Facebook: 5 punti per combattere la disinformazione

Facebook: 5 punti per combattere la disinformazione

Alla conferenza annuale DLD di Monaco, tenutasi in vista del World Economic Forum, Sheryl Sandberg, COO di Facebook, ha ribadito le intenzioni della sua azienda di combattere la disinformazione

di pubblicata il , alle 13:21 nel canale Web
Facebook
 

Come noto, Facebook è stata a più riprese accusata di contribuire alla diffusione della disinformazione, al punto da influenzare le elezioni politiche americane del 2016 (vedi caso Cambridge Analytica). Sheryl Sandberg, figura molto famosa dell'organigramma dirigenziale di Facebook, è adesso intervenuta alla conferenza annuale DLD di Monaco, tenutasi in vista del World Economic Forum, svelando un nuovo piano in 5 punti per contrastare la disinformazione tramite Facebook.

Ha anche annunciato che Facebook finanzierà un'università tedesca per portare avanti degli studi sull'etica delle IA e avvierà una nuova partnership con l'ufficio tedesco per l'informazione e la sicurezza.

Sheryl Sandberg

Sandberg ha esposto il piano in cinque passaggi che Facebook sosterrà per riconquistare la fiducia degli utenti e delle istituzioni:

  1. Investire in sicurezza e protezione

  2. Protezioni contro le interferenze elettorali

  3. Giro di vite su account falsi e disinformazione

  4. Assicurarsi che le persone abbiano il controllo sui dati che condividono

  5. Aumentare la trasparenza


La questione è esplosa quando è diventato pubblico l'operato di Cambridge Analytica nello scorso mese di marzo. Secondo le ricostruzioni, Facebook avrebbe ceduto a Cambridge Analytica informazioni personali degli utenti, poi utilizzate da quest'ultima al fine di inoltrare messaggi pubblicitari in occasione delle elezioni americane che hanno portato alla vittoria di Donald Trump.

Secondo la Sandberg, Facebook ha adesso portato a 30 mila il numero di persone che controllano quotidianamente la piattaforma alla ricerca di post che inneggiano all'odio e diffondono disinformazione: l'ufficio è stato ampliato di 5 volte rispetto al 2017. Ha ammesso che nel 2016 le politiche di cybersecurity di Facebook erano incentrate sulla protezione dei dati degli utenti rispetto ad hacking e phishing, ma si era sottovalutato il tentativo di "seminare disinformazione e dissenso nelle società".

Nel corso dell'ultimo anno ha detto che Facebook ha rimosso migliaia di account individuali e fanpage usate per coordinare le campagne di disinformazione. Dopo la convocazione del Parlamento Europeo di Mark Zuckerberg, Facebook applicherà tutte le lezioni apprese in quella sede e lavorerà a più stretto contatto con i governi.

Facebook si avvarrà di una partnership con l'ufficio del governo tedesco per l'informazione e la sicurezza in vista delle elezioni del Parlamento Europeo previste per fine maggio. Sandberg ha anche fornito informazioni sulla vastità del problema, sostenendo che Facebook adesso blocca "più di un milione di account al giorno, spesso mentre vengono creati". Tuttavia, non ha rivelato informazioni sul probabile coinvolgimento di governi stranieri in queste pratiche.

Facebook sta ottimizzando i suoi algoritmi al fine di visualizzare articoli correlati che permettano agli utenti di consultare entrambi i lati di una notizia pubblicata sulla piattaforma. Facebook si preoccupa anche di eliminare quei post che possono incitare alla violenza, senza però citare il recente caso che ha visto protagonista un altro strumento controllato da Facebook, ovvero Whatsapp, coinvolto in un episodio di escalation di violenza in India.

La Sanberg ha poi citato degli studi della Stanford University e del quotidiano Le Monde che hanno dimostrato come il legame tra Facebook e siti inaffidabili sia diminuito della metà dal 2015. "Non abbiamo fatto un buon lavoro nella gestione della nostra piattaforma circa le richieste di apertura nei confronti di app di terze parti", ha ammesso, riconoscendo che questa condivisione dei dati ha portato ad abusi da parte di terzi non meglio specificati.

Ha detto che Facebook ha ridotto drasticamente le informazioni sugli utenti a cui le app possono accedere, ha nominato funzionari indipendenti per la salvaguardia dei dati, ha aderito alle regole del GDPR della UE e ha creato controlli simili a livello globale.

Passi in avanti sono stati realizzati anche in termini di trasparenza. L'anno scorso Facebook ha pubblicato il suo primo rapporto sull'applicazione delle norme comunitarie: secondo la Sandberg, questo diventerà un evento annuale. Maggiore trasparenza ci sarà anche in termini di individuazione delle pubblicità che girano su Facebook, con maggiore consapevolezza da parte degli utenti su quelli che sono messaggi pubblicitari.

Sheryl Sandberg ha inoltre annunciato una nuova partnership con la Technical University of Munich (TUM) per sostenere la creazione di un centro di ricerca etica indipendente per l'IA. L'Institute for Ethics in Artificial Intelligence, che è supportato da una sovvenzione iniziale da parte di Facebook di 7,5 milioni di dollari in cinque anni, contribuirà a far avanzare il crescente campo della ricerca etica sulle nuove tecnologie ed esplorerà questioni fondamentali che influenzano l'uso e l'impatto dell'IA.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

87 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
demon7721 Gennaio 2019, 13:53 #1
Il buon Umberto Eco ha già inquadrato perfettamente la questione anni fa:
Una volta aveva risonanza solo la parola delle persone acculturate, mentre quella dei ritardati moriva, come giusto che fosse, nel chiacchericcio del baretto all'angolo.
Oggi grazie ai social network il ragliare dei peggio ritardati ha lo stesso peso di quello di un importante scienziato o di un luminare.

Come fermare il fenomeno?
Una opzione è chiudere totalmente i social network.. ma visto il giro di affari la vedo dura.
Si potrebbe tuttavia o vietare del tutto ed in modo rigido qualsiasi contenuto a sfondo politico o correlato con personaggi politici e/o questioni di cronaca.
In altre parole fare in modo che il social sia solo un'oasi di gattini e puttanate.
ombra66621 Gennaio 2019, 14:17 #2
Originariamente inviato da: demon77
Si potrebbe tuttavia o vietare del tutto ed in modo rigido qualsiasi contenuto a sfondo politico o correlato con personaggi politici e/o questioni di cronaca.
In altre parole fare in modo che il social sia solo un'oasi di gattini e puttanate.


il problema è che l'analfabetismo funzionale colpisce su qualsiasi fonte. sono certo che se si vietassero alcuni argomenti sui social, comincerebbero a girare le fake news sui gattini e sulle puttanate
futu|2e21 Gennaio 2019, 14:23 #3
Il discorso è più ampio e complesso, e deve prendere in esame anche il tipo di
giornalismo che sta prendendo piede in questi ultimi anni, che è terrificante.
Fabes21 Gennaio 2019, 14:26 #4
La disinformazione fa parte dei social, dove ognuno può andare e scrivere quello che gli pare.
Il problema piuttosto sta nei creduloni che usano facebook come fonte di notizie invece che per svago.
esp1lon21 Gennaio 2019, 14:47 #5
Serve una identità digitale per chi entra in rete. Non ci sono alternative. Io ero contrario ma frequentando un poco i social mi sono reso conto che la gente fa un pò quel c...o gli pare. Non ci si rende conto per niente che ogni offesa, palla o cazzata resta scritta per sempre. Io sono convinto che nella vita reale nel 99% dei casi nessuno si comporteresse come in un social.
demon7721 Gennaio 2019, 15:10 #6
Originariamente inviato da: Fabes
La disinformazione fa parte dei social, dove ognuno può andare e scrivere quello che gli pare.
Il problema piuttosto sta nei creduloni che usano facebook come fonte di notizie invece che per svago.


Più che latro il fatto che quei creduloni hanno diritto di voto.
Se venissero classificati come fonte di energia muscolare a basso costo non ci srebbero problemi.
Nui_Mg21 Gennaio 2019, 15:13 #7
Originariamente inviato da: demon77
Il buon Umberto Eco ha già inquadrato perfettamente la questione anni fa:

Ma lui c'è arrivato pure tardi, ben dopo tutti quelli che hanno iniziato ad usare presto la rete e l'approccio remoto in generale (bbs): ci sarebbe arrivato anche un mammuth alla conclusione che prima o poi, soprattutto con l'aumentare delle velocità e diminuzione costi pure la massa sarebbe stata sdoganata (e anni dopo Zuckerberg avrebbe dato il calcio di inizio al peggio del peggio).

Originariamente inviato da: demon77
Come fermare il fenomeno?

Non puoi perché fondamentalmente non è interesse dei "grandi giocatori" fermarlo, anzi.

Corsi e ricorsi della storia, anche se camuffati da tecnologie scintillanti.
medicina21 Gennaio 2019, 16:08 #8
Nella situazione in cui si trova, Facebook è una facile preda per i demagoghi e chi non si fa grossi problemi a spararla grossa, ricevendo così maggiore visibilità; al contrario chi reagisce a certi post messi lì, magari cercando di rimediare a qualche falsità, riceve una visibilità molto minore. Anche il solo semplice correggere il sistema di notifica (che non avviene in determinati casi, anche se menzioni l'interlocutore nel commento) e ordinare meglio le risposte alle risposte ai post su Facebook, sarebbe un grande aiuto a migliorare la situazione, riducendo lo svantaggio in visibilità di cui accennavo.

Cose non difficili da correggere, ma che tardano ad arrivare. Facebook non è nato come mezzo d'informazione, certo, e si vede, ma di fatto lo è.
Sputafuoco Bill21 Gennaio 2019, 16:24 #9
"influenzare le elezioni politiche americane del 2016": Questa è la più grande fake news di tutte, usata come scusa dai perdenti.
Facebook è bravissima a censurare e chiudere pagine di chiunque non sostenga il pensiero unico politicamente corretto. Facebook è diventata un editore che decide cosa pubblicare in base a ideologia politica.
GTKM21 Gennaio 2019, 16:43 #10
Originariamente inviato da: Sputafuoco Bill
"influenzare le elezioni politiche americane del 2016": Questa è la più grande fake news di tutte, usata come scusa dai perdenti.
Facebook è bravissima a censurare e chiudere pagine di chiunque non sostenga il pensiero unico politicamente corretto. Facebook è diventata un editore che decide cosa pubblicare in base a ideologia politica.


Mica lo è diventato ora.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^