Benchmark sintetici: pro e contro

Benchmark sintetici: pro e contro

Quando un benchmark sintetico, alla 3D Mark, diventa da utile strumento di test ad arma a doppio taglio. E quando, invece, viene utilizzato con efficacia

di pubblicata il , alle 18:35 nel canale Programmi
 
Il debutto del nuovo benchmark 3D Mark 2003 ha scatenato, su molti siti, un acceso dibattito sull'attendibilità dei benchmark sintetici, quei test cioè che non sono basati direttamente su applicazioni di uso quotidiano ma cercano di misurare le prestazioni velocistiche di un sistema con test diretti.

3dmark_2003_result.gif
Futuremark 3D Mark 2003


Che 3D Mark sia uno dei tool più utilizzati nel testing delle schede video è un dato di fatto: tutti gli appassionati di videogaming hanno almeno una volta provato questo test sul proprio PC, cercando di capirne le prestazioni velocistiche complessive e come sia possibile migliorarle.
Quello che un test come il 3D Mark non può fare, ma questo vale per tutti i benchmark sintetici, è spiegare con un singolo risultato numerico quelle che sono le prestazioni di una scheda video nell'esecuzione di giochi 3D.
Tale risultato è impossibile da ottenere per un benchmark sintetico proprio per la sua natura: non è basato su software (giochi, applicazioni o quant'altro) che vengono quotidianamente utilizzati.

I benchmark sintetici, pertanto, sarebbero da evitare a priori: non sono infatti in grado di riportare le prestazioni del proprio computer nell'esecuzione di specifici software, applicativi o giochi che siano, e quindi indicare almeno per stima quella che dovrebbe essere la produttività del proprio sistema in un utilizzo quotidiano.

D'altro canto, i benchmark sintetici hanno un motivo d'esistere: permettono, con i propri test, di meglio analizzare specifiche caratteristiche di un prodotto e, quindi, studiarne l'architettura e l'efficacia. Restando con il recentissimo 3D Mark 2003, il Pixel Shader 2.0 test non permette di capire quanti frames al secondo la propria scheda video farà con il gioco Doom III, ma è un tool di test molto valido per capire come due GPU differenti gestiscono uno specifico codice Pixel Shader 2.0.

sandra_benchmark_screenshot.gif
SiSoft Sandra 2003


Passando ad un altro benchmark sintetico molto popolare, SiSoft Sandra 2003, non sono i risultati di questo bench a stabilire se un sistema sia più o meno veloce di un altro nell'esecuzione di applicazioni reali. D'altro canto, alcuni specifici sottotest quali il memory test permettono di ben capire il comportamento di alcuni componenti; nell'esempio, l'interrelazione tra bus di sistema, memoria utilizzata e chipset montato sulla scheda madre.

L'obiettivo di chi recensisce hardware, e quindi di tutta la redazione di Hardware Upgrade, è quello mostrare pro e contro dei componenti in commercio cercando di utilizzare i migliori strumenti.
Un benchmark, pertanto, è valido nel momento in cui permette di fornire indicazioni precise e, soprattutto, se il recensore che lo sta utilizzando comprende la portata dei risultati che sta ottenendo.

Per questo motivo un benchmark sintetico può essere uno strumento molto utile in fase di analisi, come del resto un'applicazione real world rivelarsi un arma a doppio taglio se non correttamente utilizzata.

Anche il semplice appassionato deve pertanto prestare la massima attenzione in come utilizza un benchmark sintetico: deve fare in modo che questo sia uno strumento d'analisi e non unica e indiscutibile via per valutare le performances di un componente.

Per ulteriori informazioni sul benchmark 3D Mark 2003 se ne rimanda alla preview, pubblicata su Hardware Upgrade a questo indirizzo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

40 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Lud von Pipper13 Febbraio 2003, 18:52 #1
Certo, non sono la Bibbia, ma almeno, ritoccando certi settaggi del Pc permettono di verificare le prestazioni del sistema, se migliorano o peggiorano, e inoltre sono test ideali per verificarne le stabilità: un sistema che non regge un ciclo continuo di qualche ora al 3DMark ha sicuramente dei problemi, e non sono molti i programmi ad utilizzare uno spettro di funzioni hardware così vasto.

LvP
-=Savio=-13 Febbraio 2003, 19:02 #2
Come precedente avevo detto!
yamikilla13 Febbraio 2003, 19:18 #3
Concordo su tutto il fronte come del resto sostenevo in un altro thread.

E' da poco che scrivo (ma da molto che leggo) ma vedo che HWupgrade segue da vicino il forum e porta chiarezza quando è necessario.

Grazie del servizio che mi/ci offrite.

Pagina iniziale della sottoscritta www.hwupgrade.it (da tempo ormai)


nikolis13 Febbraio 2003, 19:26 #4
Vanno benissimo per valutare le prestazioni reali di un prodotto, a prescindere da uno stupido numero di frames in un videogioco. Si acquista una scheda per la sua qualità, per prestazioni, per stabilità, non per "spararsi le pose" con gli amici perchè la scheda video fa un certo numero di frames con Quake o con Doom. Queste informazioni mi sembrano di gran lunga più utili.
Dreadnought13 Febbraio 2003, 19:31 #5
Io non l'ho mai provato.

Mi basta che mi faccia 125FPs in quake III e almeno 30/50 in tutti gli altri giochi e il mio PC va bene
rmarango13 Febbraio 2003, 19:37 #6
L'ultimo nato 3dmark2003 non riflette come detto giustamente le prestazioni con i giochi attuali, ma forse quelle dei giochi futuri...

Sandra sembra anche a me molto piu' affidabile, in particolare nei test dei sottosistemi.

Ciao
cionci13 Febbraio 2003, 19:47 #7
Sarebbe interessante creare una suite di benchmark specifici ad esempio con le versioni demo di vari giochi...i cui risultati dovrebbero essere pesati secondo la presenza di un certo motore grafico sul mercato... Pesi da rivalutare ad esempio ogni 6 mesi...
L'unica cosa buona di 3dMark è il fatto che non può essere taroccabile...
cionci13 Febbraio 2003, 19:50 #8
Originally posted by "rmarango"

L'ultimo nato 3dmark2003 non riflette come detto giustamente le prestazioni con i giochi attuali, ma forse quelle dei giochi futuri...

Sì ? Allora perchè non fa girare sulle schede compatibili DX8 le demo con alcune feature delle DX9 ?
Originally posted by "rmarango"

Sandra sembra anche a me molto piu' affidabile, in particolare nei test dei sottosistemi.

A parte il benchmark del disco fisso che è nettamente inaffibile...
iltranquillo13 Febbraio 2003, 19:53 #9
Non mi sono mai piaciuti i test 3D sintetici, anche perché a seconda del momento e della versione rilasciata possono essere più compatibili con certe schede che con altre...(a pensar male si fa peccato ma a volte ci si azzecca). Per chi gioca è meglio sapere come si comporta un PC durante una partita. Ma anche qui occorre chiarezza: nel 2003 non si può continuare ad usare come tester Quake3 o simili: è come provare una Ferrari in una stretta stradina di campagna! La polvere alzata sarà tanta, ma quanto vale come prova?
Manwë13 Febbraio 2003, 19:54 #10
Originally posted by "cionci"

Sarebbe interessante creare una suite di benchmark specifici ad esempio con le versioni demo di vari giochi...i cui risultati dovrebbero essere pesati secondo la presenza di un certo motore grafico sul mercato... Pesi da rivalutare ad esempio ogni 6 mesi...
L'unica cosa buona di 3dMark è il fatto che non può essere taroccabile...


Come si può tarroccare qualcosa che nasce tarocco????

E' dai tempi di 3DMark 2000 che i programmatori ottimizzano il bench a seconda di uno o dell'altra GPU.

Unico modo per valutare l'efficienza di un sistema è quello di fare più test con più giochi, come tu giustamente dici, partendo da Quake3 per arrivare a C&C: Generals (sempre che si possa usare come bench ig: )

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^