Twitter, Facebook, Google e Microsoft insieme per combattere la propaganda d'odio sul web

Twitter, Facebook, Google e Microsoft insieme per combattere la propaganda d'odio sul web

I quattro colossi del web collaborano per sfruttare la tecnologia allo scopo di combattere la diffusione di propaganda estremista. Oggi il meeting inaugurale a San Francisco

di Andrea Bai pubblicata il , alle 18:21 nel canale Web
TwitterFacebookGoogleMicrosoft
 

Si tiene oggi a San Francisco il meeting inaugurale del Global Internet Forum to Counter Terrorism, un'iniziativa nata lo scorso mese da una collaborazione tra quattro colossi della rete: Twitter, Facebook, Microsoft e Google. L'obiettivo è quello di sfruttare la tecnologia per combattere la propaganda estremista e violenta.

All'incontro partecipano inoltre Amber Rudd, Segretario di Stato per gli Affari Interni del Regno Unito, e Elaine Duke, Segretario della Sicurezza Interna degli Stati Uniti d'America, assieme a rappresentanti dell'Unione Europea e delle Nazioni Unite.

Le quattro realtà hanno intenzione di usare un database di hash condiviso e le recenti tecniche di machine vision per cercare di sradicare la diffusione di immagini estremiste sul web. Dal meeting odierno inizieranno ad essere determinati gli obiettivi congiunti, tra i quali il blocco dell'uso dei social media per gli estremismi, il contrasto alla diffusione di propaganda violenta e lo sfruttamento di eventi nel mondo reale a scopi terroristici.

Nel corso dei prossimi mesi il GIFCT si allargherà ad altri cinque nuovi membri (due dei quali già noti: Snap e Justpaste.it) allo scopo di allargare il database di hash condiviso. L'iniziativa prevede inoltre la collaborazione con altre 50 società con la condivisione di informazioni nel contesto del progetto ICT4Peace e del progetto Tech Against Terrorism delle Nazioni Unite.

Maggiori informazioni sul blog ufficiale di Twitter, in questo post.

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
s-y01 Agosto 2017, 18:42 #1
direi doveroso, anche se temo frutto di una buone dose di 'pepe al culo' messa da qualcuno

nel senso che a leggere la nota ufficiale è incentrato sul problema terrorismo, che per carità... ma dovrebbe essere esteso alla violenza in generale
MaxFabio9301 Agosto 2017, 21:27 #2
Originariamente inviato da: s-y
direi doveroso, anche se temo frutto di una buone dose di 'pepe al culo' messa da qualcuno

nel senso che a leggere la nota ufficiale è incentrato sul problema terrorismo, che per carità... ma dovrebbe essere esteso alla violenza in generale


Concordo, ma non penso che qualcuno li abbia messo "pepe al culo", loro secondo me vedono un crescente numero di problematiche legato al fatto che i loro utenti sguazzano sulle falsità, sulle fake news, sulle campagne di odio e di razzismo e giustamente si vogliono tutelare.

Purtroppo come disse giustamente Umberto Eco, Internet seppur molto utile ha dato la parola a tanti imbecilli che prima si cuocevano solo nel loro brodo, ora sbraitano ai quattro venti sui social.
s-y01 Agosto 2017, 21:40 #3
mi riprometto di leggerlo non al volo come ho fatto prima, tuttavia la diciamo 'press release' pre meeting parla solo di problematiche legate all'uso dei social relativamente al terrorismo
s-y02 Agosto 2017, 07:53 #4
riletto con calma, l'unica parte dove si espande un minimo è quella che riporto sotto, anche se un pò troppo generica al momento, quasi da 'compitino'. bisognerà vedere in seguito, cosa scaturirà...

Our mission is to substantially disrupt terrorists' ability to use the Internet in furthering their causes, while also respecting human rights. This disruption includes addressing the promotion of terrorism, dissemination of propaganda, and the exploitation of real-world events through online platforms.
MaxFabio9302 Agosto 2017, 20:27 #5
Originariamente inviato da: s-y
riletto con calma, l'unica parte dove si espande un minimo è quella che riporto sotto, anche se un pò troppo generica al momento, quasi da 'compitino'. bisognerà vedere in seguito, cosa scaturirà...

Our mission is to substantially disrupt terrorists' ability to use the Internet in furthering their causes, while also respecting human rights. This disruption includes addressing the promotion of terrorism, dissemination of propaganda, and the exploitation of real-world events through online platforms.


Si ovviamente il focus era su questo, ma i due argomenti non si escludono a vicenda

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^