Microsoft e Novell: accordo confermato

Microsoft e Novell: accordo confermato

Microsoft e Novell confermano il proprio accordo legato allo sviluppo di soluzioni interoperabili

di pubblicata il , alle 10:27 nel canale Programmi
Microsoft
 

Microsoft e Novell hanno prolungato l'accordo siglato circa un anno fa. Tale alleanza prevede una stretta collaborazione tra le due aziende sul fronte dello sviluppo, in particolare su quello delle soluzioni per la virtualizzazione. A seguito di questo accordo è stato creato il Microsoft and Novell Interoperability Lab con il preciso scopo di effettuare test incrociati relativi ai prodotti  Suse Linux Enterprise Server 10, Windows Server 2008 e XEN.

Novell, società ben radicata nel segmento enterprise, afferma che la propria clientela chiede sempre più spesso soluzioni ibride, basate sia su Windows sia su Linux. E' proprio per rispondere a tali esigenze che le due società hanno siglato un accordo.

Secondo alcuni, l'accordo ha ben altro valore. Novell attraverso l'accordo siglato con Microsoft si vede protetta da eventuali possibili azioni giudiziarie in merito alla violazione di brevetti posseduti dalla casa di Redmond. Questo dettaglio ha creato molte critiche da parte della comunità opensource.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Ombra7712 Novembre 2007, 10:34 #1
aiuto, l'anticristo è tra noi
monsterman12 Novembre 2007, 10:38 #2
per me è una buona cosa, almeno si inizierà a vedere in giro qualcosa di "fatto meglio" spero
Super Vegetto12 Novembre 2007, 11:04 #3
Anch'io sono contento: secondo me i prodotti Novell non saranno più nello spirito opensource di Linux, ma ci sono tantissime altre distro Linux da utilizzare che potranno sfruttare il lavoro "sporco" di Novell e ciò potrebbe aumentare la compatibilità di molte applicazioni con Linux.
Ovviamente lo spirito di Microsoft è l'esatto opposto, controllare e sopprimere l' avanzata di Linux, ma trovo impossibile "addomesticare" tutte le distribuzioni Linux, questa faccenda potrebbe essere un vero cavallo di Troia in seno a Microsoft (ed è per questo che penso che, in fondo in fondo, i prodotti "intercompatibili" saranno veramente limitati, in Microsoft non penso siano così ingenui).
Non so se Novell è un martire che si sacrifica per la causa o un traditore che salta la barricata, ma ci sono così tante distro Linux (anche molto affermate) che sono quasi fiducioso.
Garz12 Novembre 2007, 11:28 #4
ma i guadagni in termini di interoperabilità arriveranno da software chiuso o aperto? nel senso: se l'interoperabilità arriva da un qualche nuovo protocollo chiuso siamo da capo, anzi peggio. Sono d'accordo che ms non riuscirà a fare contratti con tutte le distro ma se le distro indipendenti non se ne possono fare niente degli sviluppi di novell avremmo solo perso una grande azienda che non spingerà più sul software libero..
mjordan12 Novembre 2007, 11:32 #5
Originariamente inviato da: Super Vegetto
Anch'io sono contento: secondo me i prodotti Novell non saranno più nello spirito opensource di Linux, ma ci sono tantissime altre distro Linux da utilizzare che potranno sfruttare il lavoro "sporco" di Novell e ciò potrebbe aumentare la compatibilità di molte applicazioni con Linux.


Se il lavoro di Novell non è piu' nello "spirito open source" nemmeno le altre distribuzioni possono sfruttare "il lavoro sporco di novell". Ti stai contraddicendo da solo.

Ovviamente lo spirito di Microsoft è l'esatto opposto, controllare e sopprimere l' avanzata di Linux, ma trovo impossibile "addomesticare" tutte le distribuzioni Linux, questa faccenda potrebbe essere un vero cavallo di Troia in seno a Microsoft (ed è per questo che penso che, in fondo in fondo, i prodotti "intercompatibili" saranno veramente limitati, in Microsoft non penso siano così ingenui).


Un'altra contraddizione. O tutte o nessuna. Non dipende dalla distribuzione ma delle licenze open coinvolte.

Non so se Novell è un martire che si sacrifica per la causa o un traditore che salta la barricata, ma ci sono così tante distro Linux (anche molto affermate) che sono quasi fiducioso.


Semplicemente una società che al primo sgarro fa la fine di SCO. Ormai che gli Unix commerciali hanno poco o niente mercato è già chiaro da un pezzo. Inutile voler reintrodurre il paradigma.
mjordan12 Novembre 2007, 11:36 #6
Originariamente inviato da: Garz
ma i guadagni in termini di interoperabilità arriveranno da software chiuso o aperto? nel senso: se l'interoperabilità arriva da un qualche nuovo protocollo chiuso siamo da capo, anzi peggio. Sono d'accordo che ms non riuscirà a fare contratti con tutte le distro ma se le distro indipendenti non se ne possono fare niente degli sviluppi di novell avremmo solo perso una grande azienda che non spingerà più sul software libero..


Sicuramente dall'aperto. Microsoft non ha nulla per voler un mondo Windows interoperabile con Linux. Se Linux fosse al 100% interoperabile con Windows, allora non sarebbe rimasto piu' nemmeno un motivo per comprarne una licenza.

Personalmente parlando, io Windows ce l'ho installato solo per i giochi. E comunque nell'acquisto continuo a prediligere giochi multi-platform.
Super Vegetto12 Novembre 2007, 12:08 #7
Originariamente inviato da: mjordan
Se il lavoro di Novell non è piu' nello "spirito open source" nemmeno le altre distribuzioni possono sfruttare "il lavoro sporco di novell". Ti stai contraddicendo da solo.



Un'altra contraddizione. O tutte o nessuna. Non dipende dalla distribuzione ma delle licenze open coinvolte.


Le tue osservazioni sono giustissime, ma dipende da come andranno avanti le cose: se interoperabilità vorrà dire creare software come vuole Microsoft allora ovviamente hai ragione, è una chiusura totale all' opensource (e come ho detto penso che in Microsoft è proprio quello che vogliono). Se invece Novell farà valere qualche principio dell' opensource allora ecco che si aprirebbe uno spiraglio in cui si infilerebbero anche tutte le altre distribuzioni Linux, con vantaggio finale per Linux stesso.
Ovviamente tutti pensiamo che varrà la prima situazione, e cioè la mannaia di Microsoft su Novell-Linux: ma a questo punto chi se ne frega, abbiamo semplicemente sacrificato una società (per quanto storica e seria) e ne abbiamo molte altre che andranno avanti senza compromessi; in pratica Linux non perde nulla, e se la Microsoft fa qualche errore strategico ci si guadagna pure (difficile, lo so, ma qualche punticino a casa a volte lo si porta anche col 2 di briscola).
Ripeto, per quello che possiamo preventivare (e cioè "censura" di Microsoft all' opensource tramite l' affossamento di Novell) le tue osservazioni sono giustissime, ma non è detto al 100% che Microsoft otterrà quel che vuole, ed è qui che c'è qualche spiraglio (IMHO, ovviamente )
MrModd12 Novembre 2007, 20:30 #8
Che vergogna!!!! Era un ottimo sistema operativo...prima che Bill Gates lo uccidesse
La Microsoft piano a piano si sta comprando tutte le case open source.
Mi sembra si sia comprata anche Richard Stallman
mjordan12 Novembre 2007, 21:38 #9
Originariamente inviato da: MrModd
Che vergogna!!!! Era un ottimo sistema operativo...prima che Bill Gates lo uccidesse
La Microsoft piano a piano si sta comprando tutte le case open source.
Mi sembra si sia comprata anche Richard Stallman



Tipico utente Microsoft?
Evanghelion00114 Novembre 2007, 01:05 #10
Non mi toccate il BARBONE!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^