Microsoft estende, a pagamento, il supporto Windows 7 a tutti i sistemi business

Microsoft estende, a pagamento, il supporto Windows 7 a tutti i sistemi business

L'azienda americana apre il supporto esteso per update e patch di sicurezza per tutti i sistemi basati su OS Windows 7 dei clienti business, a prescindere dalle dimensioni. Il tutto fino al 2023

di pubblicata il , alle 11:01 nel canale Sistemi Operativi
MicrosoftWindows
 

A partire dal 14 gennaio 2020 Microsoft interromperà il supporto esteso al proprio sistema operativo Windows 7. Chi continuerà ad utilizzarlo non potrà più beneficiare degli aggiornamenti gratuiti legati alla sicurezza oltre ad eventuali update del sistema operativo.

Microsoft aveva confermato di voler fornire il Windows 7 Extended Security Updates (ESU) per i clienti Professional e Enterprise con licenze di acquisto del sistema operativo a volumi, a pagamento. L'azienda ha però annunciato di voler estendere il servizio anche a tutti i propri clienti business a prescindere dalle dimensioni.

Il servizio potrà essere acquistato a partire dal prossimo 1 dicembre e permetterà a tutti i clienti business dell'azienda che vogliono continuare a utilizzare il sistema operativo Windows 7 nei propri sistemi, o che molto più semplicemente non possono permettersi di aggiornarlo con Windows 10,

L'acquisto del servizio avverrà attraverso il programma CSP, cloud solution provider, di Microsoft; il processo sarà per singolo dispositivo, con un prezzo che tenderà ad aumentare anno dopo anno così da invogliare alla migrazione verso sistemi operativi più recenti. Il termine ultimo sarà il mese di gennaio 2023, periodo nel quale non saranno più forniti aggiornamenti dell'OS e patch di sicurezza. Il costo come detto è variabile, partendo da un minimo di 50 dollari per il primo anno sino ai 200 dollari del terzo anno per un singolo sistema.

Windows 7 continua a mantenere una notevole presenza nei sistemi in produzione, con una quota di mercato che è ancora pari al 28% alla luce dei dati pubblicato da NetMarketShare.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

40 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Ginopilot03 Ottobre 2019, 11:08 #1
Gli aggiornamenti cominceranno a circolare su canali alternativi, con le ovvie conseguenze.
biometallo03 Ottobre 2019, 11:14 #2
Originariamente inviato da: Ginopilot
Gli aggiornamenti cominceranno a circolare su canali alternativi, con le ovvie conseguenze.


O magari come è successo per xp basteranno due modifiche al registro per continuare a ricevere gli aggiornamenti tramite windows update sta di fatto che il 22 luglio scorso windows 7 ha compiuto 10 anni e non gli ho fatto neanche gli auguri.
Ginopilot03 Ottobre 2019, 11:55 #3
Originariamente inviato da: biometallo
O magari come è successo per xp basteranno due modifiche al registro per continuare a ricevere gli aggiornamenti tramite windows update sta di fatto che il 22 luglio scorso windows 7 ha compiuto 10 anni e non gli ho fatto neanche gli auguri.


Magari, è necessario che un os continui ad essere supportato almeno 10 anni dopo la commercializzazione della versione successiva, è quella ormai la vita media di un pc. Purtroppo con win10 hanno introdotto la politica degli aggiornamenti continui e capita che hw debba rimanere con una build non piu' supportata gia' dopo pochi anni.
ThE cX MaN03 Ottobre 2019, 12:42 #4
Quindi? Rimane solo quel cesso di Win10? Nessuna alternativa?
giovanni6903 Ottobre 2019, 13:11 #5
Quindi se hai una licenza almeno business e paghi (sempre di più ogni anno), sei a posto.
Altrimenti Windows 8.1 con Classic Shell fino al 2023 se non ti piace Windows 10.
Vindicator2303 Ottobre 2019, 13:41 #6
Originariamente inviato da: ThE cX MaN
Quindi? Rimane solo quel cesso di Win10? Nessuna alternativa?


puoi mettere windows 8.1

ma io mi rifiuto di mettere il 10 è un mangia banda a tradimento di internet uno dei tanti problemi che ha

ti fa usare la tua linea mobile o fissa per fare gli update degli altri a me non mi pare una cosa legittima
e poi tutta la spazzatura che ha dentro lo store cortana one drive che io non usero mai
gd350turbo03 Ottobre 2019, 13:45 #7
Originariamente inviato da: Vindicator23
puoi mettere windows 8.1

ma io mi rifiuto di mettere il 10 è un mangia banda a tradimento di internet uno dei tanti problemi che ha

ti fa usare la tua linea mobile o fissa per fare gli update degli altri a me non mi pare una cosa legittima
e poi tutta la spazzatura che ha dentro lo store cortana one drive che io non usero mai


Come quasi tutte le cose, vanno configurate, ci sono nel pannello di controllo tante cose che puoi abilitare e disabilitare.
Gli dici che hai una connessione a consumo e limiterà al massimo gli aggiornamenti, idem per la condivisione degli stessi.
biometallo03 Ottobre 2019, 16:45 #8
Originariamente inviato da: Ginopilot
Purtroppo con win10 hanno introdotto la politica degli aggiornamenti continui e capita che hw debba rimanere con una build non piu' supportata gia' dopo pochi anni.

Ma sarà vero? Perché qui ho diversi core2duo alcuni nati con Vista altri con XP, e per ora non ricordo problemi...

Originariamente inviato da: ThE cX MaN
Quindi? Rimane solo quel cesso di Win10? Nessuna alternativa?

Puoi anche passare a Linux.

Originariamente inviato da: Vindicator23
ma io mi rifiuto di mettere il 10 è un mangia banda a tradimento di internet uno dei tanti problemi che ha

ti fa usare la tua linea mobile o fissa per fare gli update degli altri a me non mi pare una cosa legittima
e poi tutta la spazzatura che ha dentro lo store cortana one drive che io non usero mai

Basta che imposti la connessione a consumo e\o disattivi Ottimizzazione recapito

Seleziona il pulsante Start, quindi scegli Impostazioni > Aggiornamento e sicurezza > Windows Update > Opzioni avanzate.
Seleziona Ottimizzazione recapito.
Assicurati che Consenti download da altri PC sia disattivato. Riceverai aggiornamenti e app direttamente da Windows Update e da Microsoft Store con Ottimizzazione recapito. Tuttavia, non eseguirai operazioni di download o caricamento in altri PC.

Già in questo modo la maggior parte degli aggiornamenti non avverrà più in automatico ma riceverai solo la notifica...
Ginopilot03 Ottobre 2019, 17:30 #9
Originariamente inviato da: biometallo
Ma sarà vero? Perché qui ho diversi core2duo alcuni nati con Vista altri con XP, e per ora non ricordo problemi...


Io ne ho avuto di recente uno con un portatile con scheda video amd/intel. La intel 3000hd non funziona piu' con l'ultima build di 10, sono dovuto tornare alla 1803.
giovanni6903 Ottobre 2019, 17:48 #10
Credo che Microsoft abbia fatto due conti del tipo: in quel 25/28% di utenti che hanno Windows 7 ad un solo trimestre dalla fine del supporto a gennario 2020, quant'è la percentuale che possiamo perdere e che potrebbe migrare verso Mac o Linux (vedi https://www.theinquirer.net/inquirer/news/3076048/south-korea-is-switching-to-linux-ahead-of-the-windows-7-shutdown"][COLOR="Blue"][U]QUI[/U][/COLOR][/URL]) perchè nel settore aziendale delle PMI stanno già bestemmiando a causa del nostro Windows 10 in alcuni dei loro PC o hanno sentito voci di problemi...?

Bene, dato questo X %, ci conviene mollarli o supportarli a pagamento?

E la risposta, secondo le indiscrezioni vorrà dire l'equivalente del costo di metà licenza di Windows 10 il primo anno (circa $50), poi via via a salire fino a $200/ annui...(anche perchè ci saranno sempre meno utenti da cui ricevere quell'introito), il tutto per scoraggiare la permanenza in un OS ritenuto obsoleto, far un profitto equivalente o maggiore che non la vendita della singola licenza di Windows 10 e spingere nel contempo a migrare verso il 10. Se poi qualcuno ci mollerà comunque dopo il 2023, fino ad allora avrà pagato abbondantemente.

A quel punto sarà la volta di ripetere la strategia con gli utenti aziendali di Windows 8.1 che vorranno rimanere in quell'OS per altri 3/4 anni...pagando lautamente se la percentuale sarà adeguata a giustificare ancora il giochetto.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^