Hitachi Ultrastar SSD400S, SSD SAS e FC per il mercato enterprise

Hitachi Ultrastar SSD400S, SSD SAS e FC per il mercato enterprise

Ancora un lancio prodotto da Hitachi nel campo dello storage: è l'ora degli SSD top di gamma enterprise Ultrastar SSD400S

di pubblicata il , alle 08:38 nel canale Storage
 

Hitachi presenta una nuova famiglia di hard disk enterprise, scegliendone la realizzazione contando esclusivamente su chip NAND Flash. I nuovi SSD, che apparterranno alla famiglia Hitachi Ultrastar SSD400S, possono essere definiti i top di gamma del brand per il mercato enterprise.

Hitachi

Vista la destinazione d'uso, Hitachi offre un ventaglio di possibilità in termini di interfaccia e form factor, al fine di venire incontro alle differenti problematiche di ingombri e di networking proprie degli ambienti professionali e server. I nuovi dischi sono infatti disponibili sia nel formato 3,5 pollici che 2,5 pollici, interfacciabili rispettivamente tramite SAS 6Gbps, Serial Attached SCSI, 0 attraverso FC, Fibre Channel 4Gbps.

Interessante notare che i chip utilizzati da Hitachi sono marchiati Intel, nella versione pregiata SLC realizzata con processo produttivo a 34nm. Hitachi dichiara la vita media dei propri dischi utilizzando i dati scambiabili in tutta tranquillità nell'arco di 5 anni, fissandola in ben 35 Petabyte (PB) di scritture sequenziali, ovvero19.2 TB al giorno per cinque anni.

Le prestazioni dichiarate sono notevoli: si parla di 535MB/s in lettura e 500MB/s in scrittura per il modello con interfaccia 6Gb/s SAS,  per passare a 390MB/s in lettura e 340MB/s in scrittura per quello 4Gb/s FC. La scrittura dichiarata di pacchetti da 4k random è rispettivamente di 46,000 e 13,000 IOPS, senza contare i benefici in termini di risparmio energetico. Prezzi? Non ancora disponibili, purtroppo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
SuperSandro17 Novembre 2010, 09:27 #1
I prezzi saranno ovviamente assurdi: poco male(!). La notizia importante, infatti, è che l'affidabilità di simili dispositivi va aumentando molto rapidamente. Se sostenessero il prodotto attribuendo una garanzia di 3 - 4 anni sarebbero certamente più credibili.
kliffoth17 Novembre 2010, 10:50 #2
Originariamente inviato da: SuperSandro
I prezzi saranno ovviamente assurdi: poco male(!). La notizia importante, infatti, è che l'affidabilità di simili dispositivi va aumentando molto rapidamente. Se sostenessero il prodotto attribuendo una garanzia di 3 - 4 anni sarebbero certamente più credibili.


Sono chip SLC, costano uno sproposito, e poi sono SSD Enterprise.

Guarda che l'affidabilità (endurance) è già buona e pure con Chip MLC.
Un utente normale non scriverà MAI 19 TB al giorno

Per l'affidabilità segnalo questo link (che poi la situazione dai tempi dell'articolo è migliorata)
http://www.storagesearch.com/ssdmyths-endurance.html

51 anni con un MLC (uso medio ambito domestico)
supertigrotto17 Novembre 2010, 11:17 #3

ottima notizia

se si diffondono molto nel mercato enterprise,nel mercato home prima o poi si abbassano i prezzi...
bollicina3117 Novembre 2010, 20:39 #4
scusate, ma come mai la versione con interfaccia SAS, va così tanto 500mb/s

Più veloce della fibra e dello scasi..

chiaritemi sta cosa... mossa di marketing???
myrdrwin17 Novembre 2010, 20:49 #5
Originariamente inviato da: bollicina31
scusate, ma come mai la versione con interfaccia SAS, va così tanto 500mb/s

Più veloce della fibra e dello scasi..

chiaritemi sta cosa... mossa di marketing???


SAS stà per Serial Attached SCSI praticamente il vecchio SCSI era parallelo e utilizzava dei connettori flat abbastanza ingombranti senza contare il mettere i driver in serie e balle varie. Hanno spostato il "protocollo" su bas seriale, quindi hai i vantaggi degli scsi ma con un connettore molto più piccolo e più facilmente gestibile in merito alle configurazioni, ha i vantaggi del SATA in sostanza, in più mettici che i controller sono compatibili con i dischi SATA e hai fatto bingo. Per questo sono così veloci, al di là delle prestazioni proprie delle NAND SLC. Spero di essermi spiegato abbastanza bene e se c'è qualche imprecisione colossale non cazziatemi :P
lucusta17 Novembre 2010, 21:40 #6
in realta' e' perche' sfruttano un doppio controller a 16 chip per singolo controller, poi SAS da' solo l'ampiezza di banda...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^