''Huawei è più forte di prima e nulla cambierà per gli utenti'': ecco tutte le risposte di Huawei Italia | Intervista

''Huawei è più forte di prima e nulla cambierà per gli utenti'': ecco tutte le risposte di Huawei Italia | Intervista

Il lancio del nuovo Huawei Mate 20X 5G ci ha permesso di fare qualche domanda a Huawei Italia sulla questione del ban USA. Pier Giorgio Furcas, il deputy general manager della divisione italiana, ha risposto alle domande. Ecco l'intervista integrale.

di pubblicata il , alle 16:21 nel canale Telefonia
Huawei
 

Il ban degli USA imposto alle società come Huawei durante lo scorso maggio ha sicuramente fatto parlare in questi mesi. L'azienda cinese si è dovuta difendere commercialmente parlando ma a livello politico per fortuna la questione sembra essere stata risolta dal governo cinese e quello americano. Di fatto il lancio del nuovo Huawei Mate 20X 5G, il primo device 5G dell'azienda ma anche il primo smartphone ad essere lanciato dopo la questione del ban, ci ha permesso di capire effettivamente quale sia la situazione dell'azienda.

Siamo riusciti infatti a parlare (e a fare qualche domanda) a Pier Giorgio Furcas, il Deputy General Manager di Huawei Italia, che ci ha permesso di capire effettivamente meglio e nello specifico cosa è cambiato (se è cambiato) in Huawei da quel 15 maggio e come l'azienda intende continuare la sua cavalcata verso lo scettro di azienda leader della telefonia mobile. Ecco tutte le risposte del manager di Huawei.

1) Huawei è stata "bannata" lo scorso 15 maggio. Tanti dubbi e tante sicurezze sugli smartphone che continueranno a lavorare con Android. Qual è la situazione ora realmente sul futuro dell'azienda lato smartphone?

Possiamo dare finalmente fiato alle trombe e oggi ringraziamo questa opportunità del lancio del Mate 20X anche per fare un po' più di chiarezza. Non che fosse strettamente necessaria ma ovviamente non potendo fare dichiarazioni è chiaro che qualche dubbio fuori è emerso. Oggi possiamo dire con totale trasparenza che i nostri prodotti funzionano con tutti i servizi e le applicazioni di Google piuttosto che con tutte le app più famose ed utilizzate nella parte guest del mondo come Facebook, Instagram, Whatsapp, Twitter piuttosto che Linkedin. 

Quindi in sostanza non è cambiato assolutamente niente tutta la nostra attuale line up riceverà ogni singola patch e tutti gli aggiornamenti attuali e futuri. Quindi negli occhi dell'utente finale non è successo in sostanza niente. Tutta la partnership, gli accordi con Google anche all'indomani del ban sono continuati ad esistere. La nostra partnership con Google è continuata pariteticamente prima di quello che io uso chiamare il "Big Bang" del 20 maggio. In sostanza non è cambiato assolutamente niente e questo è un messaggio che vogliamo far trasparire oggi approfittando del lancio del Mate 20X 5G all'utente finale. Tra l'altro il fatto che stiamo lanciando il Mate 20X 5G conferma la bontà dell'azienda e della sua roadmap. Arriverà a settembre anche il Mate X quindi vuol dire che il treno in corsa di Huawei non si è fermato e non si fermerà. 

A Barcellona avevamo detto che il prodotto (Huawei Mate X) sarebbe stato pronto nel Q4 del 2019 nella realtà dei fatti la Cina ha stupito anticipando di un mese il lancio com disponibilità del prodotto sul mercato a settembre. 

2) Huawei e il suo sistema operativo. Se ne parla da tempo sull'esistenza. Potrebbe davvero fare concorrenza ad iOS e Android?

Tutti sono consapevoli che Huawei sin dal 2009 ha iniziato questo progetto. Ha iniziato a studiare un sistema operativo proprietario al pari di quello che hanno fatto le altre aziende in passato con più o meno successo. Diciamo che Huawei non è l'unica che ha pensato a questa cosa. Un progetto che è iniziato nel 2009 e che oggi è stato messo un pochino più in risalto in virtù di quello che è successo. Di fatto non è che prima gli utenti, i media piuttosto che gli esperti del settore non ne fossero consapevoli che Hauwei stesse studiando ad un sistema operativo proprietario.

Se questo sistema arriverà nei prossimi mesi o il prossimo anno questa è una cosa che noi oggi non sappiamo. Come del resto tutte le novità sui nuovi prodotti. Aspettiamo che ci vengano confermate dal quartier generale nella forma in cui verranno lanciati ma chiaramente questo noi non lo sappiamo e ci basiamo oggi sul presente e il presente è il fatto che lavoriamo con Google, lavoriamo con Android e continueremo a lavorare con Google e anche con Android.

3) Apple è un punto di riferimento per Huawei nella privacy. Lo ha dichiarato l'attuale CEO di Huawei. Gli utenti possono stare tranquilli con Huawei da questo punto di vista? Huawei spia gli utenti tramite smartphone o magari tramite le infrastrutture 5G?

Penso che in un mese e mezzo ci sia stato un gran parlare e qualcuno ha forse esagerato con il dito sulla tastiera o con la penna. Il focus di Huawei rimane comunque sull'utente finale e questa è la vera priorità. Chiaramente non possiamo tradire gli utenti o tanto meno pensare che nella testa degli stessi non si possa inanellare qualche dubbio di questo genere. Privacy e sicurezza sono troppo importanti per Huawei perché sono rivolti proprio all'utente finale e questo non deve essere tradito proprio per la preferenza che ha dato a noi scegliendo i prodotti Huawei. 

4) Qual è il rapporto di Huawei oggi con gli USA? Cambierà qualcosa nella filosofia dell'azienda?

Non sono titolato a parlare giustamente di geopolitica. Noi siamo stati chiamati parte in causa in questa vicenda ma lato Huawei non cambia assolutamente nulla. preferisco citare le parole di Ren Zhengfei, fondatore di Huawei, quando dice che Trump è un ottimo Presidente e sta facendo un ottimo lavoro.

Se non possiamo entrare in America a vendere i nostri prodotti che siano infrastrutture o che siano device, per una scelta americana e non di Huawei ce ne faremo una ragione. Grazie a dio c'è tutto il resto del mondo con il quale fare affari. Con la Cina penso che Huawei abbia un ottimo rapporto ma come dice Ren Zhengfei, Huawei, rimane un'azienda indipendente onde evitare proprio qualsiasi tipo di ''misunderstanding''.

Huawei è un'azienda indipendente e lavora per fare del business soprattutto in Cina ma non solo anche nel resto del mondo con il quale ha degli ottimi rapporti. Gli USA, se ci faranno entrare da loro, ben venga ma se come dice Ren Zhengfei non ci faranno più entrare, pazienza e non è un problema nostro. Huawei è in dubbio che sia leader a detta degli esperti e degli analisti. Siamo un passo avanti rispetto ai nostri competitor, questo è un dato di fatto. Noi oggi abbiamo la possibilità di fornire ai nostri partner una soluzione ''end to end'' per il 5G e se qualcuno vuole approfittare di questa opportunità ben venga mentre se non vuole non possiamo farci niente.

5) Huawei e il 5G: il lancio del Mate 20X 5G è una fortuna per gli italiani che possono dunque usare la nuova rete senza problemi. Giusto?

Assolutamente si. Per noi è un momento molto molto importante perché gli operatori hanno deciso di iniziare la danza del 5G. Noi, come dicevamo prima, avendo una soluzione esclusiva "end to end" non possiamo mancare all'appuntamento. Offriamo quindi il prodotto non solo agli operatori ma anche alle più importanti insegne del mercato libero ossia i retailer. il prodotto è dunque disponibile anche su Unieuro, Amazon e Mediaworld per poter dare a tutti questa opportunità. quindi ci siamo. abbiamo acceso le luci della festa danzante e noi (huawei) siamo lì con l'abito. Siamo pronti. Huawei è contenta perché già con il Mate 20X  e poi con il Mate X all'utente finale stiamo dicendo non è successo nulla e stiamo ancora facendo il nostro lavoro. 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
metrino15 Luglio 2019, 17:31 #1

Miss ... chi?

No dai ragazzi... ma veramente????
"miss understanding" ? ma che è?

... o forse ho capito male io ed è stato solo un semplice misunderstanding ...
quartz15 Luglio 2019, 18:03 #2
Originariamente inviato da: metrino
No dai ragazzi... ma veramente????
"miss understanding" ? ma che è?

... o forse ho capito male io ed è stato solo un semplice misunderstanding ...


Non ho parole....
Ultravincent15 Luglio 2019, 19:04 #3
Originariamente inviato da: metrino
No dai ragazzi... ma veramente????
"miss understanding" ? ma che è?

... o forse ho capito male io ed è stato solo un semplice misunderstanding ...



E' la miss piu' comprensiva del mondo...
Non come quella stronza di Miss Cotonella...
giovanni6915 Luglio 2019, 19:35 #5
"Gli utenti possono stare tranquilli con Huawei da questo punto di vista? Huawei spia gli utenti tramite smartphone o magari tramite le infrastrutture 5G?"

E' come chiedere all'oste se il vino è buono....


G-r-a-n-d-i-s-s-i-m-a- garanzia per l'utente finale...eh!
Qarboz15 Luglio 2019, 23:07 #6
Originariamente inviato da: metrino
No dai ragazzi... ma veramente????
"miss understanding" ? ma che è?

... o forse ho capito male io ed è stato solo un semplice misunderstanding ...


Dopo miss cinema, miss villaggio-vacanze, miss maglietta bagnata si sono inventati "miss understanding"...
Haran Banjo16 Luglio 2019, 11:07 #7
They made a miss take
;-)

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^