Fusione tra ATI e AMD: solo rumors

Fusione tra ATI e AMD: solo rumors

ATi e AMD non commentano in alcun modo le indiscrezioni che parlano di uan possibile unione tra queste due realtà

di pubblicata il , alle 11:48 nel canale Schede Video
ATIAMD
 

Sembra che dopo poco più di un mese di sordina, la notiza della possibile acquisizione di ATI da parte dell'americana AMD sia ridiventato il principale tema di discussione di questi giorni. Alla base una notizia molto sintetica pubblicata dal sito asiatico OCworkbench, che riportava una seconda notizia pubblicata sul sito del giornale cinese Sina Tech/First Financial Times.

La notizia, abbastanza approssimativa, segnalava come possibile un annuncio nelle 48 ore seguenti da parte di ATI e AMD, circa la possibile fusione tra queste due realtà.

In questa notizia, a inizio Giugno, abbiamo evidenziato alcuni temi di riflessione che facevano ritenere queste solo voci non confermate, e senza grande valenza di mercato:

ATI, alla pari di NVIDIA, è azienda cosiddetta fabless, sprovvista cioè di proprie linee produttive; per questo motivo deve dipendere interamente da produttori terzi, tipicamente le taiwanesi TSMC e UMC, per la costruzione delle proprie architetture video.

Uno scenario di questo tipo, per quanto sulla carta affascinante ed interessante, pare molto poco praticabile. In primo luogo, AMD ha scelto di convertire la propria Fab 30 in Fab 38, dotandola di macchinari adatti alla produzione di processori con nuovi processi produttivi sempre più sofisticati. La scelta alternativa di lasciare invariata la Fab 30 così com'è adesso avrebbe potuto far pensare ad una sua riqualificazione per la produzione, con le attuali tecnologie disponibili, di prodotti per conto di clienti terzi.

Inoltre, pare difficile che AMD possa al momento attuale vantare la forza di mercato, in termini economici, necessaria per acquisire un'azienda importante quale ATI. La quale, inoltre, non è ben chiaro che tipo di beneficio concreto potrebbe avere da uno scenario di questo tipo.

Se proprio un'acquisizione ci dovrà essere, scommetteremmo che questa potrebbe in qualche modo interessare Intel, che con i propri chipset dotati di video integrato resta di fatto il principale produttore di soluzioni video al mondo quanto a numero di prodotti commercializzati ogni anno, benché tecnologicamente non all'altezza delle più recenti e veloci soluzioni discrete di ATI e NVIDIA.

Abbiamo contattato Lorenzo Martone, PR italiano per ATI Technologies, chiedendo a lui un commento diretto su queste indiscrezioni. La risposta ufficiale di ATI in materia è abbastanza prevedibile: nessun commento su scenari di mercato che provengano da rumors e indiscrezioni.

Posizione pressoché identica quella che abbiamo ricevuto da AMD, nella persona della responsabile PR per Italia, Anna Carzana: anche AMD non commenta in alcun modo informazioni che siano basate su rumors e speculazioni.

Del resto, per entrambe le aziende un "no comment" è l'unica risposta che è lecita attendersi di fronte a informazioni che non siano ufficiali; le implicazioni di commenti differenti sarebbero infatti dirette sulla quotazione delle azioni. Di conseguenza, non interpretiamo questo no comment come una sorta di "ammissione di colpevolezza", ma come l'unica lecita reazione a fronte di una informazione che è solo frutto di indiscrezioni.

Continuiamo a restare molto scettici verso uno scenario di questo tipo: a nostro avviso mancano le basi sia economiche che tecnologiche per una fusione di questo tipo. Una eventuale unione di ATI o NVIDIA avrebbe molto più senso con Intel, azienda che opera nel mercato del video da tempo con le proprie soluzioni chipset integrate e che potrebbe beneficiare del know how di una di queste due aziende.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

17 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
!ce07 Luglio 2006, 11:57 #1
Imho la fusione con amd avrebbo molto piu' senso rispetto quella con intel.
E' vero che intel migliorerebbe le qualità dei proprio chipset, ma a confronto amd potrebbe acquisire la capacità di produrre chipset validi, cosa che al momento non ha al contrario della controparte.
Mah, staremo a vedere.
Kintaro7007 Luglio 2006, 11:57 #2
Peccato sarebbe un mix esplosivo
dwfgerw07 Luglio 2006, 11:58 #3
non ti compri un colosso come ATi per fare chipset.... dato che il layout delle mother board per amd64 è molto meno complesso, non richiedendo l'integrazione del memory controller nel north birdge, consentendo soluzioni single chip.
pixel300007 Luglio 2006, 12:11 #4
ATI la vedrei meglio come partner con Intel e nVidia con AMD :P
enrico07 Luglio 2006, 12:19 #5
Io son interedetto.
Anch'io vedrei meglio AMD/nVidia e Intel/ATI.
Proprio per questo una fusione AMD/ATI spiazzerebbe nVidia che è il miglior produttore di Chipset per piattaforma AMD e non capisco che interesse avrebbe AMD ad abbandonare il suo miglior produttore di Chipset!?!!?!??!???
Inoltre ATI non è riuscita a produrre chipaset per AMD degni di nota e del calibro di nVidia e questo porterebbe AMD in una posizione di sfavore rispetto alla situazione attuale!
Non capisco, quindi, dov'è l'interesse di AMD nell'assorbire un'azienda come ATI che non gioverebbe a nulla e implicherebbe delle rinunce!

L'unica cosa sarebbe quella di usare ATI come appoggio per la produzione di Chipset con video integrato di qualità in modo da contrastare Intel in un settore in cui primeggia!

In ogni caso ad AMD converebbe di gran lunga fondersi con nVidia per ottenere un'alleanza schiacciante e lasciar stare ATI.
bs8207 Luglio 2006, 12:19 #6
ati sta amd come nvidia sta intel...e si parla di politiche commerciali, nella norma per ati e amd, al limite dell'illecito e poco rispettose dell'etica per intel e nvidia... quindi ben venga un'accoppiata amd-ati....
maxfrata07 Luglio 2006, 12:25 #7
ATI ha iniziato da poco la produzione di chipset e di una sua linea di motherboard (Sapphire). Una fusione con intel significherebbe cessare l'attività di produzine chipset con perdite economiche notevoli. Inoltre, si ridimensionerebbe il reparto schede video, perchè intel sicuramente non sceglierebbe di integrare nei chipset la grafica ATI, ma spingerebbe ATI alla multimedialità, crescendo nei sistemi home theater e simili. Molto meglio per ATI fondersi con AMD... per AMD significa iniziare a fare chipset per le proprie CPU, e ATI avrebbe le fabbriche di produzione. Il mondo "office" ormai è dominato da computer intel con grafica integrata. Per AMD sarebbe davvero un grande vantaggio fondersi con ATI...
.(tassativamente IMHO).
kakaroth197707 Luglio 2006, 12:41 #8
se questa ipotetica fusione porta a saltare qualche processo produttivo per entrambe e produrre hardware + freddo e prestante io la vedo bene
capitan_crasy07 Luglio 2006, 13:03 #9
è strano però...
sia il responsabile italiato di ATi e di AMD non hanno smentito questa voce...
Questo "No Comment" non mi convince.
E se invece si trattasse di una "FUSIONE"?
MiKeLezZ07 Luglio 2006, 13:26 #10
E' buffo perchè xbitlabs afferma che è stato appena stipulato un accordo
E' così recente la notizia che neppure io l'ho letta per intero, eccola qua:
http://www.xbitlabs.com/news/video/...0707020733.html

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^