Microsoft e Novell: ecco i frutti dell'accordo

Microsoft e Novell: ecco i frutti dell'accordo

Novell annuncia le prime ricadute pratiche del recente accordo con Microsoft

di Fabio Boneschi pubblicata il , alle 14:42 nel canale Programmi
Microsoft
 

L'accordo recentemente annunciato tra Microsoft e Novell inizia a prender forma e le prime concrete novità vengono pian piano annunciate. Novell ha infatti annunciato che è stato avviato un progetto per la creazione di opportuni strumenti utilizzabili per scambiare agevolmente file creati in Openoffice.org con utenti che utilizzano Microsoft Office e viceversa.

Inizialmente saranno realizzati appositi plug in ma in una fase successiva è probabile che tali opzioni vengano integrate nel prodotto in modo nativo. Alla base dei tool in fase di sviluppo vi è il formato Open XML sviluppato da Microsoft.

L'annuncio odierno è forse il primo segnale concreto in merito all'accordo tra le due società e, se non altro, testimonia come effettivamente vi sia la volontà di collaborare e trovare soluzioni comuni valide per l'utenza. Va precisato che l'accordo di qualche settimana fa è stato da più parti criticato: secondo la comunità opensource l'accordo accettato da Novell è una sorta di tradimento mentre per gli analisti la scelta di Microsoft è discutibile.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

41 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
pinolo7905 Dicembre 2006, 14:49 #1
bhe, in effetti devo dire che sono rimasto un po allibito...
Motosauro05 Dicembre 2006, 15:04 #2
Forse sono io che non capisco, ma già adesso OpenOffice apre senza particolari problemi la stragrande maggioranza di files creati con la suite M$.
Da questo restano esclusi i file mdb per i quali c'è un supporto un po' carente e alcune ammennicoli grafici che non vengono passati bene.

La novità reale quale sarebbe?

Stante poi il formato nuovo OpenXML questi problemi dovrebbero andare a scomparire.

Boh
cerbero_rc05 Dicembre 2006, 15:04 #3
magari per l'untitrust? alla fine se ms promuove e aiuta le concorrenti free... non la si può più incolpare di nulla....


o sbaglio?
JohnPetrucci05 Dicembre 2006, 15:10 #4
Secondo me Ms sta cercando di aggrazziarsi Novell, magari punta ad acquisirla in toto in un prossimo futuro, chissà.
cerbero_rc05 Dicembre 2006, 15:15 #5
non avrebbe vantaqggi... ad eliminare così brutalmente l'alternativa free al suo prodotto... in quel caso l'untitrust farebbe un bel casino... se non ricordo male... qualche anno fa minacciava addirittura di smembrare MS........... mumble
Diablix05 Dicembre 2006, 15:21 #6
A casa mia si diceva Antitrust..
bist05 Dicembre 2006, 15:39 #7
Originariamente inviato da: Motosauro]Forse sono io che non capisco, ma già
stragrande[/b] maggioranza di files creati con la suite M$.

Stragrande no.


La novità reale quale sarebbe?

Stante poi il formato nuovo OpenXML questi problemi dovrebbero andare a scomparire.

Boh

Non è che la news sia chiara a proposito...
Chilea05 Dicembre 2006, 15:50 #8
Non ho capito:
Ma è Office che diventa "free" oppure è Openoffice che non lo sarà più????

Mahhhh.......
II ARROWS05 Dicembre 2006, 16:10 #9
Rimangono entrambi come sono sempre stati...


Cerbero_rc, l'untitrust serve per monitorare il mercato dell'olio? XD
Luposardo05 Dicembre 2006, 16:12 #10
scambiare agevolmente file creati in Openoffice.org con utenti che utilizzano Microsoft Office e viceversa

Tanto meglio, io attualmente uso open office.. ho sempre utilizzato office 2000 (che reputo migliore), se davvero riescono a fare funzionare la cosa è un gran passo in avanti.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^