FaceApp: ecco l'applicazione che sta spopolando sul Web e permette di ''vedere'' come sarai da vecchio

FaceApp: ecco l'applicazione che sta spopolando sul Web e permette di ''vedere'' come sarai da vecchio

A due anni di distanza dalla sua prima comparsa, FaceApp è tornata a far parlare di sé per l'utilizzo del filtro che invecchia il volto. Perché? Semplice: funziona bene. Grazie ad intelligenza artificiale e cloud.

di pubblicata il , alle 12:41 nel canale Telefonia
iOSAndroid
 

La popolarità di FaceApp sembra destinata ad aumentare anche a diversi anni dalla sua uscita. In questi giorni non si fa che parlare dell'applicazione perché il filtro per invecchiare il volto è diventato così tanto virale in Italia da vedere le nostre timeline completamente invase dai nostri amici con le facce decisamente "anziane". Quello che risulta interessante è il fatto che l'applicazione è stata lanciata nel 2017, quando negli USA ha raccolto incredibile successo per diverso tempo. Oggi, a due anni di distanza, FaceApp è tornata in auge e gli utenti non hanno fatto altro che scattarsi selfie e "invecchiarsi" grazie ad intelligenza artificiale e cloud.

FaceApp: come funziona l'applicazione

FaceApp è un’applicazione gratuita per smartphone disponibile sia sull’App Store che sul Google Play Store. L'applicazione è mossa dall’intelligenza artificiale, FaceAppinfatti è in grado di creare delle foto realistiche che trasformano il volto degli utenti, utilizzando intelligenza artificiale e filtri predisposti. Presente una versione gratuita che permette di utilizzare solo alcuni filtri limitati anche se i risultati sono davvero stupefacenti: è possibile modificare l’espressione della bocca, il colore dei capelli, cambiare genere sessuale ma anche tornare indietro nel tempo e “ringiovanire” oltre che invecchiare.

Per utilizzare FaceApp, dopo averla chiaramente scaricata, basterà scattare una foto con il proprio smartphone o sceglierne una dalla libreria e poi modificare l’immagine con i diversi filtri a disposizione. A livello tecnico quando carichiamo l'immagine o ci scattiamo un selfie, l'applicazione carica tutto sul cloud dove le reti neurali tramite un algoritmo riconoscono il volto con tutti gli elementi permettendo poi di modificarli in base alle scelte del filtro dell'utente. Chiaramente un procedimento che richiede Intelligenza Artificiale e che potrebbe non essere realizzato con la semplice immagine e il vecchio algoritmo di modifica delle immagini.

E provare per credere perché effettivamente le immagini risultano davvero ben fatte e le modifiche trovano l'effetto "wow" in chi le osserverà. Insomma un modo per divertirsi e far divertire anche i nostri amici nelle calde serate di questa estate.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

27 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
aqua8417 Luglio 2019, 12:43 #1
Bene...
Peccato che ormai ho gia i testicoli smerigliati da tutti quelli che conosco che mi hanno ripetuto in questi giorni "vuoi vedere come saró da vecchio??"
kamon17 Luglio 2019, 12:51 #2
Anche HWU co sta cagata? Ieri è stato un incubo. Ma quanto avranno investito questi quì per questa invasione pubblicitaria a tappeto? Cribbio pure sui telegiornali... Pure su quelli sportivi!
È stata un'esperienza quasi inquietante, ormai per ottenere l'identikit di qualcuno basta lanciare una qualsiasi app o "contest" che richieda una foto e voilà .
Opteranium17 Luglio 2019, 13:11 #3
che minchiata
illidan200017 Luglio 2019, 14:08 #4
Originariamente inviato da: Opteranium
che minchiata


minchiata per te, ma non per chi ha sviluppato/prodotto/venduto l'app....
300017 Luglio 2019, 14:08 #5
Massa di pecore che hanno insegnato ad un algoritmo di IA come lavorare in futuro_
inited17 Luglio 2019, 14:17 #6
E' russa, i permessi che le si concedono sono sufficienti a farsi gli affari di chi la usa e raccogliere dati di profilazione molto vari e profondi, usarla è una follia.
kamon17 Luglio 2019, 14:23 #7
Originariamente inviato da: inited
E' russa, i permessi che le si concedono sono sufficienti a farsi gli affari di chi la usa e raccogliere dati di profilazione molto vari e profondi, usarla è una follia.


È Russa? Ora mi spiego molte cose...
gd350turbo17 Luglio 2019, 14:30 #8
Originariamente inviato da: inited
E' russa, i permessi che le si concedono sono sufficienti a farsi gli affari di chi la usa e raccogliere dati di profilazione molto vari e profondi, usarla è una follia.


Come Telegram...
pabloski17 Luglio 2019, 14:44 #9
Originariamente inviato da: inited
E' russa, i permessi che le si concedono sono sufficienti a farsi gli affari di chi la usa e raccogliere dati di profilazione molto vari e profondi, usarla è una follia.


Ma quante balle. L'app chiede solo accesso alla camera e alla galleria. Essendo un'app che si occupa di foto, è proprio il minimo.

Evidentemente le app spione non le hai mai viste in azione.
inited17 Luglio 2019, 14:49 #10
Originariamente inviato da: pabloski
Ma quante balle. L'app chiede solo accesso alla camera e alla galleria. Essendo un'app che si occupa di foto, è proprio il minimo.

Evidentemente le app spione non le hai mai viste in azione.
Certo, perché non ti bastava sentenziare sull’app senza sapere di cosa parli, ma dovevi anche dare a vedere che fai illazioni e supposizioni sugli altri senza basi. Ad ogni modo no, le preoccupazioni sono reali, l’accesso viene consentito alla galleria senza restrizione alle foto selezionate dall’utente, e le foto vengono caricate sui loro server. fonte: TechCrunch

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^