This Changed Everything: venduto per 5,4 milioni di dollari l'NFT del codice sorgente del web di Tim Berners-Lee

This Changed Everything: venduto per 5,4 milioni di dollari l'NFT del codice sorgente del web di Tim Berners-Lee

Si è conclusa l'asta con un prezzo finale di 5,4 milioni di dollari per l'NFT che contiene il codice sorgente del primo browser web della storia, autografato dal suo creatore: Sir Tim Berners Lee

di pubblicata il , alle 11:36 nel canale Web
 

Si è conclusa nel corso della giornata di ieri l'iniziativa benefica costituita dalla messa all'asta dell'NFT rappresentante il codice sorgente del browser web originale di Tim Berners-Lee: il particolare oggetto digitale è andato venduto per una somma di ben 5,4 milioni di dollari.

Il pezzo, titolato "This Changed Everything" include un file con data e ora e composto da oltre 9500 righe di codice sorgente, un'immagine ad alta fedeltà, un'animazione di 30 minuti che riproduce la scrittura del codice e una lettera scritta dallo stesso Berners-Lee. L'asta è stata organizzata dalla celebre casa Sotheby's.

"Gli NFT, siano essi opere d'arte o artefatti digitali come questo, sono le ultime creazioni ludiche in questo dominio e il mezzo di proprietà più adeguato che esista. Sono il modo ideale per confezionare le origini dietro il web" ha dichiarato Berners-Lee alla stampa, auspicando inoltre che i principi di apertura continuino ad ispirare il futuro del web consentendogli di essere una fonte continua di creatività, innovazione tecnica e trasformazione sociale.

A titolo di confronto ricordiamo che il prezzo più alto fino ad ora mai pagato per un NFT è di 69 milioni di dollari: è la somma corrisposta da MetaKovan per assicurarsi Everydays: the First 5000 Days dell'artista Beeple, mentre l'oggetto digitale da collezione di Jack Dorsey che rappresenta il primo tweet su Twitter è stato venduto per poco meno di $ 3 milioni di dollari.

30 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
GabrySP01 Luglio 2021, 11:53 #1
il riciclaggio di denaro sporco non è mai stato così facile

l'arte moderna è nata come meccanismo per il riciclaggio, gli NFT sono la naturale evoluzione
mattia.l01 Luglio 2021, 11:53 #2
Ma quelo è objective-c?
SpyroTSK01 Luglio 2021, 13:00 #3
Originariamente inviato da: GabrySP
il riciclaggio di denaro sporco non è mai stato così facile

l'arte moderna è nata come meccanismo per il riciclaggio, gli NFT sono la naturale evoluzione


...quando di economia, crypto e fisco conosci solo il nome
Notturnia01 Luglio 2021, 13:56 #4
Originariamente inviato da: mattia.l
Ma quelo è objective-c?


probabile.. anche se in C potevi comunque crearti librerie.. e anche il pascal ha una forma simile..
Notturnia01 Luglio 2021, 13:58 #5
Originariamente inviato da: SpyroTSK
...quando di economia, crypto e fisco conosci solo il nome


nel tuo caso è solo innocenza che impedisce di vedere i flussi di danaro come si spostano ?

non è certo il caso dell'NFT di questo articolo ma è palese che lo spostamento anonimo di valuta sia semplificato dalle crypto che viaggiano oltre le nazioni senza essere controllate a differenza dei bonifici..

ma è ok.. c'è ancora chi crede che le crypto siano la salvezza scesa dal cielo per i peccatori per cui non pensiamo male.. anche se...
CrapaDiLegno01 Luglio 2021, 14:07 #6
Originariamente inviato da: SpyroTSK
...quando di economia, crypto e fisco conosci solo il nome


Be', non ha tutti i torti.
Anche questa cosa di attribuire alle blockchain capacità divinatorie è altrettanto esplicativa del fenomeno speculativo a cui oggi sono sottoposte.

Giusto per parlare di questi fantomatici NFT di cui ho davvero capito poco della loro presunta originalità funzionale che li ha resi tanto "appetitosi", cosa cambia rispetto a prendere una serie di file, infilarli in un bel tarball giusto per tenerli assieme, fare un bell'hash crittografico di qualsiasi tipo da mille e più bit e mettere il suddetto tarball su un spazio cloud pubblico qualsiasi affiancandoci l'hash relativo?
Anche così ho una copia univoca di un file che non può essere falsificato o manomesso.
Si può copiare come qualsiasi altro file digitale ma la sua autenticità provata dall'hash è inviolabile.

Le reti di scambio file peer to peer e pure bittorrent usano questi metodi per identificare e validare i file (e loro sotto parti) già da diversi anni.

Solo che non essendo su "blockchain" è roba che non ha mai avuto alcun valore economico. Oggi invece spendere oltre 5 milioni per avere file e l'hash registrati in un servizio pubblico è "essere moderni".

Non capisco dove sta né il vantaggio né il vero valore aggiunto alla cosa.
MikTaeTrioR01 Luglio 2021, 14:55 #7
Originariamente inviato da: CrapaDiLegno
Be', non ha tutti i torti.
Anche questa cosa di attribuire alle blockchain capacità divinatorie è altrettanto esplicativa del fenomeno speculativo a cui oggi sono sottoposte.

Giusto per parlare di questi fantomatici NFT di cui ho davvero capito poco della loro presunta originalità funzionale che li ha resi tanto "appetitosi", cosa cambia rispetto a prendere una serie di file, infilarli in un bel tarball giusto per tenerli assieme, fare un bell'hash crittografico di qualsiasi tipo da mille e più bit e mettere il suddetto tarball su un spazio cloud pubblico qualsiasi affiancandoci l'hash relativo?
Anche così ho una copia univoca di un file che non può essere falsificato o manomesso.
Si può copiare come qualsiasi altro file digitale ma la sua autenticità provata dall'hash è inviolabile.

Le reti di scambio file peer to peer e pure bittorrent usano questi metodi per identificare e validare i file (e loro sotto parti) già da diversi anni.

Solo che non essendo su "blockchain" è roba che non ha mai avuto alcun valore economico. Oggi invece spendere oltre 5 milioni per avere file e l'hash registrati in un servizio pubblico è "essere moderni".

Non capisco dove sta né il vantaggio né il vero valore aggiunto alla cosa.


l'unico posto dove posso salvare l'hash ed essere sicuro al 100% che quella registrazione non possa essere modificata è salvarlo su una blockchain....magari pubblica e magari anche molto diffusa.
!fazz01 Luglio 2021, 15:00 #8
Originariamente inviato da: mattia.l
Ma quelo è objective-c?


più che objective-c a me sembra il classico c++
CrapaDiLegno01 Luglio 2021, 15:16 #9
Originariamente inviato da: MikTaeTrioR
l'unico posto dove posso salvare l'hash ed essere sicuro al 100% che quella registrazione non possa essere modificata è salvarlo su una blockchain....magari pubblica e magari anche molto diffusa.


Non ho capito.
L'hash è un numero qualsiasi. Ha significato solo se hai un file il cui processo di hashing genera lo stesso numero.
A sua volta un file qualsiasi non è lo stesso descritto dall'hash se non genera quel numero.
Per cui se alteri il file con i dati o l'hash non hai la corrispondenza tra i due.

Se ti dico che il file corretto è quello con un numero di hash ben preciso, quello è il file e non ce ne sono altri che combaciano.
Lo usano tutti i siti che vogliono distribuire le copie corrette e non contraffatte delle loro applicazioni.

Originariamente inviato da: !fazz
più che objective-c a me sembra il classico c++

Le parentesi quadre intorno alle istruzioni però non sono classico c++.
cicastol01 Luglio 2021, 15:25 #10
Originariamente inviato da: SpyroTSK
...quando di economia, crypto e fisco conosci solo il nome


Beata ignoranza!

L'arte è sempre stata utilizzata per il riciclaggio internazionale, indovina qual'è il posto con più opere d'arte (si parla di oltre 1,2 milioni di opere d'arte ) custodite al mondo ??
Il Freeport di Ginevra , ovvero nel porto franco........

Ste cagate di NFT sono ancora meglio, manco si deve pagare il deposito nel porto franco!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^