Comparativa schede madri Intel X58

Comparativa schede madri Intel X58

Asus Rampage III Extreme, Asus P6X58D-E e Gigabyte X58A-UD7: queste le 3 schede madri socket 1366 LGA, per processori Intel Core i7 della famiglia 900, inserite a confronto. Dotazioni accessorie complete, arricchite da controller USB 3.0 e SATA 6 Gb/s

di pubblicato il nel canale Schede Madri e chipset
IntelASUSGigabyte
 

Overclocking

Asus Rampage III Extreme

  • QPI/DRAM Core Voltage: 1.3V
  • CPU Voltage: auto
  • DRAM voltage: 1.65V

rampage_oc.gif (18228 bytes)

Non abbiamo mai raggiunto in passato una frequenza di base clock di 220 MHz con processori socket 1366 LGA, risultato ottenuto invece dalla scheda madre Asus Rampage III Extreme con il processore Core i7 980X. Tale valore è elevatissimo non solo in senso assoluto, ma anche confrontandolo con quanto possibile ottenere con processori socket 1156 LGA che si sono dimostrati essere mediamente più tolleranti a frequenze di base clock elevate rispetto alle cpu Core i7 della serie 900.

Asus P6X58D-E

  • QPI/DRAM Core Voltage: 1.3V
  • CPU Voltage: auto
  • DRAM voltage: 1.65V

p6x_oc.gif (18254 bytes)

Risultato complessivo inferiore ma in ogni caso molto valido per la scheda Asus P6X58D-E, capace di raggiungere i 205 MHz di base clock con lo stesso processore Core i7 980X. Un comportamento di questo tipo da un lato giustifica il differente posizionamento di mercato di questi due prodotti e dall'altro conferma come anche la scheda P6X58D-E sia prodotto indicato per l'utente appassionato che vuole ottenere elevati risultati in overclock.

Gigabyte X58A-UD7

  • QPI/DRAM Core Voltage: auto
  • CPU Voltage: auto
  • DRAM voltage: 1.65V

gigabyte_oc_2.gif (32449 bytes)

La massima frequenza di base clock che abbiamo raggiunto con il processore Intel Core i7 980X abbinato alla scheda madre Gigabyte X58A-UD7 è stata pari a 220 MHz, risultato elevato in assoluto e identico a quello registrato dalla scheda madre Asus Rampage III Extreme.

Originariamente il test in overclock di questa scheda madre ha condotto ad una frequenza massima di soli 185 MHz per il base clock, portando a ritenere che i margini di tolleranza al funzionamento fuori specifica fossero ridotti. Test eseguiti in un secondo tempo hanno permesso di evidenziare, a parità di processore, un comportamento ben più in linea rispetto alle aspettative iniziali. Abbiamo evidenziato la causa dei problemi di limitato margine di overclock: si tratta di un particolare abbinamento tra un kit memorie DDR3 triple channel G.Skill, utilizzato abitualmente in redazione nei test delle schede madri, e l'opzione X.M.S. selezionata da bios una volta che viene abilitato questo profilo, combinazione che con le altre schede madri non aveva generato alcun tipo di problema di funzionamento.

 
^