Synology DS220+: il NAS a due unità per chi ha tanto da archiviare

Synology DS220+: il NAS a due unità per chi ha tanto da archiviare

Un NAS a due unità che ben si adatta alle necessità dell'utente domestico, alle prese con un gran quantitativo di file personali tra immagini, video e musica. Processore dual core per operazioni veloci e la forza del sistema operativo Synology DiskManager

di pubblicata il , alle 14:01 nel canale Storage
Western DigitalCeleronIntelSynology
 

L'importanza di un NAS per il backup dei propri dati

In varie occasioni abbiamo rimarcato, su queste pagine, l'importanza di un approccio corretto all'archiviazione e al backup dei dati immagazzinati sui propri dispositivi. PC e smartphone ne contengono sempre di più, con il rischio che un danneggiamento (o smarrimento) di uno dei nostri dispositivi possa portare all'irrimediabile perdita dei dati.

Il backup in cloud è indubbiamente una strategia efficace: servizi come Microsoft OneDrive, o Google Drive permettono di automatizzare il backup in tempo reale sul cloud, con accesso ad uno spazio di storage contenuto in presenza di piani gratuiti o di archivi ben più capienti attraverso la sottoscrizione di un abbonamento mensile.

L'installazione di un NAS, in casa o nel proprio ufficio personale, permette non solo di offrire ulteriore ridondanza locale ai dati contenuti nei propri dispositivi di utilizzo quotidiano ma anche di archiviare un volume complessivo di dati ben superiore a quanto accessibile via cloud. Le problematiche da risolvere non sono quindi solo legate alla ridondanza dei dati, ma anche a come gestirne in grande quantità.

Synology DS220+ gestisce i nostri file multimediali

Nella gamma di prodotti della taiwanese Synology il nuovo modello DS220+ ben risponde alle necessità tipiche degli utenti domestici e dei piccoli uffici, grazie alla possibilità di installare sino a 2 hard disk da 3,5 pollici. La disponibilità di unità dalla capienza sempre più elevata a costi accessibili rende semplice la configurazione, con questo NAS, di uno spazio di archiviazione particolarmente importante. E' sempre preferibile utilizzare due hard disk identici in mirroring o Raid 1, così che uno sia copia speculare dell'altro potendo sostituirlo in caso di malfunzionamento senza che questo pregiudichi la continuità dei servizi.

La costruzione è quella classica dei NAS Synology da 2 unità: il pannello frontale è fissato a pressione e una volta rimosso permette di avere accesso alle slitte dei due hard disk, anche questi tali da non richiedere l'utilizzo di alcun tipo di utensile per la loro corretta configurazione. Nella parte posteriore trovano posto due porte LAN Gigabit, assieme ad un connettore USB Type-A 3.0 abbinati ad uno identico presente nella parte anteriore. L'alimentatore è esterno alla struttura, un modello che per ingombro e dimensioni è assimilabile a quello di un notebook sottile.

Sotto la scocca troviamo un processore Intel Celeron J4025, unità dual core con frequenza di clock di 2GHz che si può spingere sino a 2,9GHz di clock quale massimo. L'abbinamento con 2GB di memoria DDR4 permette al sistema di assicurare una pronta risposta ai vari comandi legati alla condivisione e alla gestione dei dati, ma è possibile espandere il quantitativo sino a 6GB totali sfruttando lo slot disponibile sulla piccola scheda madre. Synology fornisce sul proprio sito web una lista di compatibilità per un gran numero di hard disk che possono essere installati in DS220+: si arriva sino a 16TB di capienza con i modelli più costosi, grazie ai quali si può assicurare un elevato spazio di archiviazione anche mantenendo la ridondanza in modalità Raid 1.

Synology DS220+ è pensato per l'utente domestico che necessita di uno spazio di archiviazione sicuro per i propri dati. Da questo la disponibilità di 3 interessanti utility per la loro gestione, integrate all'interno del sistema operativo del NAS:

  • Audio Station: gestisce e ordina le tracce audio, inviandole in riproduzione ai dispositivi abilitati a Google Cast.
  • Moments: gestisce in modo intelligente le foto. organizzandole in modo da creare album di ricordi.
  • Video Station: organizza tutti i flussi video presenti nel NAS, dai film alle serie TV a filmati personali così che possano essere facilmente condiviso in streaming su PC, smartphone e lettori multimediali.

Synology mette a disposizione specifiche App per dispositivi mobile con le quali poter accedere rapidamente alle differenti tipologie di contenuti multimediali che sono archiviati sul NAS.

Facile da configurare, subito pronto per l'uso

La configurazione del NAS avviene utilizzando l'utility Synology Assistant: è necessario installare almeno 1 hard disk nell'unità così che su di esso possa venir installato il sistema operativo Synology DiskManager che ne governa il funzionamento. Ci siamo serviti di un modello Western Digital della famiglia Red, unità da 8TB di capacità che per sua natura è pensata proprio per un utilizzo 24 ore su 24, 7 giorni su 7, tipico delle soluzioni NAS. Per l'abbinamento con un NAS di questo tipo è bene optare per hard disk che siano certificati per l'utilizzo 24/7, così da garantire continuità del servizio nel lungo periodo. E' ovviamente possibile installare anche hard disk o SSD in form factor da 2,5 pollici, rinunciando però a qualcosa in termini di capacità complessiva.

Completata la configurazione dell'unità è possibile accedervi per configurare l'unità di storage secondo le nostre specifiche necessità, oltre ad avere accesso all'archivio di applicazioni specifiche che Synology mette a disposizione, molte delle quali sono gratuite. La logica è quella abituale degli APP Store dei dispositivi mobile: per specifiche esigenze d'uso che vadano oltre quelle di archiviare e avere accesso ai dati dal NAS via accesso di rete è possibile servirsi di queste App, espandendo in questo modo le modalità di utilizzo del NAS.

Synology DS220+ viene proposto ad un prezzo retail di circa 350€ IVA inclusa nel mercato italiano, con alcuni sconti ulteriori praticati da vari rivenditori. Si tratta di una cifra allineata alla presenza di un processore Intel con architettura dual core, in grado di assicurare una risposta rapida alle operazioni complesse, quali ad esempio quelle di indicizzazione dei dati contenuti sugli hard disk in modo rapido e pronto.

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Cappej29 Ottobre 2020, 16:21 #1
"tanto da archiviare" con ..2 bay?
phmk29 Ottobre 2020, 18:11 #2
Con un PC di recupero, 16 GB di RAM DDR3 e 10 HD (!) per un totale 48 TB circa ho speso molto meno (dischi esclusi)
virtualdj29 Ottobre 2020, 18:13 #3
Mmm... vedo un WD Red non Pro! Non erano stati esclusi dalla lista di compatibilità di Synology perché con tecnologia SMR?
Vabbè che magari in RAID 1 il problema non si nota, o comunque sicuramente meglio che in RAID 5.
giuliop29 Ottobre 2020, 18:14 #4
Originariamente inviato da: Cappej
"tanto da archiviare" con ..2 bay?


Con due dischi da 16TB *NON* in RAID (che è assolutamente sconsigliabile, al contrario di quanto dica l'articolo) hai 32TB, per un uso casalingo/SOHO ti sembra poco?!
armandoss29 Ottobre 2020, 21:13 #5
sicuramente un server casalingo offre più prestazioni ma il problema son sempre i consumi , specie con i pc di recupero
Originariamente inviato da: phmk
Con un PC di recupero, 16 GB di RAM DDR3 e 10 HD (!) per un totale 48 TB circa ho speso molto meno (dischi esclusi)
giuliop29 Ottobre 2020, 22:14 #6
Originariamente inviato da: armandoss
sicuramente un server casalingo offre più prestazioni ma il problema son sempre i consumi , specie con i pc di recupero


Io me ne sono assemblato uno con componenti nuovi che consuma circa 22W; [U]qui[/U] i dettagli, con i pro e contro.
bonzoxxx30 Ottobre 2020, 01:25 #7
Originariamente inviato da: phmk
Con un PC di recupero, 16 GB di RAM DDR3 e 10 HD (!) per un totale 48 TB circa ho speso molto meno (dischi esclusi)


Si ma i consumi sono alti, il mio syno sta sui 10-12W con 1hdd da 8TB, sui 17W con entrambi i dischi.

A conti fatti in un anno 24/7/365 spendo circa 105 kWh per un corrispettivo di, considerando 0.20€ al kW, 21€.
Un pc di recupero, benché sicuramente più veloce, in idle sta sui 50-60W con un spesa 5 volte superiore.

Prezzo cmq bello alto, speravo intorno ai 280€..
DarkmanDestroyer30 Ottobre 2020, 08:20 #8
bellino, ma in 10 anni non è che ci sia stata questa grande innovazione.
e lo dico da grande fan di synology e possessore (felice) di un DS212j.
i nas a 2 bay sono piccoli e comodi... fintanto che hai un limitato quantitativo di dati da archiviare... il titolo mi spiace dirlo ma è clicbait come pochi.
16 tb saranno tanti per un utente base... ma sfido lo stesso utente base a comprare il nas più 2 hdd da 16 tb (500€ l'uno nel più ottimistico dei casi)...
specie perchè allo stesso prezzo possono costruirsi un muletto (nuovo o usato) che può mantenere molti più hdd e sopratutto che si può migliorare nel tempo
(ad oggi una soluzione ryzen minimalista sarebbe già overkill, ma gestirebbe come nulla anche 250 tb e fronte di consumi relativamente contenuti).

nel caso specifico, per i più smanettoni basta trovare un pc usato con J1900 che stia sotto i 70€ e un'pò di lavoro software per poter già creare una macchina al pari del DS
alla fine le possibilità sono molte, l'unico limite è la fantasia umana ;-)

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^