Facebook: forse Zuckerberg non è il legittimo proprietario

Facebook: forse Zuckerberg non è il legittimo proprietario

Mentre Facebook festeggia per aver raggiunto quota 500 milioni di iscritti, il suo CEO Mark Zuckerberg potrebbe dover comparire davanti alla corte per stabilire chi è il legittimo proprietario del popolarissimo social network

di Fabio Gozzo pubblicata il , alle 17:32 nel canale Web
Facebook
 

Recentemente Facebook ha raggiunto il traguardo dei 500 milioni di utenti iscritti ma per Mark Zuckerberg, il fondatore del popolare social network, si prospettano tempi difficili. Lo scorso mese infatti Paul Ceglia, un uomo d'affari di New York, ha citato in giudizio Facebook, asserendo di essere proprietario di una parte considerevole del social network di Zuckerberg.

Anche se molte compagnie di successo devono far fronte quotidianamente a cause legali frivole ed architettate unicamente allo scopo di far soldi a spese altrui, questa volta la situazione che sta andando a delinearsi sembra essere differente: Zuckerberg è stato legato a Ceglia da un contratto lavorativo in passato.

Davanti al giudice Richard Arcara della corte distrettuale di Buffalo, Lisa Simpson, rappresentante legale di Zuckerberg ha confermato l'esistenza di un legame tra i due, tuttavia ha dichiarato di non essere certa che il suo assistito abbia effettivamente firmato un contratto con Ceglia.

In accordo con quanto riportato dalla CNN, Ceglia ha prodotto alcuni documenti a testimonianza che Zuckerberg fu assunto nel 2003 per sviluppare due progetti distinti. Il primo progetto non è implicato in alcun modo nella vicenda e riguardava lo sviluppo di un database web di mappe stradali.

Il secondo progetto invece prevedeva un coinvolgimento di Ceglia nello sviluppo di un sito a cui Zuckerberg stava lavorando: un servizio che mirava a "offrire agli studenti dell'università di Harvard l'accesso ad un sito web simile ad un annuario con funzionalità dal vivo con il nome The Face Book". Secondo Terrence Connors, uno dei legali di Ceglia, il proprio assistito ha investito nel progetto e corrispose a Zuckerberg uno stipendio di 2000 dollari per il lavoro.

Sebbene alcuni portavoce di Facebook abbiano etichettato la causa come "completamente frivola", i legali di Ceglia sono invece convinti di avere per le mani un grosso caso e che il proprio cliente ha diritto almeno al 50% della proprietà di Facebook.

Resta da vedere come si evolverà la situazione nel corso delle prossime settimane: in particolare la corte dovrà verificare se esistano ancora le copie originali dei documenti presentati da Ceglia e valutarne la veridicità.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

61 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ulk22 Luglio 2010, 17:39 #1
News parecchio vecchia.
sbudellaman22 Luglio 2010, 17:49 #2
[U]Lisa Simpson[/U], rappresentante legale di Zuckerberg...


hihihi

Ma è lo stesso tizio che diceva di aver stipulato un contratto per la realizzazione del sito con la promessa su contratto di ricevere il 50% delle azioni + 1% al giorno ?
Overdrive Pro22 Luglio 2010, 18:17 #3
e questo si sveglia ora e rivendica Facebook dopo 7 anni?!

..ah già ora vale di più il sito e la sua percentuale pure soliti sciacalli del mercato per fare soldi facili!
marcowave22 Luglio 2010, 18:25 #4
Ahahah sapevo che Lisa Simpson sarebbe diventata avvocato!

Scusate ma per sta poveretta la vita deve essere un inferno! Peggio di chiamarsi lisa simpson c'é solo Homer Simpson!
JoJo22 Luglio 2010, 18:30 #5
A Zuckerberg costerebbe di meno assoldare un paio di killers... ;-)
netcrusher22 Luglio 2010, 18:33 #6

bravi bravi

Bravi continuate pure a farvi manipolare da facebook che è diventato il quartier generale delle aziende che attingono ad un bacino ghiottissimo di informazioni, continuate a condividere tutto mi raccomando, gusti, preferenze,mettete foto, bravi!
NicoMcKiry22 Luglio 2010, 18:46 #7
Originariamente inviato da: netcrusher
Bravi continuate pure a farvi manipolare da facebook che è diventato il quartier generale delle aziende che attingono ad un bacino ghiottissimo di informazioni, continuate a condividere tutto mi raccomando, gusti, preferenze,mettete foto,povere pecore senza cervello.......


sparare così a zero mi sembra un tantino esagerato.
Bastian_Contrario22 Luglio 2010, 18:54 #8
Originariamente inviato da: NicoMcKiry
sparare così a zero mi sembra un tantino esagerato.


nel contratto che hai firmato facebook da diritto di cedere i tuoi dati, senza avvertirti, a società conto terzi quando e come vuole.

per dati non si riferiscono alla data di nascita, ma a ciò che digiti mentre chatti, ciò che scrivi nei messaggi privati, che può essere "sniffato" con algoritmi appositi per trarne fuori tante cose che vengono usate per i fini più disparati...

...anche perchè...ti sei mai chiesto come fanno a pagare miliardi di soldi di manutenzione server,corrente,computer visto che è il sito più frequentato del mondo (come rank di visite google è "solo" il secondo in classifica!! renditene conto)
ci riescono solo con la pubblicità all'angolo della pagina?...ehhhhhhh allora beato te che credi alle favole!!!!

hai presente echelon...ci stai dentro
LukeIlBello22 Luglio 2010, 18:59 #9
Originariamente inviato da: NicoMcKiry
sparare così a zero mi sembra un tantino esagerato.


invece ha ragione da vendere
fareste bene a pensare un attimo al tipo di sito in cui postate, e magari leggete l'EULA ogni tanto (se mi chiedi cos'è chiudo il browser)
JoJo22 Luglio 2010, 19:03 #10
Un tempo alla gente piacevano i telefilm, oggi guarda i reality. Un tempo la gente scriveva in italiano, oggi è tutto un K, abbreviazioni e verbi scritti male. Un tempo alla gente piaceva l'anonimato su internet, oggi gli piace essere al centro dell'attenzione ed essere vista da tutti.

L'unica cosa, per fortuna, è che ancora nessuno la obbliga a fare tutto ciò.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^