Terrorismo, gli USA vietano PC e tablet sui voli dal Medio Oriente ed Africa

Terrorismo, gli USA vietano PC e tablet sui voli dal Medio Oriente ed Africa

Le apparecchiature più grandi di uno smartphone dovranno essere riposte nella stiva degli aerei. La Homeland Security ha emanato la disposizione di divieto dichiarando "motivi di sicurezza". Nove le compagnie che si dovranno adeguare entro il 24 marzo. Seguiranno l'esempio anche la Gran Bretagna e forse Francia e Canada.

di pubblicata il , alle 08:51 nel canale Portatili
 

Il divieto è perentorio: niente dispositivi più grandi di un cellulare all'interno della cabina sui voli per gli Stati Uniti d'America provenienti da Africa settentrionale e Medio Oriente. E' quanto dichiarato dalla Homeland Security in una disposizione emanata per motivi di sicurezza volta a prevenire nuovi attacchi terroristici in terra americana. L'amministrazione Trump sembra dunque pronta a difendersi a suon di provvedimenti restrittivi dalle minacce terroristiche che sembrano provenire soprattutto dai paesi del Medio Oriente e da alcuni stati dell'Africa settentrionale. Il divieto non sarà riferito alle compagnie americane ma solo ad alcuni vettori che effettuano voli no stop dai paesi a rischio secondo la Homeland Security verso gli USA.

La motivazione di tale provvedimento messo in atto dal segretario alla sicurezza interna, Jhon Kelly, sembra essere quella di una minaccia terroristica a ridosso del vertice della coalizione internazionale anti Isis che avverrà appunto a Washington. Proprio per questo gli esperti sembrano concordi sulla necessità di misure restrittive di sicurezza per evitare un possibile attacco proveniente da Aqpa, il braccio dello Yemen dell'organizzazione terroristica di Al Qaeda.

Quali sono le compagnie che dovranno applicare il divieto? Al momento le compagnie destinate ad adeguarsi entro 96 ore al provvedimento riguardano una cinquantina di voli realizzati da nove compagnie quali: Royal Jordanian, EgyptAir, Turkish Airlines, Saudi Airlines, Kuwait Airways, Royal Air Maroc, Qatar Airways, Emirates ed Etihad Airways in partenza da otto paesi quali Egitto, Turchia, Arabia Saudita, Kuwait, Giordania, Qatar, Emirati Arabi e Marocco. Tale restrizione è stata adottata anche dalla Gran Bretagna che con un provvedimento lampo ha vietato l'imbarco di dispositivi di dimensioni superiori a quelle di uno smartphone per tutti i passeggeri dei voli provenienti dalla Turchia, Libano, Giordania, Egitto, Tunisia e Arabia Saudita.

La minaccia di terrorismo sembra essere quanto mai veritiera e fonti attendibili dichiarano come anche il Canada e la Francia siano pronte ad applicare tali restrizioni anche nei loro aeroporti con voli provenienti dai paesi del Medio Oriente e dall'Africa. In Canada il ministro dei trasporti sta cercando risposte in merito alla veridicità delle minacce dai propri servizi segreti mentre la Direzione generale dell'aviazione civile sta realizzando un'analisi del rischio per capire se adottare o meno misure di sicurezza come quelle degli USA.

Il rischio di trasportare dispositivi elettronici in cabina nasce dalla preoccupazione per la presenza delle batterie al litio di grandi dimensioni presenti in PC portatili e tablet. Il rischio in questo caso di avere diverse centinaia di batterie potenzialmente pericolose sembra aver indotto le autorità a bypassare il problema ponendole in stiva e dunque sottoponendole oltre che a controlli più rigorosi anche ad un ambiente stantio rispetto alla cabina dell'aereo. Le compagnie interessate alle restrizioni hanno già iniziato a distribuire missive ai futuri passeggeri dei propri voli dichiarando l'accesso al proprio aereo solo con un telefono cellulare o apparecchiature medicali sotto prescrizione e dunque non sarà possibile imbarcare PC portatili, tablet, lettori DVD, console da gioco anche di piccole dimensioni o macchine fotografiche.

Il divieto ha subito creato dissapori tra i passeggeri dei voli menzionati soprattutto per il fatto che tali restrizioni sembrano essere inefficaci in caso di reale minaccia di attentato. Effettivamente il malintenzionato potrebbe facilmente trasportare ordigni nascosti nei dispositivi come PC portatili partendo da paesi non interessati al divieto facendoli quindi salire in cabina.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
riaw23 Marzo 2017, 09:18 #1
le notizie con 3 giorni di ritardo, ormai hwupgrade è l'internet explorer dei siti di news....
lebi7723 Marzo 2017, 09:32 #2
Esatto, una notizia che non fa più notizia. E pensare che una volta c'era solo HWupgrade, era il '98 quando ha aperto ed io c'ero, e ci sono cresciuto. Ma negli ultimi anni ha perso moltissimo ed è stato asfaltato dalla concorrenza. Lo tengo ancora in RSS più per affetto nostalgico che per utilità.
Notturnia23 Marzo 2017, 10:42 #3
meglio tardi che mai.. anche UK se non erro si è adeguata e il Canada ci sta pensando.. e dopo ieri mi sa che non è una brutta idea vietarli e basta..
Mars4ever23 Marzo 2017, 11:28 #4
Appena sentita avevo pensato a una bufala stile liberogiornale, solo che era in tutti i tg e giornali reali.
Non mi pare che ci voglia un genio per capire che si tratti di un'immensa cazzata insensata, inutile e inapplicabile, oltre che ingiusta perché bisogna fumare pneumatici per pensare di mettere in valigia oggetti delicati e di valore!
Se un terrorista è davvero capace di inserire una bomba in un pc o fotocamera, non è capace di prendere un volo di una tratta e compagnia non bandita? Sono io che ricordo male o i dirottamenti del 2001 li hanno fatti con voli interni dell'American Airlines? Mica sono partiti dal Cairo!
È chiaramente una mossa economica "punitiva" per danneggiare determinate compagnie a vantaggio di altre. Ad esempio tra i voli inclusi in questo divieto c'è il Tuskish da Istanbul a S. Francisco, molti europei lo prendono perché più economico anche se più lungo rispetto ad altri scali da Francoforte o Londra. Così è ovvio che andrà deserto.
Lo so perché vado in USA ad agosto per l'eclisse di Sole e il capogruppo aveva inizialmente proposto proprio quel volo ma per fortuna abbiamo poi optato per il Lufthansa Francoforte-LA, il risparmio spariva se si doveva allungare il viaggio di un giorno. Col senno di poi fortuna doppia, visto che devo portare un notebook, una Canon 700D e una 80D. Se li mettessi in valigia sono sicuro che all'arrivo ne troverei due vero?
kirylo23 Marzo 2017, 11:58 #5

vietiamo gli umani a bordo

Non possiamo mettere gli umani nella stiva, alla fine sono loro la causa di quasi tutti i problemi.
ritpetit23 Marzo 2017, 19:21 #6
Originariamente inviato da: Mars4ever
Appena sentita avevo pensato a una bufala stile liberogiornale, solo che era in tutti i tg e giornali reali.
Non mi pare che ci voglia un genio per capire che si tratti di un'immensa cazzata insensata, inutile e inapplicabile, oltre che ingiusta perché bisogna fumare pneumatici per pensare di mettere in valigia oggetti delicati e di valore!
Se un terrorista è davvero capace di inserire una bomba in un pc o fotocamera, non è capace di prendere un volo di una tratta e compagnia non bandita? Sono io che ricordo male o i dirottamenti del 2001 li hanno fatti con voli interni dell'American Airlines? Mica sono partiti dal Cairo!
È chiaramente una mossa economica "punitiva" per danneggiare determinate compagnie a vantaggio di altre. Ad esempio tra i voli inclusi in questo divieto c'è il Tuskish da Istanbul a S. Francisco, molti europei lo prendono perché più economico anche se più lungo rispetto ad altri scali da Francoforte o Londra. Così è ovvio che andrà deserto.
Lo so perché vado in USA ad agosto per l'eclisse di Sole e il capogruppo aveva inizialmente proposto proprio quel volo ma per fortuna abbiamo poi optato per il Lufthansa Francoforte-LA, il risparmio spariva se si doveva allungare il viaggio di un giorno. Col senno di poi fortuna doppia, visto che devo portare un notebook, una Canon 700D e una 80D. Se li mettessi in valigia sono sicuro che all'arrivo ne troverei due vero?


E' esattamente come dici tu, solo una maniera per favorire le compagnie americane che, guarda caso, negli ultimi anni hanno perso passeggeri a favore di quelle mediorientali.

Già oggi pc, tablet e apparecchi foto/video passano negli scanner FUORI dal bagaglio a mano, se vogliono controllare non c'è problema.

Ovvio che se vado in viaggio come faccio di solito con mia moglie (1 tablet, 2 e-reader, reflex + ottiche e lei videocamera) col cavolo che piglio una compagnia che me le fa mettere in stiva, ho la certezza che un viaggio si e uno no mi costa il doppio per ricomprare l'elettronica (oltre ai ricordi svaniti...)

La vera cosa buffa è che fino a ieri era VIETATO mettere in stiva batterie grandi per sicurezza (infatti i power bank te li facevano levare dal bagaglio in stiva e tenere in quello in cabina).
Adesso bisogna metterle in stiva PER SICUREZZA.
Direi che una delle due volte il provvedimento è cannato, e siccome il primo non l'ha preso Trump per motivi economici, mi sa che oltre al disagio e il rischio furti, la sicurezza diminuirà
mauro.c24 Marzo 2017, 09:57 #7
.....ponendole in stiva e dunque sottoponendole oltre che a controlli più rigorosi anche ad un ambiente stantio rispetto alla cabina dell'aereo.

Si, in effetti in stiva c'è poco ricambio d'aria e l'ambiente è un po' stantio

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^