Twitter e Facebook limitano account di disinformazione in occasione della protesta ad Hong Kong

Twitter e Facebook limitano account di disinformazione in occasione della protesta ad Hong Kong

Lotta contro la disinformazione (mirata?) da parte di Twitter e Facebook, che hanno impedito l'acquisto di spazi pubblicitari ad account legati al governo di Pechino, fortemente avversi alle contestazioni in atto ad Hong Kong

di pubblicata il , alle 08:41 nel canale Web
TwitterFacebook
 

Facebook, ma soprattutto Twitter, sono passati all'azione al fine di arginare la campagna di disinformazione ai danni dei contestatori di Hong Kong, come riportato dalla BBC. A livello tecnico, Twitter ha di fatto impedito l'acquisto di spazi pubblicitari da parte di quasi un migliaio di account "di regime" (cinese, ovviamente), che veicolavano messaggi denigratori nei confronti della manifestazione di protesta in corso ad Hong Kong.

Gli account non sono stati bloccati ovvero possono essere comunque utilizzati, ma a questi è appunto impedito di acquistare spazi e quindi di essere visibili anche a persone che non li seguono. Su Twitter si legge chiara la motivazione: "Vogliamo salvaguardare la possibilità di avere conversazioni limpide e chiare. Riteniamo che ci sia una differenza tra conversare con gli account che scegli di seguire e i contenuti che vedi dagli inserzionisti, che potrebbero provenire da account che attualmente non stai seguendo." Non solo: la nuova politica verrà applicata laddove ad acquistare spazi saranno "entità dei media che sono controllate finanziariamente o editorialmente dallo stato".

Facebook, pur in misura minore, ha a sua volta fatto lo stesso con una decina di account. Si tratta della prima volta che alcuni big tecnologici si pongono così apertamente contro il governo di Pechino, pur senza mai nominarlo direttamente. Resta da vedere se questa politica sarà applicata ovunque, anche dove da tempo ci sono governi che utilizzano la disinformazione via social per la propaganda politica (la fonte cita Russia e Iran).

A titolo di curiosità riportiamo anche un piccolo risvolto tecnico: essendo Twitter e Facebook bloccati in Cina, i detentori degli account incriminati hanno utilizzato delle VPN per pubblicare i propri contenuti. Al di fuori degli hotel internazionali questo non è affatto facile, se non si ha la il placet di chi comanda.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
SpyroTSK20 Agosto 2019, 11:05 #1
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
Link alla notizia: https://www.hwupgrade.it/news/web/t...kong_83961.html

Lotta contro la disinformazione (mirata?) da parte di Twitter e Facebook, che hanno impedito l'acquisto di spazi pubblicitari ad account legati al governo di Pechino, fortemente avversi alle contestazioni in atto ad Hong Kong

Click sul link per visualizzare la notizia.


Questa è la prova che possono fare di più contro le fake news e articolisti da strapazzo, ma giustamente papà dollaro comanda, quindi lasciano passare di tutto.
omerook20 Agosto 2019, 11:22 #2
Ma quale Lotta alle disinformazione? Questa è una guerra di propaganda Usa - Cina. Chiamate le cose con il loro nome.
filippo198020 Agosto 2019, 12:16 #3
Purtroppo sono d'accordo con omerook visto che, come riportato anche nell'articolo, è la prima volta che succede ... sarebbe bello se lo facessero contro tutti anche se il rischio di veicolare solo notizie parziali è sempre dietro l'angolo IMHO
biometallo21 Agosto 2019, 07:10 #4
Originariamente inviato da: omerook
Questa è una guerra di propaganda Usa - Cina. Chiamate le cose con il loro nome.


Un po' come il ban di "huawei" in nome di una fantomatico problema di "sicurezza nazionale" di cui ancora si aspettano le prove, d'altro canto non si può neanche negare l'ipocrisia della Cina che vuole usare come strumento di propaganda i social che ha proibito di usare sul suo territorio, che poi sarebbe un motivo più giusto per vietargli l'accesso altro che "feic nius"
Gio2221 Agosto 2019, 08:38 #5
Originariamente inviato da: omerook
Ma quale Lotta alle disinformazione? Questa è una guerra di propaganda Usa - Cina. Chiamate le cose con il loro nome.


Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^