Geoblocking: addio alle limitazioni ''regionali'' per gli acquisti online. In Europa nessun blocco

Geoblocking: addio alle limitazioni ''regionali'' per gli acquisti online. In Europa nessun blocco

Tutti coloro che solitamente acquistano online anche in altri paesi europei oltre l'Italia da oggi potranno farlo più liberamente. L'Unione Europea ha abbattuto un altro muro. Ecco cosa cambierà da oggi.

di pubblicata il , alle 12:21 nel canale Web
 

Da oggi, 3 dicembre, tutti gli utenti europei che vorranno fare acquisti online anche in negozi al di fuori della propria nazione di residenza potranno farlo liberamente e senza alcun blocco da parte dell'Europa a livello legale. Nessun blocco sulla regione di residenza e dunque nessun surplus economico di alcun genere. Ma anche addio a possibili blocchi o reindirizzamenti automatici verso un altro sito web a causa della nazionalità, del luogo di residenza o dell’ubicazione temporanea.

Una vera e propria "rivoluzione" che pone per una volta su tutte fine al geoblocking anche per gli acquisti online: da oggi sarà possibile comprare in tutti i Paesi UE, senza essere più indebitamente bloccati perché non si risiede nello stato del venditore o perché si effettua il pagamento con una carta bancaria straniera. Non è tutto perché i vari siti che hanno più versioni a seconda del Paese, come per esempio i grandi gruppi di noleggio auto, le agenzie di viaggi online, ma anche i rivenditori di biglietti di concerti o dei parchi di attrazioni, non potranno più reindirizzare i clienti né rifiutarsi di vendere le offerte promozionali presenti su una delle loro pagine nazionali a persone che si collegano da altri Paesi.   

Addio al Geoblocking: cosa cambierà?

Gli operatori commerciali dovranno trattare gli acquirenti online provenienti da un altro Paese dell’UE allo stesso modo dei clienti locali, consentendo l’accesso agli stessi prezzi o alle stesse condizioni di vendita, in particolare nell'acquisto di:

  • beni fisici che possono o essere spediti nel proprio Stato membro, alle stesse condizioni di consegna offerte agli acquirenti locali, o ritirati in un luogo concordato da entrambe le parti, ad esempio in un Paese UE in cui il commerciante già spedisce la propria merce
  • servizi elettronici non protetti da copyright come cloud, firewall, memorizzazione di dati, hosting di siti web
  • servizi forniti nei locali commerciali o in un luogo fisico in cui opera il commerciante come soggiorni in hotel, noleggio auto, biglietti per eventi sportivi, festival musicali o per i parcheggi.

La nuova norma però non potrà essere applicata ai prodotti audiovisivi e in generale coperti da copyright come ad esempio e-book, musica, videogiochi e software, per cui resta valido il principio della territorialità. Ovvero non si può acquistare un abbonamento a Netflix Germania se si risiede in Italia, ma si potranno continuare a vedere le serie dell'abbonamento a Netflix Italia anche quando si viaggia in un altro Paese Ue. La Commissione Ue si è però impegnata a rivedere la situazione nel 2020 e decidere se mettere fine al blocco anche per la musica, e-book, videogiochi e software. 

Il vicepresidente della Commissione Ue per il mercato unico digitale Andrus Ansip ha voluto ribadire come "Nel 2015 il 63% dei siti non consentiva agli utenti di effettuare acquisti da un altro Paese dell'Ue, di conseguenza due terzi dei consumatori che volevano fare acquisti online all'estero non hanno potuto farlo. Da oggi, 3 dicembre, mettiamo fine a questa pratica. Vogliamo un'Europa senza barriere, e questo vuol dire anche eliminare gli ostacoli agli acquisti online".   

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
gd350turbo03 Dicembre 2018, 12:37 #1
Questa è una bella notizia...
Molte volte, mi sono imbattuto in siti soprattutto tedeschi, francesi, spagnoli e qualche polacco che non spediva in italia.

Anche amazon, ha prodotti sul .de che vende solo in germania !

Ma bisogna poi vedere se si adeguano e quando !
Techie03 Dicembre 2018, 12:40 #2
Come funziona per le tasse? l'IVA viene pagata nel paese dell'acquirente o del venditore?
gd350turbo03 Dicembre 2018, 12:44 #3
Acquirente
Techie03 Dicembre 2018, 13:05 #4
Originariamente inviato da: gd350turbo
Acquirente


Grazie.
lemming03 Dicembre 2018, 13:27 #5
Quindi uno potrebbe comperare oggetti vietati in Italia e in altri paesi UE no?
Tipo medicine, armi, slot machine etc...
paolomarino03 Dicembre 2018, 14:13 #6
Amazon continua a fare geoblocking (lunedi 3.12.18 ore 14.00)
https://www.amazon.de/dp/B07H33PH9M
Mettete il traduttore o cercate di comprare e vedrete che vi dice che non spediscono in Italia.
gd350turbo03 Dicembre 2018, 14:22 #7
Originariamente inviato da: paolomarino
Amazon continua a fare geoblocking (lunedi 3.12.18 ore 14.00)
https://www.amazon.de/dp/B07H33PH9M
Mettete il traduttore o cercate di comprare e vedrete che vi dice che non spediscono in Italia.


Quello che dicevo sopra !
dany-dm03 Dicembre 2018, 14:31 #8
quindi posso comprare hd da amazon .de senza pagare l'equo compenso alla siae?
TheQ.04 Dicembre 2018, 08:08 #9
Ottima notizia per i negozi cinesi, indiani, indonesiani ...
bond9004 Dicembre 2018, 12:32 #10
Originariamente inviato da: TheQ.
Ottima notizia per i negozi cinesi, indiani, indonesiani ...


Paesi notoriamente membri della UE.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^