150 milioni di Euro per la connettività a banda ultralarga in Italia: questo l'impegno di EOLO

150 milioni di Euro per la connettività a banda ultralarga in Italia: questo l'impegno di EOLO

L'azienda italiana punta a ridurre il Digital Divide 2.0, portando connessioni web a banda ultralarga ad una quota sempre più elevata della popolazione. per questo risultato un piano d'investimenti triennale da 150 milioni di Euro

di pubblicata il , alle 10:41 nel canale Web
EOLO
 

Ammonta a 150 milioni di Euro in 3 anni il piano di investimenti annunciato da EOLO SPA in questi giorni, denaro che è finalizzato ad azzerare il Digital Divide in quelle aree d'Italia che ancora non sono coperte da connessione web di tipo ultraveloce. In questo modo EOLO conta di estendere la copertura dei propri servizi di connettività di altre 1.500 città italiane, che si aggiungono ai poco più di 6.100 comuni ad oggi coperti.

Luca Spada, fondatore e presidente di EOLO SPA, evidenzia come in molte aree nazionali sia possibile al momento attuale ricevere solo un collegamento internet a cosiddetta banda larga esemplificato nelle tradizionali connessioni ADSL. La prospettiva futura è quella di rendere disponibili accessi in fibra per un numero sempre più ampio di clienti ma questo processo richiederà vari anni per essere completato.

E' in quest'ottica che interviene la tecnologia con rete FWA, capace di portare più rapidamente e senza interventi strutturali nei cablaggi in ingresso in abitazioni e aziende la banda ultra larga. Al momento il servizio offerto da EOLO permette di avere tagli che partono da 30Mbit sino a 100Mbit ma in prospettiva potranno arrivare sino a segnale a 1 Gigabit. L'investimento di EOLO su frequenze a 28 GHz, in grado di far fronte oggi alla domanda di connessione ad elevata velocità e un domani di passare a tagli di connettività ancora più importanti come quello a 1 Gigabit, punta proprio ad espandere la presenza territoriale garantendo al contempo un accesso internet a banda sempre più larga.

Il passaggio è quello di rimuovere quello che può essere definito come il Digital Divide 2.0: non più mettere a disposizione una connessione a Internet, ma offrirne una in grado di mettere a disposizione una larghezza di banda adeguata alle modalità con le quali gli utenti ora accedono alla rete. Dalla consultazione di una libreria di film in streaming alle videoconferenze è evidente come le necessità di banda, anche domestiche, non vengano più ben gestite dalle connessioni a banda larga tradizionali magari capaci di arrivare a velocità in download di massimo 10 Mbit con banda in upload molto più contenuta. Guardando avanti nel tempo è facile immaginare che le necessità di banda degli utenti e delle aziende non faranno altro che crescere.

EOLO vanta al momento attuali 1,2 milioni di utilizzatori dei propri servizi di connettività FWA, con 70.000 tra aziende e enti della pubblica amministrazione che ne sfruttano i servizi di connettività per il collegamento web. L'azienda ha circa il 78% di copertura delle aree bianche con i propri servizi di rete a banda ultra larga.

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
frankie13 Maggio 2020, 11:28 #1
Segnalo 1.2 utilizzatori.
Vindicator2313 Maggio 2020, 11:58 #2
comunque gli operatori coprono aree bianche molto a caso

nella seconda abitazione di vacanza è arrivata dopo 5-6 anni il 4G+ fino a 330 mega era in piena area bianca (adesso ho molta scelta wind, tre e iliad e i loro virtuali)

tim è rimasta praticamente a malapena in 3G a pochi mega

è programmato il 5G entro 2 anni da adesso
Opteranium13 Maggio 2020, 13:08 #3
il fixed wireless è una presa in giro, ha la stabilità di banda pari ad un ubriaco sul ponte di una nave in una tempesta
monel7613 Maggio 2020, 15:23 #4
Originariamente inviato da: Opteranium
il fixed wireless è una presa in giro, ha la stabilità di banda pari ad un ubriaco sul ponte di una nave in una tempesta


Ma anche no, utente Eolo obbligato da almeno 5 anni, visto che TIM si era completamente dimenticata delle zone fuori dalle città, contratto 30/3.
Disservizi molto rari e risolti in fretta, in telelavoro da quasi 2 mesi e mai un problema se non piccoli rallentamenti ogni tanto, poi non metto in dubbio che dipende da zona a zona.
Aspetto l'upgrade alla 100 con interesse.
*Pegasus-DVD*13 Maggio 2020, 17:17 #5
mai visto un azienda rubare cosi come eolo
purtroppo utente eolo obbligato da anni e ho ricevuto solo ladrate
l'ultima: per il Covid cap limit a 10 mega su 100 ma pago per una 100.
tutte le aziende del mondo regalano e loro rubano

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^