Nokia annuncia il suo primo modem 4G LTE

Nokia annuncia il suo primo modem 4G LTE

Pronto per la fase di trial presso gli operatori il primo modem Long Term Evolution di casa Nokia il Nokia Internet Model RD-3

di Roberto Colombo pubblicata il , alle 08:24 nel canale Telefonia
Nokia
 

L'interesse di Nokia per le tecnologie 4G LTE (Long Term Evolution) è noto da tempo, fin da quando uno dei direttori del colosso finlandese aveva condannato il Wimax a fare la stessa fine del Betamax.

Ora l'interesse è stato messo in pratica e Nokia ha annunciato il suo primo modem LTE, chiamato Nokia Internet Modem RD-3. Caratteristica fondamentale per questo modem, e passaggio obbligato nel panorama della telefonia attuale, come abbiamo avuto già modo di sottolineare nell'approfondimento che trovate a questo indirizzo, la compatibilità e l'interoperabilità con le tecnologie di generazione precedente, nel caso della telefonia le connettività 2G GSM/GPRS/EDGE e 3G WCDMA/HSPA.

Nokia è pronta per fornire sample agli operatori per inaugurare la fase di trial e spera di arrivare con tutti i colpi in canna al momento del lancio commerciale delle nuove reti a banda larga mobile, programmato per il 2010. Al momento non sono state fornite foto del nuovo modem, ma Unwired View riporta la roadmap di Nokia in ambito LTE.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
bertux09 Settembre 2009, 08:37 #1
in effetti nokia ha ragione a bocciare il wimax, tecnologia nata e sviluppata troppo tardi, il 4g è più comodo e funzionale per l'utente finale, speriamo solo in prezzi delle compagnie accettabili
Kuarl09 Settembre 2009, 09:39 #2
il wimax non è arrivato troppo tardi, è arrivato troppo presto e non ha mantenuto le promesse (raggio di copertura 50km?? ). Senza contare la mancanza di handover (leggasi compatibilità con le reti mobile esistenti. Quest'ultima mancanza l'ha praticamente ammazzato visto che tutti gli operatori mobili non potevano accettare una tecnologia che non supportasse ciò che c'era già.
tremezzi09 Settembre 2009, 09:43 #3
il wimax non è stato mai adoperato per fini strategici delle compagnie... È un esempio di come le compagnie, in questo caso telefoniche, ostocolino lo sviluppo e l'adozione di nuove tecnologie utili per l'umanità! Certi esempi fanno rabbrividire, specie se si pensa che come il wimax ci sono tante altre tecnologie sviluppate e pronte per l'uso, ma che non riescono a prendere piede per colpa degli interessi delle aziende... (vedi le auto a idrogeno o quanto meno elettriche...)

meditate gente...
M4rk19109 Settembre 2009, 10:27 #4
come stato scirtto è un passaggio obbligato, e Nokia è sempre sulla cresta dell'onda
300009 Settembre 2009, 10:38 #5
Bravo 3/2.
Allora qualcuno sveglio c'è............
Matematicamente, il progresso della tecnologia va contro gli interessi di chi la dovrebbe produrre...vien da se che lo sviluppo tecnologico e l'aumento del benessere del popolo sono in contrasto tra loro!!!
RIOT.......delle coscienze !
BAU
jokerpunkz09 Settembre 2009, 10:43 #6
non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire: 2-3-4g sono tecnologie "chiuse" proveniente dal segmento cellulari, dove Nokia (insieme agli amici vodafone, orange, tim ecc ecc) è il top, il wimax è una tecnologia pensata prima di tutto per pc, magli amici non vogliono certo una liberalizzazione dei loro giri di affari: non vorrete mica usare una tecnologia voip con un contratto flat internet vero? siete pazzi!

se non si è notato, vogliono portare le tecnologie chiuse ai pc (chiavette 3g a pioggia ultimamente) invece di portare quelle aperte dal pc ai cellulari....
veon1109 Settembre 2009, 11:00 #7
Sono d'accordo con #6, in toto.
Certo c'è da dire che la copertura wimax ad oggi è di fatto inesistente. Sarei ben felice di contribuire al suo successo diventando utente, ma se non me la portano...
goldenboy-z09 Settembre 2009, 11:09 #8
Ma il problema non è tecnologia chiusa o aperta...
Il Wimax è morto perchè dovrebbe essere una tecnologia in grado di garantire il trasporto dati e la connettività wireless a grande distanza... Esiste gia qualcosa del genere: appunto le reti 2/3/4 G, che garantiscono connettività in movimento. Il wimax qui sembrava una manna dal cielo, ma se vi guardate intorno capirete che dove la connettività wireless trova un uso massiccio, questo è possibile con la rete cellulare: in Svezia o in Giappone sono anni che utilizzano la rete mobile senza limitazioni con grande soddisfazione dei clienti, che fanno con i terminali o con i pc con le "chiavette" tutto senza problemi come andarsi a guardare il kb di sforo o la copertura che va in roaming e ti danno mazzate con i costi. La rete cellulare non è tecnologia chiusa, è rinchiusa entro certi limiti solo dagli OPERATORI, che da noi fanno quello che vogliono.
Nei paesi su menzionati il wimax non servirebbe a nulla, poichè esiste gia una rete wireless per il trasporto dati.
Qui la rete è insufficiente e si mantiene basso il numero di utenze con i costi alti e le offerte castrate perchè la banda non è sufficiente per tutti.. si andrebbe al collasso..
Ripeto: guardate ai paesi sviluppati, non ai paesi di operatori truffatori come da noi..
dr-omega09 Settembre 2009, 11:16 #9
Avete detto bene, gli operatori hanno acquistato le licenze wimax solo per lasciarle inutilizzate ed evitare "problemi".

Meno male che c'è il Garante delle telecomunicazioni a vigilare, altrimenti uff, saremmo in guai seri!!!
wxita09 Settembre 2009, 13:29 #10
Il WiMAX è vivo e vegeto e si muove lentamente anche in Italia, non dubitate. Si sulla carta le caratteristiche del WiMAX sono diverse, come quelle dell'LTE, ma vedrete che nella realtà anche LTE non rispecchierà le caratteristiche che ci propinano ora. E' solo pubblicità, è solo marketing sappiatelo questo.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^