicio, in cui sopra c'e' una griglia metallica che fa' da elettrodo), quindi non si comportano come tubi illuminati (in cui il cono di luce deve collimare sui due strati), ma solo come superfice; quindi questi pannelli sono decisamente piu' efficenti dei tradizionali per quanto riguarda il posizionamento statico, ma anche nell'irradiazione, in quanto gli IR vicini arrivano a terra anche attraverso uno strato di nuvole.
sempre se quel rendimento non consideri anche queste altre variabili; diversamente avrebbero un rendimento reale realmente basso.

c'e' da trovare un po' di notizie piu' precise....
lucusta è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 24-07-2012, 20:57   #16
Ranzo
Senior Member
 
L'Avatar di Ranzo
 
Iscritto dal: Dec 2003
Città: Milano
Messaggi: 587
Quote:
Originariamente inviato da Itacla Guarda i messaggi
Ma non c'è bisogno di nessuna fonte per capire che quelle percentuali non stanno in piedi.
Se esistono si riferiscono sicuramente a qualcosa d'altro e non al rendimento totale dell'impianto.

Altrimenti davvero avremmo risolto tutti i nostri problemi da qui all'eternità.
Concordo!
Senza entrare nel dettaglio fornisco alcuni dati interessanti
(direttamente dal corso di energie rinnovabili tenuto al Politecnico di Milano)

Per le celle al Silicio:
- il 30,2% dell'energia si perde per l'incapacità si sottratte al fotone più di 1,12 eV;
- il 20,2% dell'energia si perde poichè i fotoni non hanno sufficiente energia per originare l'effetto fotovoltaico;

Perciò il rendimento teorico (teorico di solito è lontano dalla realtà...) è del 49,6%.

A queste perdite si aggiungono:
- perdite ohmiche;
- perdite per ricombinazione
- ecc..

Le celle monocristalline arrivano quindi a efficienze massime del 18% (o poco più al massimo).
Le celle a film sottile hanno rendimenti inferiori generalemente.

Ovviamente le celle citate non sfruttano la radiazione IR, ma cmq non credo sia semplice avere un rendimento maggiore (di molto).

Ultima modifica di Ranzo : 24-07-2012 alle 21:40.
Ranzo è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 25-07-2012, 09:29   #17
Baboo85
Senior Member
 
L'Avatar di Baboo85
 
Iscritto dal: Aug 2007
Città: Milano
Messaggi: 11866
Quote:
Originariamente inviato da demon77 Guarda i messaggi
E' chiaramente una ottima cosa ma purtroppo siamo lontani da qualcosa di utile.. finestre fotovoltaiche con una efficienza del 4% in condizioni ottimali (sole sparato diretto alla giusta angolazione) sono pressochè inutili..

Spero piuttosto che si arrivi presto a produrre pannelli NON trasparenti ma con elevato rendimento e possibilmente basso costo!
E' ancora una tecnologia acerba. Ma le applicazioni sono infinite.

Finestre delle case, vetri delle auto, schermi di portatili/tablet/smartphone...

Addirittura gli occhiali da sole, che se gia' sono un po' opachi rende piu' facile la realizzazione (IMHO)...

Bisogna dare tempo al tempo
__________________
CLOUD STORAGE FREE - ELENCO DEI SITI (da 2GB a 36TB) | Asus G51JX (Thread Ufficiale) | Quale notebook per giocare? | PC GAMING: Core i7-2600K 3,4GHz - 32GB - SSD 128GB + SSD 1TB - AMD R9 290X |
Baboo85 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 25-07-2012, 10:23   #18
nostradamus1915
Senior Member
 
Iscritto dal: Jan 2008
Messaggi: 331
Sono triste perché non ne permetteranno la commercializzazione se non in un futuro molto lontano, per ovvi motivi.
nostradamus1915 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 25-07-2012, 12:23   #19
Chelidon
Senior Member
 
L'Avatar di Chelidon
 
Iscritto dal: Aug 2006
Città: Parma
Messaggi: 2373
Quote:
Originariamente inviato da frankie Guarda i messaggi
Questi ipotetici pannelli hanno uno spettro di assorbimento vicino all'IR, o comunque in quella direzione. Gli altri pannelli?
Perchè SE gli spettri non sono sovrapponibili, ALLORA è possibile fare un pannello multistrato.
Lo spettro solare è questo e se ne possono sfruttare varie regioni a seconda della tipologia del semiconduttore.

In realtà già oggi si studiano celle che sfruttano contemporaneamente diverse parti dello spettro (integrate già come unica struttura) per migliorare il rendimento: sono le cosiddette celle a multigiunzione, solo che non è detto sia un bene avere un rendimento altissimo se poi il modulo viene a costare un'enormità a parità di Watt prodotti, rispetto ad altre tecnologie perché lo devi anche ammortizzare sulla sua vita e magari venderlo ai comuni mortali, occhio!

Quote:
Originariamente inviato da demon77 Guarda i messaggi
E' chiaramente una ottima cosa ma purtroppo siamo lontani da qualcosa di utile.. finestre fotovoltaiche con una efficienza del 4% in condizioni ottimali (sole sparato diretto alla giusta angolazione) sono pressochè inutili..

Spero piuttosto che si arrivi presto a produrre pannelli NON trasparenti ma con elevato rendimento e possibilmente basso costo!
Ragazzi non pensate con schemi troppo fissi solo ai tetti. Se efficienze simili delle celle organiche possono far ridere, considerate anche che hanno bassisimi costi e ad esempio potrebbero avere senso per tutta una serie di dispositivi a basso consumo auto alimentati (dal medicale fino al vestiario volendo). Ad esempio anche un progetto come questo immaginatelo in uno schermo di un dispositivo a basso consumo o nel vetro di un'auto: il costo finale sarebbe basso perché tutto integrato e lo schermo sarebbe leggibile anche se in realtà produce un po' di energia per esempio. Quello che conta economicamente più dell'efficienza è il costo per unità di potenza della cella cioè $/W.

Quote:
Originariamente inviato da devilred Guarda i messaggi
sapevo che un universita' americana aveva fatto belle scoperte in quest'ambito. costo dimezzato del 50% e rendimento del 90%.
Detto così non vuol dire nulla qualcuno ha già accennato al limite teorico per giunzione singola, in ogni caso si può aumentare il rendimento con sistemi a concetrazione o multigiunzione, ma bisogna vedere bene i costi assoluti della cella per Watt prodotto.

Quote:
Originariamente inviato da calabar Guarda i messaggi
Questi pannelli, con un rendimento così basso, diventerebbero interessanti solo se il costo fosse davvero basso, in modo da poterli integrare in ampie vetrate. Certo, la presenza dei nanocavi d'argento potrebbe far pensare ad un costo non così irrisorio, ma tutto dipende dalle quantità.
Stai scherzando.. non so se hai fatto caso al nano nella parola: di argento alla fine nella cella ce n'è pochissimo, anche perché i contatti devono essere trasparenti e Ag è pur sempre un metallo e non farebbe passare la luce se ce ne fosse tanto! Tranquillo che se hanno pensato a quella soluzione è stato per abbassare il costo, perché di solito nei contatti trasparenti si usa In che però sta diventando molto costoso. Inoltre questo genere di celle organiche viene molto studiato proprio perché promettono costi bassi e quindi fanno passare un po' in secondo piano il fatto che partono con efficienze più basse (la cosa va vista in prospettiva, vedi grafico della ricerca) dei soliti semiconduttori inorganici.


Quote:
Originariamente inviato da TheQ. Guarda i messaggi
Inoltre il grosso problema è far entrare nella testa dura di certi architetti che oggi si costruiscono moduli fotovoltaici con un altro materale per i conduttori P-n, e non si usa più l'arseniuro. Per cui fra 20 anni non è niente vero che sarà costotissimo smaltire i moduli fotovoltaici (arsenico sostanza tossica che non dovrebbe essere rilasciata nell'ambiente), come invece blaterano spesso ai committenti.
Come semiconduttore per tecnologia a singola giunzione p-n, il GaAs è il non-plus-ultra ha l'unico difetto di essere carissimo e non penso che si sia mai rischiato di vederlo seriamente sui tetti (è più roba da pannelli sui satelliti che devono resistere a radiazioni e avere alta efficenza senza badare a costi). Invece quello che dici potrebbe interessare la tecnologia a film sottile che a breve in questi anni sta diventando molto competitiva commercialmente, perché spesso fa uso di semiconduttori che contengono Cadmio. Non si rischia di rilasciarlo perché la cella è protetta e comunque non è volatile neanche a temperature relativamente alte, però va smaltito, ma a regime dovrebbero essere le stesse aziende produttrici a occuparsene a fine vita, perché sarebbe sostenibile economicamente riutilizzare il materiale ed abbasserebbe la domanda di altri elementi rari utilizzati.
__________________
Vendo: DVD-sata, DDR2, CPU, HD, Ati9200
Ho concluso positivamente con: sozzimar, Twister7800gtx, altri (usate cerca)
Chelidon è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 25-07-2012, 13:51   #20
TheQ.
Senior Member
 
L'Avatar di TheQ.
 
Iscritto dal: Mar 2011
Messaggi: 2716
@lucusta
le radiazioni IR sono fortemente influenzate dall'umidità dell'aria. Certo con una fonte immensa come il sole arrivano comunque radiazioni IR anche con le nuvole, ma in diversa quantità. Basta anche solo fare riferimento alla taratura di una telecamera ad infrarossi.

Indipendenza della potenza dall'inclinazione?! se non vedo non credo
^_^''


@baboo85
>vetri delle auto
già meglio, una ricarica durante la corsa delle auto elettriche permetterebbe di ridurre le ore di ricarica degli attuali veicoli elettrici.

@Chelidon
Si la Ga-As non è effettivamente il massimo. Il massimo per ora è stato raggiunto con un triplostrato di cui ho dimenticato gli elementi. Dovrei riprendere in mano l'articolo scientifico.
Diciamo che ho citato la Ga-As per l'alta efficienza e la presenza dell'Arsenico, i cui composti sono tutti tossici. I problemi si possono avere anche con un incendio che fonderebbe i moduli e libererebbe o l'arsenico od il cadmio.
Ma una cosa è considerare lo smaltimento di questi moduli o dei moduli CIS, CIGS, CdTe o CDS, un'altra considerare i classici moduli in silicio e alluminio o fosforo (quadrivalenti boro alluminio, pentavalenti fosforo o arsenico).
TheQ. è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
 Rispondi


Huawei AI Cube: lo speaker audio con l'IA e la rete 4G. La recensione Huawei AI Cube: lo speaker audio con l'IA e la r...
OnePlus 7T Pro: piccoli miglioramenti per un prodotto top di gamma. La recensione OnePlus 7T Pro: piccoli miglioramenti per un pro...
Xiaomi Mi 9T Pro: difficile dirgli di no a meno di 500 euro! La recensione Xiaomi Mi 9T Pro: difficile dirgli di no a meno ...
Canon Powershot G5 X Mark II. Nuova ottica,  più velocità, migliori prestazioni Canon Powershot G5 X Mark II. Nuova ottica, pi&...
Control: recensione del nuovo gioco degli autori di Max Payne Control: recensione del nuovo gioco degli autori...
Il sindaco Sala taglia il nastro inaugur...
Google Pixel 4 e 4 XL: ecco come saranno...
Samsung Galaxy A91: simile a Galaxy A90 ...
Check Point Experience, il futuro della ...
Fotografa il piatto e sai quanto mangi: ...
Xiaomi al lavoro su uno smartphone con d...
Telefonia Mobile: oltre 1200 comuni non ...
Nuovo video deepfake pubblicato online: ...
Stop da Intel a tutte le CPU Core deskto...
Solo 6,99€ per 50GB, Minuti illimitati e...
Ricoh GR III si aggiorna al firmware 1.3...
Microsoft Flight Simulator: filmato di g...
Safari su iOS invia dati verso i server ...
PlayStation 5 potrebbe funzionare con i ...
Stalker individua la vittima grazie al r...
Backup4all
OCCT
SmartFTP
Chromium
Google Chrome Portable
Dropbox
Firefox 69
Mozilla Thunderbird 68
CrystalDiskInfo
Advanced SystemCare Ultimate 12
Uranium Backup
Process Lasso
NTLite
Opera 64
Opera Portable
Tutti gli articoli Tutte le news Tutti i download

Strumenti

Regole
Non Puoi aprire nuove discussioni
Non Puoi rispondere ai messaggi
Non Puoi allegare file
Non Puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è On
Le Faccine sono On
Il codice [IMG] è On
Il codice HTML è Off
Vai al Forum


Tutti gli orari sono GMT +1. Ora sono le: 22:17.


Powered by vBulletin® Version 3.6.4
Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Served by www3v
1