DVB-T2: nuova fase del digitale terrestre per far posto al 5G

DVB-T2: nuova fase del digitale terrestre per far posto al 5G

Il Governo ha stabilito che il debutto del digitale terrestre di seconda generazione avverrà il primo luglio del 2022

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 11:01 nel canale Telefonia
 

L'esigenza principale è quella di lasciare spazio al 5G all'interno dello spettro delle frequenze secondo quanto deliberato dalla Commissione Europea, che sta gestendo proprio la transizione alla nuova modalità di comunicazione della telefonia mobile. Frequenze che sono attualmente occupate proprio dal digitale terrestre di prima generazione.

Il DVB-T2, invece, permetterà di trasmettere più canali in meno spazio e per questo dovrà essere messo a disposizione di tutti gli italiani entro l'1 luglio 2022, così come ratifica la nuova Legge di Bilancio all'interno dell'articolo "Uso efficiente dello spettro e transizione alla tecnologia 5G". Entro il 31 marzo 2018 l'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni dovrà definire ''le procedure per l'assegnazione dei diritti d'uso di frequenze radioelettriche''. L'Agcom dovrà anche stabilire le frequenze da destinare al servizio televisivo in digitale terrestre, ovvero il cosiddetto PNAF.

DVB-T2

Il passaggio allo standard DVB-T2 libera le frequenze cosiddette nobili, della banda dei 700 MHz, comprese tra i 694 e i 790 MHz, e le assegna alle telecomunicazioni mobili 4G e 5G. Queste frequenze si caratterizzano per un migliore coefficiente di penetrazione negli immobili rispetto alle frequenze con lunghezze d’onda più corte. Si tratta di frequenze che, per questi motivi, si adattano meglio alla navigazione su internet, e che quindi vanno destinate agli smartphone equipaggiati con i moduli di comunicazione 4G e 5G.

La transizione al DVB-T2 arriverà insieme al passaggio al codec HEVC (High Efficiency Video Coding), che prenderà il posto dell’attuale MPEG2/MPEG4. Il nuovo codec supporta l’ultra definizione delle immagini fino a 8192x4320 pixel. E' proprio grazie a HEVC che si ottiene il risparmio sullo spazio all'interno dello spettro delle frequenze adibito alla trasmissione dei dati, il tutto senza perdita di qualità.

La Commissione Europea sta richiedendo agli stati membri un piano strategico per la gestione della transizione che prevede varie fasi. L'Agcom, infatti, dovrà anche occuparsi di rilasciare il piano per il diritto d'uso ai vari protagonisti del mercato, con il 40% della capacità trasmissiva del multiplex regionale che andrà assegnato al servizio pubblico. La fase di transizione, invece, riguarderà il periodo che va dal primo gennaio 2020 al 30 giugno 2022. Questa comporterà la commercializzazione di nuove TV aderenti allo standard DVB-T2 e l'adeguamento delle antenne centralizzate dei condomini.

Sarà comunque possibile dotarsi esclusivamente del decoder adatto, esattamente come avvenne al passaggio da analogico a digitale di qualche anno fa. Il decoder deve ovviamente supportare gli standard DVB-T2 e HEVC.

Per sostenere la transizione il Governo ha varato un piano di 100 milioni di euro entro il 2022 come contributo alle famiglie per l'adeguamento delle TV in vista dello switch off. Questo proprio per venire incontro alle necessità dei cittadini che dovranno aggiornare il loro apparato di ricezione del digitale terrestre.

61 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
gd350turbo02 Novembre 2017, 11:20 #1
Mancano ancora 5 anni...

Del decoder dvbt2, ci saranno quindi incentivi per l'acquisto ?
mi interessa poco, ma del 5g a 700 mhz, può essere interessante
+Benito+02 Novembre 2017, 11:23 #2
ma che lungimiranza c'è da parte del legislatore nel riservare ancora frequenze per la diffusione via etere? La strada è ben chiara: diffusione di contenuti via internet. Tra 5-10 anni sarà normale avere il "decoder" per la tv "via cavo" nel televisore.
La diffusione delle tv via etere dovrebbe andare in dismissione a favore dell'aumento della banda per i dati mobili, non il contrario
*aLe02 Novembre 2017, 11:28 #3
La fase di transizione, invece, riguarderà il periodo che va dal primo gennaio 2020 al 30 giugno 2022. Questa comporterà la commercializzazione di nuove TV aderenti allo standard DVB-T2 e l'adeguamento delle antenne centralizzate dei condomini.
Scusate, ma io mi son perso... Non è già scattato dal primo gennaio 2017 l'obbligo di vendere TV compatibili DVB-T2 e HEVC?
The_ouroboros02 Novembre 2017, 11:29 #4
Originariamente inviato da: gd350turbo
Mancano ancora 5 anni...

Del decoder dvbt2, ci saranno quindi incentivi per l'acquisto ?


Se cambiano codec e il tuo decoder non lo puo decodificare, l'incentivo e' vedere la tv
gd350turbo02 Novembre 2017, 11:33 #5
Originariamente inviato da: The_ouroboros
Se cambiano codec e il tuo decoder non lo puo decodificare, l'incentivo e' vedere la tv


Al tempo, tanti anni fa, mi ricordo che ci fu in incentivo, cioè, ci metteva dei soldi lo stato, per finanziare in parte l'acquisto del decoder da parte delle famiglie...
jotaro7502 Novembre 2017, 11:33 #6
Originariamente inviato da: *aLe
Scusate, ma io mi son perso... Non è già scattato dal primo gennaio 2017 l'obbligo di vendere TV compatibili DVB-T2 e HEVC?


Ma infatti anche io sapevo che era così
alegallo02 Novembre 2017, 11:34 #7
Permettetemi due considerazioni sceme:

1) Ma quanto spingono le aziende dell'elettronica sulle legislazioni?
2) Ma la Digi***st si deciderà mai a cambiare il design dei telecomandi?

Per le tv è giusto, già da un anno si devono vendere con il decoder DVB-T2, integrato o esterno.
Mi pare però che si possano ancora vendere con il solo DVB-T, ma specificandolo chiaramente ... mi pare, eh!
evil weasel02 Novembre 2017, 11:34 #8
Originariamente inviato da: +Benito+
ma che lungimiranza c'è da parte del legislatore nel riservare ancora frequenze per la diffusione via etere? La strada è ben chiara: diffusione di contenuti via internet. Tra 5-10 anni sarà normale avere il "decoder" per la tv "via cavo" nel televisore.
La diffusione delle tv via etere dovrebbe andare in dismissione a favore dell'aumento della banda per i dati mobili, non il contrario


Sono anche d'accordo, ma prima andrebbe risolto il problema aggiornamenti.
Io onestamente non compro e men che meno collego volentieri ad internet un apparecchio di cui so per certo non verrà rilasciato sostanzialmente nessun aggiornamento di sicurezza già dopo 6 mesi/1 anno dalla data d'acquisto.
Le puttanate domotiche ed il voler infilare tecnologia anche nei tostapane stanno facendo crescere a dismisura il numero di zombie, ci manca solo che vengano aggiunti i televisori.
The_ouroboros02 Novembre 2017, 11:35 #9
Originariamente inviato da: gd350turbo
Al tempo, tanti anni fa, mi ricordo che ci fu in incentivo, cioè, ci metteva dei soldi lo stato, per finanziare in parte l'acquisto del decoder da parte delle famiglie...


lo stesso stato degli 80e?
Cmq ricordo pure io sta cosa
Rubberick02 Novembre 2017, 11:36 #10
Ma sopratutto viva hevc

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^