Soluzione SSD da 640 Gbytes di capacità

Soluzione SSD da 640 Gbytes di capacità

Ci vuole una scheda PCI Express dedicata per abbinare la tecnologia Solid State Disk ad elevata capacità, almeno per il momento

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 09:08 nel canale Storage
 

In concomitanza con il Demofall 07, evento che si è tenuto nelle scorse settimane a San Diego, Fusion-io ha presentato un proprio prototipo di soluzione storage che abbina velocità di lettura e scrittura elevatissime ad una capienza decisamente interessante.

Questo connubio è stato ottenuto sfruttando la tecnologia Solid State Disk, montata non in un tradizionale chassis per hard disk ma su una scheda PCI Express 4x dedicata. La risultante è un dispositivo di memorizzazione da ben 640 Gbytes di capacità complessiva, costruito utilizzando chip memoria Flash NAND.

fusion_io.jpg (33167 bytes)

L'utilizzo di tecnologia SSD permetterà di ottenere transfer rate sequenziali prossimi a 800 Mbytes al secondo in lettura e circa 600 Mbytes al secondo in scrittura; si tratta di valori da 6 a 12 volte superiori rispetto a quanto ottenibile con un tradizionale hard disk anche con elevata velocità di rotazione dei piatti. Al momento attuale il produttore ha certificato supporto ai sistemi operativi Linux Red Hat AS4.0, Windows Vista e Windows XP.

Tutta questa tecnologia ha un evidente rovescio della medaglia, nella forma del costo: al momento attuale questo prodotto ha un prezzo indicativo al debutto, atteso nel primo trimestre 2008, pari a 19.000 dollari USA per la versione da 640 Gbytes di capacità. Fortunatamente il produttore ha intenzione di sviluppare altre versioni, partendo da una capienza di 80 Gbytes, che dovrebbero risultare più accessibili: per questi modelli la commercializzazione è prevista a partire dal quarto trimestre 2007. Per la fine del prossimo anno la densità di memorizzazione delle memorie NAND dovrebbe permettere di ottenere dispositivi con capacità complessiva sino a 1,2 Terabytes.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

73 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Fabius_c11 Ottobre 2007, 09:13 #1
Mentre viene dato il nobel ai padri degli harddisk si decreta la loro futura morte con queste (positive) notizie.

non è paradossale ?
defmaka11 Ottobre 2007, 09:16 #2
19.000 dollari?? 0_0 Miseriaccia! Pero' pensate tra qualche anno quando si spera che i prezzi cadano ;D
homero11 Ottobre 2007, 09:18 #3
gli hard disk hard disk meccanici come sistema di memorizzazione per OS sono al capolinea, rimarranno nel campo dello storage di grosse quantità di dati per qualche anno ancora e poi il declino sarà definitivo....
....devo dire che anche il famoso disco da 12cm sia esso bluray-hddvd-dvd-cd è destinato a morire, infatti oggi vado avanti con le pennette per il trasporto dati mentre per i backup con i NAS.
siamo alla svolta in un mercato da molto tempo fermo dal punto di vista dello sviluppo tecnologico.
Sig. Stroboscopico11 Ottobre 2007, 09:19 #4
Si, come no... col costo di 19.000 € il mondo degli hd è finito

^__^'

Queste soluzioni esistono da anni ma gli hd tengono botta.

Qui ci vorranno ancora anni priva che diventino usufruibili per la massa e nel frattempo usciranno nuove tecnologie.
Gli hd nel frattempo costano molto poco e li stanno mettendo ormai ovunque.

Comunque spero che si diano una mossa, gli hd attuali sono il vero collo di bottiglia di qualunque sistema.

Ciao!
misocurdo11 Ottobre 2007, 09:21 #5
paradossale è vedere quanti anni sono necessari per appurare l'effettiva bontà di un'invenzione... Ed è giusto così.... Altrimenti nel tempo si sarebbe rischiato di vedere nobel assegnati per progetti che si sono poi rivelati errati concettualemente... (come poi è successo realemente in una manciata di occasioni).... Sempre meglio aspettare il più possibile (cercando di non dover consegnare l'onorificenza ai discendeti anzichè all'investito)...
alegallo11 Ottobre 2007, 09:30 #6
Eh si, ma d'altronde le cose buone si vedono alla distanza.
Specialmente nel campo dello storage, bisogna che ci sia un bel test sul campo.

In effetti mi sono chiesto quando hanno avuto le loro belle idee i due premi Nobel, visto che gli HD esistono almeno da 30 anni ... ma forse anche da 40!

Beh, questo spiega anche perché non ci sono ventenni premiati col Nobel!
DevilsAdvocate11 Ottobre 2007, 09:34 #7
Originariamente inviato da: Fabius_c
Mentre viene dato il nobel ai padri degli harddisk si decreta la loro futura morte con queste (positive) notizie.

non è paradossale ?

Continuo a pensare che la scelta di dare quel premio non sia affatto
casuale, in quel modo han tagliato fuori Stuart Parkin che pure essendo
un personaggio controverso è accertato essere anche lui parecchio coinvolto
nell'invenzione degli HD moderni, visto che a lui si deve il GMR.
(ha già ricevuto svariati premi ma mai il nobel)

da wired:
He spent the next two years doing trial-and-error runs until he was able to perfect extremely sensitive magnetic field detectors that existing fabrication methods could produce for storing data. IBM quickly commercialized Parkin's GMR effect in its high-end disk drives, packing 3.3 Gbytes onto a 2.5-inch platter. Now the entire disk industry uses GMR read/write heads, which have helped gross IBM $8.1 billion and a 27 percent share of the storage market.
farinacci_7911 Ottobre 2007, 09:34 #8

Non ho capito una cosa:

questa scheda da soli 19.000$ si monta su uno slot PCI-Ex 1x, ma solo elettricamente o anche per lo scambio dei dati? Me lo chiedo perchè mi sembra di vedere una porta SATA, quindi devo dedurre, come mi sembra logico, che comunque vada collegato in quelche modo al BUS degli harddisk per gestirne quanto meno la logica.
Oppure la prossime MB, o meglio i prossimi chipset, permetteranno il boot da qualunque memoria/disco ovunque sia collegato alla MB stessa?
In effetti già oggi è possibile il boot anche se con prestazioni deludenti da porta USB.......
Motosauro11 Ottobre 2007, 09:35 #9
Bella come soluzione, ma chissà come viene vista dal kernel: sarà tipo /dev/pd1 ? e potrà fare il boot? O sarà come i controller RAID e necessiterà di un hdd di qualche genere (magari una cf) per fare boot?
Comunque sia niente pezzi in movimento e consumi bassi. Bello

P.S.
Strano che usino la topolina per fare pubblicità.
homero11 Ottobre 2007, 09:36 #10
comunque sia 800mb/s non sono bruscolini fino a qualche anno fa era la velocità di accesso alla memoria ram di un sistema.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^