Quattro anni senza Steve Jobs, ma Apple è cambiata davvero da allora?

Quattro anni senza Steve Jobs, ma Apple è cambiata davvero da allora?

Tim Cook ricorda in un'email ai dipendenti il quarto anniversario dalla morte di Steve Jobs. Ma Apple è cambiata veramente con il nuovo CEO al timone?

di Nino Grasso pubblicata il , alle 08:31 nel canale Apple
Apple
 

Il 5 ottobre 2011 moriva Steve Jobs, uno degli uomini più importanti nell'evoluzione della tecnologia informatica così come la conosciamo oggi. Non era un uomo importante nello sviluppo tecnico del prodotto, ma la sua impronta è stata indelebile nella storia di Apple e il suo apporto sul piano delle vendite indiscutibile. Nel quarto anniversario dal suo decesso, avvenuto lo ricordiamo per un cancro al pancreas, a ricordarlo c'è come ogni anno Tim Cook, attuale CEO della compagnia di Cupertino.

Steve Jobs

"La giornata di oggi segna il quarto anniversario da quando Steve è deceduto", ha scritto Cook in un'email per i dipendenti della società ripubblicata dal Telegraph. "In quella data il mondo ha perso un visionario. Noi di Apple abbiamo perso un leader, un mentore, e molti di noi hanno perso un caro amico". L'email di Cook segue un trend in quel di Cupertino, con la società che ricorda ogni anni la dipartita del suo fondatore ricordando soprattutto l'effetto portato dai suoi prodotti non solo nell'industria tecnologica, ma anche nel mondo intero.

Dalla sua dipartita sono state tante le accuse alla gestione di Tim Cook, con un coro costante di delusi che rivorrebbero il compianto ex-iCEO. Apple ha tuttavia continuato a crescere ad una velocità vertiginosa da allora sul piano delle vendite, del fatturato e del valore di capitalizzazione di mercato, posizionandosi per il terzo anno consecutivo nella vetta delle classifiche Interbrand, che stima il valore complessivo delle varie aziende. Sul piano della gestione, Cook sembra aver fatto un ottimo lavoro sfruttando naturalmente quanto seminato da Jobs.

Dalla sua morte Apple ha cercato di diversificarsi, una strategia che non era particolarmente cara a Jobs. Cook ha ingrandito a più riprese le dimensioni del display degli iPhone, prima con iPhone 5 e il suo pannello da 4" e poi con iPhone 6 da 4,7", e ha lanciato nuovi prodotti. Fra questi il nuovo MacBook, iPad mini e iPad Pro con Apple Pencil, un accessorio che Jobs probabilmente avrebbe rifiutato categoricamente e senza dare troppe spiegazioni. Il prodotto che più identifica la Apple di Cook è però Apple Watch, il primo appartenente ad una categoria del tutto nuova.

Apple Watch

Quella di Cook è una Apple ancor più legata al concetto di tecnologia modaiola, in cui lo status di un prodotto conta più delle specifiche tecniche, che comunque continuano a non venire trascurate. Sebbene non riteniamo che Apple sia adesso una società di fatto diversa, ad essersi un po' spento è il tipico "campo di distorsione della realtà" di Steve Jobs, una caratteristica estremamente legata al carattere esuberante e aggressivo dell'ex-CEO della Mela. Grazie al suo carisma Jobs riusciva a rendere possibile l'impossibile e far penzolare dalle proprie labbra i partecipanti dei suoi eventi.

Le iperboli usate da Jobs in fase di presentazione sembravano quasi realistiche, con Cook, Cue, Schiller o il comunque divertente Federighi che non riescono ad offrire lo stesso pathos. È comunque abbastanza chiaro che la Apple di Jobs non era infallibile come molti la disegnano, ed è esemplare il caso dell'antenna-gate di iPhone 4, fra i più importanti nella storia della Mela. Di contro Cook è riuscito in pochi anni ad alimentare vendite e valore in borsa della società, e almeno sul piano economico non possiamo avere nulla di oggettivo da obiettare sul suo operato.

Di seguito riportiamo l'email per intero di Tim Cook in memoria a Steve Jobs in lingua originale.

Team,

Today marks four years since Steve passed away. On that day, the world lost a visionary. We at Apple lost a leader, a mentor, and many of us lost a dear friend.

Steve was a brilliant person, and his priorities were very simple. He loved his family above all, he loved Apple, and he loved the people with whom he worked so closely and achieved so much.

Each year since his passing, I have reminded everyone in the Apple community that we share the privilege and responsibility of continuing the work Steve loved so much.

What is his legacy? I see it all around us: An incredible team that embodies his spirit of innovation and creativity. The greatest products on earth, beloved by customers and empowering hundreds of millions of people around the world. Soaring achievements in technology and architecture. Experiences of surprise and delight. A company that only he could have built. A company with an intense determination to change the world for the better.

And, of course, the joy he brought his loved ones.

He told me several times in his final years that he hoped to live long enough to see some of the milestones in his children's lives. I was in his office over the summer with Laurene and their youngest daughter. Messages and drawings from his kids to their father are still there on Steve's whiteboard.

If you never knew Steve, you probably work with someone who did or who was here when he led Apple. Please stop one of us today and ask what he was really like. Several of us have posted our personal remembrances on AppleWeb, and I encourage you to read them.

Thank you for honoring Steve by continuing the work he started, and for remembering both who he was and what he stood for.

Tim

70 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
sesshoumaru07 Ottobre 2015, 09:24 #1
" iPad Pro con Apple Pencil, un accessorio che Jobs probabilmente avrebbe rifiutato categoricamente e senza dare troppe spiegazioni."

Ma in base a cosa fa questa affermazione ?

Jobs rifiutava l'idea di una stilo da utilizzare con un display da 3.5" (il primo iPhone), mi sembra che l'iPad Pro sia un prodotto DECISAMENTE diverso.
gd350turbo07 Ottobre 2015, 09:31 #2
Domanda retorica...

Bromden07 Ottobre 2015, 09:56 #3
Strano, un articolo inusitatamente equilibrato di questo autore. Pur sempre un articolo acchiappa-commenti, ma sostanzialmente valido.
AlexSwitch07 Ottobre 2015, 10:01 #4
Domanda retorica ed articolo " smemorato " visto che non tiene conto della direzione intrapresa da Apple quando ancora era guidata da Jobs.
Infatti nel 2008, ad un anno dal lancio dell'iPhone, Jobs dichiarò in un keynote che Apple avrebbe cambiato nome da " Apple Computer Inc. " in " Apple Inc. ", sottolineando il fatto che con iPhone Apple avrebbe iniziato a percorrere strade diverse dalla diarchia Macintosh-OS X per il proprio core business, mettendo particolare attenzione su prodotti a lei nuovi. Di fatto non fu che una constatazione della realtà del tempo visto il successo riscosso da iPod e dalla presentazione della prima AppleTV ( anche se era considerata un hobby ).
Scomparso Jobs le cose sono andate nella stessa direzione da lui intrapresa, espandendo e consolidando la propria offerta di prodotti extra Macintosh... Quindi sotto questo aspetto Apple non è cambiata molto.
Ciò che è cambiato è stato il modo di condurre la società dove un pragmatico e diplomatico Tim Cook ha preso il posto di un carismatico ma inflessibile Jobs. Visioni e filosofie diverse che hanno avuto qualche impatto sull'operato della società...
adapter07 Ottobre 2015, 10:20 #5
Visioni e filosofie diverse che hanno avuto qualche impatto sull'operato della società...


...E a giudicare dalle vendite, l' impatto è stato più che positivo.
Io non sono del tutto convinto che con jobs ancora al timone, questa azienda avrebbe i numeri che ha oggi.
Probabilmente si, ma considerato il carattere gnucco che aveva, magari qualche altra caxxata tipo l'antenna gate sarebbe senz'altro saltata fuori.
A me questo CEO mi da l'aria di essere più calcolatore di quanto non lo fosse jobs.
Per intenderci...Un Niki Lauda che porta a casa punti senza rischiare.
demon7707 Ottobre 2015, 10:24 #6
Originariamente inviato da: gd350turbo
Domanda retorica...


SSSSST!! Piano. Attento a quel che dici.
..il perculatore di troll potrebbe essere in agguato..
devilred07 Ottobre 2015, 10:31 #7
quante vittime del marketing che ci sono al mondo.....................
AlexSwitch07 Ottobre 2015, 10:32 #8
Originariamente inviato da: adapter
...E a giudicare dalle vendite, l' impatto è stato più che positivo.
Io non sono del tutto convinto che con jobs ancora al timone, questa azienda avrebbe i numeri che ha oggi.
Probabilmente si, ma considerato il carattere gnucco che aveva, magari qualche caxxata tipo l'antenna gate sarebbe senz'altro saltata fuori.
A me questo CEO mi da l'aria di essere più calcolatore di quanto non lo fosse jobs.
Per intenderci...Un Niki Lauda che porta a casa punti senza rischiare.


Anche Jobs era un calcolatore, come chiunque gestisce una azienda come Apple, ma ci metteva tantissima passione per la sua " creatura " che aveva plasmato secondo la sua visione, nascondendo questo aspetto. A differenza di Cook, Jobs dovette diventare " calcolatore " viste le sue esperienze pregresse sia in Apple che con NeXT. Certo qualche castroneria Jobs l'ha fatta anche dopo il rientro in Apple come il PowerMac G4 " Cube " ( venne messo in produzione sotto suo esplicito ordine ) oppure la sua ostinazione iniziale, per fortuna poi caduta, di far rimanere iPhone chiuso alle app di terze parti, caldeggiando le WebApp.
Si ci fu anche l'Antennagate dell'iPhone4, ma alla fine riuscì a sfruttare il caso a pro di Apple piuttosto che contro... Lui era capace di queste cose, Cook non so.
AlexSwitch07 Ottobre 2015, 10:34 #9
Originariamente inviato da: devilred
quante vittime del marketing che ci sono al mondo.....................


Vero... In tutti i campi... Per tutte le merci e servizi... Benvenuto nel mondo contemporaneo!!
gd350turbo07 Ottobre 2015, 10:48 #10
Quella di Cook è una Apple ancor più legata al concetto di tecnologia modaiola, in cui lo status di un prodotto conta più delle specifiche tecniche,

Questo però, è assolutamente vero !

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^