Raspberry Pi, arrivano i primi esemplari sul mercato

Raspberry Pi, arrivano i primi esemplari sul mercato

I primi modelli di Raspberry Pi sono arrivati al distributore e spediti ai primi utenti che hanno effettuato i pre-ordini

di Gabriele Burgazzi pubblicata il 16 Aprile 2012, alle 14:42 nel canale Sistemi
 

I primi utenti che sono riusciti ad effettuare il pre-ordine potrebbero presto ricevere Raspberry Pi: dopo il sold out fatto registrare il 29 febbraio, il micro-PC da 35 dollari comincerà ad essere distribuito sul mercato proprio a partire da questa settimana.

Uno dei distributori di Raspberry Pi, RS Component, ha infatti annunciato diversi giorni fa, attraverso il proprio sito ufficiale l'arrivo dei primi modelli di Raspberry Pi. Le spedizioni, pertanto, sono già partite e i primi modello dovrebbero arrivare nel corso di questi giorni. Alcune settimane fa ci eravamo occupati, con questa notizia, di alcuni possibili ritardi che avrebbero colpito l'arrivo di tali modelli per la mancanza del marchio CE: questa procedura sembra quindi essere stata risolta.

Il modello commercializzato è Raspberry Pi B, dotato di connessione HDMI, 2 porte USB e 256MB di memoria RAM. A seguire un video che mostra le caratteristiche e il funzionamento della soluzione:

35 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
monkey.d.rufy16 Aprile 2012, 15:15 #1
speriamo esca un modello un po' più potente
pabloski16 Aprile 2012, 15:17 #2
questa è vera innovazione, altro che finestre e finestrelle luccicanti
ally16 Aprile 2012, 15:24 #3
...a 45€ hai una piattaforma mini itx atom...a differenza di questo manca della ram...ma ad espandibilità e connessioni non c'è paragone...per la cronaca su rs la si trova a 40€...
OmbraShadow16 Aprile 2012, 15:33 #4
@ #3

Scusa se te lo dico ma il tuo sembra un commento da bimbomi...a

Sono due piattaforme completamente diverse, per usi diversi, come fai a compararle?
PhoEniX-VooDoo16 Aprile 2012, 15:35 #5
Originariamente inviato da: ally
...a 45€ hai una piattaforma mini itx atom...a differenza di questo manca della ram...ma ad espandibilità e connessioni non c'è paragone...per la cronaca su rs la si trova a 40€...


e dunq'allora?
ally16 Aprile 2012, 15:38 #6
Originariamente inviato da: OmbraShadow
@ #3

Scusa se te lo dico ma il tuo sembra un commento da bimbomi...a

Sono due piattaforme completamente diverse, per usi diversi, come fai a compararle?


...sto semplicemente parlando di costi...se uno vuole un simil pc da scrivania è meglio che si orienti su altri lidi...sembra che qusto raspberry stia montando un caso...con 256 MB di ram e la lan condivisa con il canale usb le performance non possono che essere ridotte...anche per uso nas o file server...
ally16 Aprile 2012, 15:38 #7
Originariamente inviato da: PhoEniX-VooDoo
e dunq'allora?


...commentavo con i costi il post sulla "vera innovazione"...
PhoEniX-VooDoo16 Aprile 2012, 15:41 #8
Originariamente inviato da: ally
...commentavo con i costi il post sulla "vera innovazione"...


ah ok

no bhe pure io non sono particolarmente convinto che sia un'innovazione.
è sostanzialmente l'hw di un cellulare di 2 anni (o più fa con I/O (ridotto al minimo indispensabile) da desktop pc..

P.S. loro stessi nelle faq lo paragonano ad un P2 300Mhz..
OmbraShadow16 Aprile 2012, 15:48 #9
Si, di sicuro non farà gridare al miracolo in termini di potenza, anche se molto poi dipende dagli usi (difficilmente potrebbe sostituire un desktop tradizionale, ma per un mediacenter, o un muletto p2p et simila, andrebbe benone)

Di sicuro tra pochi mesi, con il debutto di Windows 8 WOA, soluzioni arm based spunteranno come funghi, anche se credo non al prezzo di una RaspberryPi.


PhoEniX-VooDoo16 Aprile 2012, 15:50 #10
io cmq da strusone uno lo vorrei (versione con LAN ovviamente)

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.