Elgato 4K X e 4K Pro: acquisizione su HDMI 2.1

Elgato 4K X e 4K Pro: acquisizione su HDMI 2.1

Abbiamo provato la nuova scheda di acquisizione PCIe di Elgato, un'azienda sempre più dedicata alle soluzioni per i giocatori e i content creator. Ecco cosa offre in più grazie al supporto allo standard HDMI 2.1, sia come acquisizione che come passthrough.

di , Bruno Mucciarelli pubblicato il nel canale Periferiche
Elgato
 

Elgato, l'azienda specializzata in periferiche per lo streaming e la condivisione delle esperienze di gioco, sta lanciando due nuovi dispositivi di acquisizione, Elgato 4KX e 4K Pro, dei quali abbiamo avuto modo di provare il secondo. La prima è una soluzione esterna caratterizzata da un'architettura nuova e che utilizza una connessione USB 3.2 Gen 2 da 10 Gbps e due porte HDMI 2.1. 4K Pro, invece, è la soluzione PCIe che rappresenta un'evoluzione di 4K60 Pro MK.2.

[HWUVIDEO="3439"]Elgato 4K X e 4K Pro: le nuove proposte per acquisire su connessione HDMI 2.1[/HWUVIDEO]

Parliamo di soluzioni in grado di garantire una qualità dell'immagine nettamente superiore rispetto alle funzionalità di registrazione e streaming integrate nelle console. Queste non solo dispongono di opzioni di risoluzione e frequenza fotogrammi limitate, ma soprattutto una qualità nella compressione insoddisfacente e limiti di tempo per le registrazioni che variano a seconda della risoluzione e della presenza dell'HDR. Per quanto riguarda lo streaming, invece, delle soluzioni come quelle di Elgato permettono di gestire overlay, avvisi e controlli individuali per le tracce audio, altrimenti non disponibili sulle console.

Elgato 4K Pro

Tra le altre cose, con 4K X e 4K Pro è possibile registrare su unità SSD che permettono di raggiungere velocità in bit elevate oppure eseguire le registrazioni e varie regolazioni direttamente in OBS Studio, lo strumento più utilizzato dai giocatori per operazioni come queste. Inoltre, sono compatibili con console da gioco come Nintendo Switch o Steam Deck, le quali fondamentalmente non consentono direttamente la cattura a una qualità soddisfacente.

Con la nuova generazione dei dispositivi di acquisizione di Elgato è particolarmente significativa l'introduzione del supporto a HDMI 2.1. Quest'ultimo fornisce una bandwidth considerevole rispetto agli standard precedenti, visto che si passa dai 18 Gbps di HDMI 2.0 ai 48 Gbps di HDMI 2.1. Una connessione di questo tipo diventa quindi indispensabile per poter godere di immagini di gioco molto dettagliate, con altro frame rate e con l'introduzione di altri supporti molto esigenti in termini di bandwitdh come HDR. Con HDMI 2.1 è possibile addirittura giocare in 8K a 60 Hz con HDR, qualora si disponesse di un sistema adatto a processare le immagini con queste specifiche, o 4K a 120 Hz sempre con HDR (come avviene con le console di attuale generazione, con i giochi supportati).

Elgato 4K Pro

HDMI 2.1, inoltre, ha introdotto funzionalità come QMS (Quick Media Switching), progettato per eliminare la schermata nera di pochi secondi sul TV che compare quando un dispositivo sorgente esterno come un player multimediale cambia la frequenza dei fotogrammi; QFT (Quick Frame Transport), una tecnologia per ridurre la latenza del display; e ALLM (Auto Low Latency Mode), che attiva automaticamente la Game Mode in presenza di un dispositivo da gioco collegato per garantire le minori latenze possibili in tutti i momenti di gioco. Come sa bene chi gioca sul TV, questo è molto importante per garantire la consistenza di gioco e anche per ritrovarsi tutto configurato per il meglio senza dover smanettare tra le opzioni di configurazione del TV, giocando a latenze decenti. I nuovi dispositivi di acquisizione di Elgato, inoltre, supportano il passthrough ALLM.

Elgato 4K Pro

VRR (Variable refresh rate) era invece già presente in 4K60 Pro MK.2 e serve ad adeguare dinamicamente la frequenza di aggiornamento di un display con la frequenza dei fotogrammi di un sistema di gioco allo scopo di eliminare stuttering e tearing. 4K X e 4K Pro supportano anche HDR 10, il quale, garantendo una profondità di colore a 10 bit che consente di visualizzare oltre un miliardo di colori e con il supporto a una luminosità di picco fino a 10.000 nit, migliora la gamma di colori e i livelli di luminosità per offrire immagini più vivide e realistiche rispetto ai contenuti SDR.

Elgato 4K Pro

In altri termini, i nuovi dispositivi di acquisizione di Elgato sono studiati appositamente per preservare tutte le peculiarità di HDMI 2.1 e garantire le migliori condizioni di registrazione attraverso il nuovo standard, supportato sia da PlayStation 5 che da Xbox Series X/S. Tramite la veloce connessione USB, Elgato 4K X permette di acquisire fino alla risoluzione di 4K a 144 Hz, il tutto senza dover accedere fisicamente al PC per installare la scheda sullo slot PCIe. Nella sua confezione, inoltre, si trova anche un cavo Ultra High Speed HDMI (indispensabile che ci sia questa dicitura sul cavo) per sfruttare la connessione HDMI 2.1. Si trova anche il cavo USB-C 3.2 Gen 2 da 10 Gbps.

Elgato Game Capture 4K X

Elgato Game Capture 4K X

Sul retro di 4K X, invece, si trova una porta di ingresso HDMI, insieme alla porta di uscita HDMI e alla porta USB-C da 10 Gbps. 4K X, inoltre, supporta il passthrough HDMI 2.1 con una larghezza di banda di 40 Gbps. Quindi, non aderisce al massimo potenziale della connessione di 48 Gbps, specularmente a ciò che con particolari cavi e altre opzioni di connessione utilizzate con le console. I 40 Gbps, infatti, si adattano perfettamente alla combinazione di risoluzione e frequenza fotogrammi più utilizzata dalle nuove console, ovvero 4K a 120 Hz in HDR a 10 bit. PlayStation 5, infatti, supporta solo fino a 32 Gbps di larghezza di banda, utilizzando il formato colore YUV422 quando il segnale è a 4K a 120 Hz e con HDR. Xbox Series X, invece, utilizza 40 Gbps per 4K a 120 Hz e HDR a 10 bit, con il segnale che è codificato come RGB.

Elgato Game Capture 4K X

Elgato Game Capture 4K X

PlayStation 5 supporta il passthrough VRR all'interno di un range che va da 48 a 120 Hz, mentre Xbox Series X lo supporta da 40 a 144 Hz, misure entrambe contemplate dalle nuove soluzioni Elgato, visto che vanno da 40 a 144 Hz. In ambito console, 4K X può dunque acquisire alla risoluzione 4K e al frame rate di 120 fps in SDR, e questo vale sia per PlayStation 5 che per Xbox Series X. Nel caso dell'abilitazione dell'HDR a 10 bit, invece, riduce la risoluzione e il frame rate a 1440p60 o a 4K e 30 fps. Per quanto riguarda il PC, si può catturare fino a 4K a 144 Hz in SDR (8 bit) oppure anche a 240 Hz a 1440p in HDR. 4K X, inoltre, supporta il tone mapping per garantire i dettagli nelle aree chiare e scure dell'immagine.

Elgato Game Capture 4K X

Elgato Game Capture 4K X

Sulla parte frontale di Elgato 4K X un LED si accende per indicare che il dispositivo sta catturando, mentre lampeggia se è in condizioni di assenza di segnale o rileva qualche altro problema. Inoltre, il dispositivo è dotato di porta line-in stereo da 3,5 mm da utilizzare con Chat Link Pro, un accessorio necessario quando si utilizza l'uscita per le cuffie del controller di PlayStation 5, il DualSense. Sony non ha ancora abilitato la gestione di più uscite audio su HDMI e sul controller contemporaneamente, in modo da consentire all'audio di continuare a uscire su HDMI anche nel momento in cui le cuffie vengono collegate all'apposito ingresso del controller. Chat Link, quindi, prende il segnale analogico e lo divide per consentire di utilizzare contemporaneamente le cuffie e acquisire l'audio della console.

4K X, inoltre, funziona immediatamente sia con Windows che con macOS senza che sia necessaria l'installazione di alcun driver o software. E, a partire da iPadOS 17, funziona anche con iPad. Quest'ultimo supporto è decisamente rilevante perché consente ai giocatori di acquisire ovunque, portando con loro l'iPad e registrando qualsiasi dispositivo di gioco, anche in mobilità, fino a 4K60 con HDR, il tutto tramite l'app di acquisizione di Elgato disponibile gratuitamente in App Store.

Elgato 4K Pro

4K Pro, invece, richiede uno slot PCIe 2.0 x4 o più veloce. Attraverso il passthrough HDMI 2.1, 4K Pro supporta input e passthrough elevati, come abbiamo visto prima, permettendo di acquisire nelle migliori condizioni possibili le console, e il PC fino a 240 Hz a 1440p in HDR, e al contempo di giocare mentre si registra senza compromettere l'esperienza di gioco originale. Naturalmente il passthrough per la risoluzione 8K è ancora decisamente futuristico, ma con 4K Pro saremo pronti quando avremo un TV o un monitor a quella risoluzione, insieme a una GPU in grado di processare le immagini per un output del genere. Quando si acquisiscono contenuti per PS5 o Xbox Series X, inoltre, mentre si gioca si può godere del passthrough 4K a 120 Hz con HDR e VRR completi, il che è ovviamente fondamentale per non compromettere l'esperienza di gioco dei creatori di contenuti mentre vogliono acquisire o fare lo streaming.

Elgato 4K Pro

Per poter adoperare i dispositivi di acquisizione di Elgato bisogna collegare un primo cavo HDMI alla porta di ingresso del dispositivo e al sistema che si intende catturare. Un secondo cavo HDMI, invece, va collegato alla porta di uscita HDMI e alla TV o al monitor in cui si intendono visualizzare le immagini mentre si gioca. Naturalmente, è necessario che il dispositivo disponga di una porta HDMI 2.1 (alcuni TV hanno diverse porte HDMI ma solo una o due supportano effettivamente HDMI 2.1). Nel caso di 4K X, inoltre, si deve connettere anche il cavo USB-C incluso nella confezione a una porta USB-C con capacità di 10 Gbps. Nel caso di 4K Pro, invece, bisogna assicurarsi di disporre di uno slot che supporti quattro corsie di larghezza di banda PCIe.

4K Capture Utility

4K Capture Utility

Elgato mette a disposizione anche la cosiddetta 4K Capture Utility, un'applicazione per Windows e per Mac per l'acquisizione dei contenuti di gioco. Questa consente di utilizzare strumenti per la titolazione e il tagging delle acquisizioni, oltre che per controllare il segnale in ingresso, aggiornare il firmware e configurare l'EDID (Extended Display Identification Data). Quando si parla di EDID ci si riferisce a un insieme di dati che si trova all'interno dei dispositivi come TV e monitor che contengono i dettagli sulle funzionalità del dispositivo, tra cui risoluzione supportata, frequenza di aggiornamento massima, VRR supportato, ALLM, larghezza di banda della connessione HDMI e altro ancora. Quando si usa un dispositivo di acquisizione, il sistema EDID interroga prima il display, poi il dispositivo di acquisizione e quindi il dispositivo di input, ovvero il PC o la console che si intendono acquisire. Nella modalità di default, l'EDID non viene modificato e fa riferimento esclusivamente al display. Ma questo potrebbe non andare bene in quei casi in cui il display supporta segnali video come Dolby Vision che 4K X e 4K Pro non supportano. In condizioni del genere, potremmo visualizzare una schermata nera dal dispositivo di acquisizione. Impostando l'EDID in modalità "Merge", invece, la scheda di acquisizione prenderà il controllo in una modalità ibrida e, ad esempio, se il display supporta Dolby Vision, rimuoverà i frammenti relativi a quest'ultimo per garantire che il segnale sia sempre compatibile e possa essere catturato. C'è anche l'opzione "Internal", per la quale il display viene completamente ignorato e viene utilizzato solo l'EDID della scheda di acquisizione. Questo serve quando il passthrough su un display non funziona o in altri casi eccezionali in cui non viene utilizzato il passthrough.

4K Capture Utility

4K Capture Utility

I dispositivi di acquisizione di Elgato presentano anche dei limiti, a partire dall'incapacità a catturare i contenuti con la protezione High-bandwidth Digital Content Protection (HDCP) abilitata. Questo è un sistema di protezione per quei contenuti che viaggiano su DisplayPort, DVI o HDMI pensato per evitare la diffusione di film commerciali o show televisivi. Nel caso delle console, alcuni videogiochi non vengono visualizzati se la protezione HDCP è disabilitata nel menù delle opzioni della console stessa, e questo ovviamente impedisce di acquisirli. Molto spesso si tratta di quei giochi che hanno attinenza con il mondo del cinema, come la serie Marvel's Spider-Man ad esempio.

Elgato 4K Pro

In secondo luogo, il fatto che acquisire contenuti a frame rate molto alti o con le configurazioni di risoluzione maggiori non è compatibile con le principali piattaforme di streaming. YouTube si ferma a 60 fps (anche se è in grado di riprodurre contenuti a 4K in HDR a 60 fps), mentre Twitch è l'unico in grado di trasmettere a 120 fps.

Elgato 4K Pro

In definitiva, le nuove soluzioni di Elgato rappresentano un'evoluzione senz'altro minore rispetto alla precedente generazione, che già rappresentava lo stato dell'arte del settore. Allo stesso tempo, sono indispensabili per quei creatori di contenuti che vogliono giocare "bene" anche mentre registrano, continuando a godere delle prerogative delle nuove console e dei PC con le configurazioni più spinte, e al tempo stesso acquisire immagini di grande qualità.

Elgato Game Capture 4K X ed Elgato Game Capture 4K Pro sono disponibili dalla giornata di oggi ai prezzi rispettivamente di 249,99 € e di 299,99€.

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
megamitch02 Febbraio 2024, 19:51 #1
Ma l'ambito di utilizzo è solo per chi vuole fare streaming di videogames o queste schede hanno anche altro genere di applicazioni?
pWi03 Febbraio 2024, 08:21 #2
Originariamente inviato da: megamitch
Ma l'ambito di utilizzo è solo per chi vuole fare streaming di videogames o queste schede hanno anche altro genere di applicazioni?


Possono acquisire qualsiasi cosa entri nel loro ingresso, ma sono ottimizzate specificamente per i videogiochi.
nosio07 Febbraio 2024, 03:47 #3
Originariamente inviato da: pWi
Possono acquisire qualsiasi cosa entri nel loro ingresso, ma sono ottimizzate specificamente per i videogiochi.


non possono acquisire i DRM, in quanto rompono la catena DRM...
nosio07 Febbraio 2024, 03:49 #4
il numero di commenti delinea quanto questo tipo di attività importi alla gente ed invece, ad ogni reviews delle GPU, vengono esaltate doti che non interessano alla quasi totalità del pubblico.

quanto siete fuori linea con il pubblico non lo riuscite nemmeno a visualizzare.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^