Office 365: l'uptime negli ultimi 12 mesi sempre oltre il 99,94%

Office 365: l'uptime negli ultimi 12 mesi sempre oltre il 99,94%

Microsoft rende pubblici i dati di uptime dei propri servizi Office 365, confermandone la stabilità e la contiuità nella fornitura. Mancano tuttavia dati specifici per i singoli servizi oltre che in funzione delle varie regioni globali

di pubblicata il , alle 11:01 nel canale Programmi
Microsoft
 

Nel periodo compreso tra i mesi di Luglio 2012 e Giugno 2013 Microsoft ha registrato un uptime, cioè un periodo di tempo durante il quale un servizio rimane a disposizione dei propri utenti, estremamente elevato per i propri servizi cloud Office 365. Il dato fornito è trimestrale, allineato a quella che è la durata dell'esercizio fiscale scelto dall'azienda americana.

Nel corso del primo trimestre, corrispondente ai mesi di Luglio, Agosto e Settembre 2012, l'uptime è stato pari al 99,98%; nei trimestri successivi del 99,97% e del 99,94% sino al 99,97% del periodo compreso tra Aprile e Giugno 2013.

Per calcolare queste percentuali Microsoft utilizza i servizi Exchange, SharePoint, Lync e Office Web Apps, fornendo una indicazione aggregata non divisa per gli specifici servizi forniti in Office 365 e senza ripartizione geografica. Informazioni maggiormente specifiche, soprattutto per quanto riguarda le diverse regioni mondiali, aiuterebbero i clienti interessati a Office 365, soprattutto con riferimento a medio grandi installazioni, a capire quale sia stato il comportamento storico dei servizi Microsoft e di conseguenza a meglio tarare le proprie decisioni d'acquisto.

Microsoft ha inserito in questa elaborazione gli uptime per Office 365 nelle declinazioni business, education e government; non sono stati inclusi i dati dei servizi consumer. Mancano anche i dati riferiti a Office 365 ProPlus in quanto si tratta di servizi che vengono per la maggior parte eseguiti nel sistema del cliente più che in ambiente cloud.

Lo SLA, Service Level Agreement, indicato da Microsoft nel proprio contratto è per un uptime del 99,9%; qualora questo dato non venga assicurato l'azienda si impegna a rimborsare economicamente quei clienti che dovessero ottenere un servizio inferiore a queste specifiche minime. Ulteriori informazioni sono disponibili in questo post del blog Microsoft specifico per Office.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Tasslehoff12 Agosto 2013, 12:20 #1
Questa non è una notizia ragazzi miei... questa è una marketta spudorata.
Se dovete pubblicare roba del genere risparmiate tempo e mettere solo un link al comunicato stampa di MS.
omerook12 Agosto 2013, 12:33 #2
99.94% di laboro utile si puo puo anche leggere come 6 per 1000 perso. chissa gli amministratori delle grandi aziende come lo leggono
khael12 Agosto 2013, 12:51 #3
casomai è 6 x 10.000 e non 6 x 1.000!!
omerook12 Agosto 2013, 13:11 #4
giusto. errore mio.
SoulKeeper14 Agosto 2013, 11:25 #5
Originariamente inviato da: omerook
99.94% chissa gli amministratori delle grandi aziende come lo leggono

La leggono molto bene visto che è un uptime quasi perfetto, e sopratutto migliore di tutti i suoi concorrenti, google compresa.
YOFB14 Agosto 2013, 17:34 #6
Originariamente inviato da: SoulKeeper
La leggono molto bene visto che è un uptime quasi perfetto, e sopratutto migliore di tutti i suoi concorrenti, google compresa.


Uptime quasi perfetto? Quel 99.94% in soldoni vuol dire circa 23 minuti di downtime al mese.
Ti assicuro che in molti ambienti lavorativi "delicati" questo uptime (ma avrebbe più senso parlare di disponibilita del servizio) sarebbero ritenuti disastrosi.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^