Indagine NavTeq: le funzioni preferite sui navigatori satellitari

Indagine NavTeq: le funzioni preferite sui navigatori satellitari

Uno studio commissionato da NavTeq svela quali sono le funzionalità che gli europei preferisco sui loro navigatori satellitari: avvisi di velocità, chiare indicazioni in svincoli e cambi di corsia, informazioni sul traffico

di pubblicata il , alle 14:37 nel canale Portatili
NavTeq
 

Ci capita spesso di dirlo, la navigazione satellitare è uno degli argomenti caldi del momento, anche grazie alla sempre maggiore integrazione di ricevitori satellitari GPS in dispositivi mobili. Una delle sfide più avvincenti in questo settore è quella che si gioca tra i due colossi della cartografia mondiale, l'europea TeleAtlas e la statunitense NavTeq.

Se la prima ha da poco stretto un importante accordo con Google per lo scambio di dati, mappe e tecnologie, la seconda non sta a guardare e oltre a lavorare per la diffusione delle sue mappe cerca di tenere sotto controllo il polso dell'utenza, con ricerche di mercato. É di ieri, infatti, la notizia dell'accordo tra NavTeq e Navigon per la fornitura da parte dell'azienda di statunitense delle mappe per tutti i dispositivi Navigon, siano essi navigatori fissi da auto, portatili o pacchetti software da installare su cellulari e palmari. Tra i risultati dell'accordo un rinnovato supporto all'iniziativa FreshMaps, che consentirà ai clienti Navigon di usufruire di mappe NavTeq aggiornate con cadenza trimestrale.

Riporta invece oggi Reuters, che l'Unione Europea ha dato parere favorevole all'acquisizione di NavTeq da parte di Nokia, fusione che aprirà nuovi scenari interessanti nel mondo della navigazione satellitare connessa e dell'uso in mobilità delle applicazioni location based.

Dal punto di vista delle ricerche di mercato NavTeq ha commissionato lo studio “New Navigation Feature Appeal Study”, basato su un campione in 5 paesi europei: Italia, Francia, Spagna, Germania e Regno Unito. Avviata alla fine dello scorso gennaio, l’indagine era volta a misurare l’interesse degli utenti di navigatori nei confronti delle nuove funzionalità di navigazione.

Il quadro che emerge vede la maggioranza degli utenti pronti per quella che viene definita la navigazione di seconda generazione, ossia l'uso del GPS non semplicemente per andare da A a B, ma per farlo in modo semplice, risparmiando strada, tempo e carburante, essendo avvisati in tempo della posizione degli autovelox, avendo informazioni in tempo reale sul traffico e potendo accedere a informazioni turistico/commerciali sui luoghi toccati dall'itinerario. I limiti di velocità, le informazioni sul traffico in tempo reale e le indicazioni relative a svincoli e corsie, sono ai primi tre posti tra le funzioni che gli utenti europei ritengono più importanti.

Leggermente diversa la percezione nel nostro Paese, forse anche a causa della non sempre ottimale chiarezza delle indicazioni stradali e dei percorsi da seguire; secondo l’indagine condotta da NavTeq, l’attuale classifica delle funzioni di navigazione privilegiate dai guidatori italiani rivela al primo posto gli avvisi di velocità, quali avvisi autovelox e limiti di velocità, seguiti immediatamente da indicazioni aggiornate quali la visualizzazione dei svincoli e gli attributi di corsia estesi.

Proseguendo nella classifica si trova la voce 'costi di viaggio'; . gli utenti hanno, infatti, collocato le informazioni relative alla posizione dei caselli autostradali e dei pedaggi tra le cinque funzioni più importanti tra quelle proposte. L’80% dei conducenti, inoltre, desidera conoscere i prezzi dei carburanti presso le stazioni di rifornimento. Tra le funzionalità desiderate degli italiani c'è anche quella della 'branded search', ossia la possibilità di ricercare POI e luoghi in base a un particolare marchio di cui si è abituali clienti o in cui si ripone la propria fiducia. Cercare ad esempio una stazione di rifornimento, un hotel, un supermercato, un outlet in base alle nostre preferenze di marchio e alle nostre eventuali fidelizzazioni.

Con l'evoluzione delle tecnologie la rappresentazione del mondo sui navigatori satellitari si avvicina sempre di più a un modello navigabile del mondo reale e gli utenti desiderano poter viaggiare all'interno di questo mondo virtuale alla ricerca di informazioni, senza accontentarsi più di avere solo un dispositivo in grado di portarli a destinazione.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Puddus02 Luglio 2008, 14:49 #1
Toh!
I camera alerts sono solo al secondo posto
Wonder02 Luglio 2008, 15:07 #2
e agli italiani fregano meno che in europa
King8302 Luglio 2008, 15:41 #3
ma sinceramente a me interessa solo che mi dica dove andare nn mi servono modelli fotorealistici o altre cavolate...il mio tomtom è già intituitivo adesso e svolge la sua funzione egregiamente di + nn posso chiedere
Iro Suraci02 Luglio 2008, 15:43 #4
pensate che figata se il tutto fosse proiettato sul cruscotto in modalità extended virtuality...sarebbe esattamente come in Ghost in the shell!!!....oddio
Puddus02 Luglio 2008, 15:48 #5
Tipo questo?

http://www.mvs.net/
afhaofhasofhaohfa02 Luglio 2008, 16:06 #6
Originariamente inviato da: Iro Suraci
pensate che figata se il tutto fosse proiettato sul cruscotto in modalità extended virtuality...sarebbe esattamente come in Ghost in the shell!!!....oddio


Sì così con la frequenza con cui questi str****ni della navteq aggiornano le mappe del mio rt3 (facendomi fra l'altro pagare 120 € un cd) mi schianto di sicuro contro un muro .
claudegps03 Luglio 2008, 00:05 #7
Originariamente inviato da: egx11
Sì così con la frequenza con cui questi str****ni della navteq aggiornano le mappe del mio rt3 (facendomi fra l'altro pagare 120 € un cd) mi schianto di sicuro contro un muro .


Guarda che Navteq aggiorna il db ogni 4(correggo: ogni 3 mesi) mesi... Non sono loro a fare il CD del tuo rt3 (ne degli altri navigatori), ma la realizzazione delle mappe dipende dal produttore del navigatore (prendono il db navteq, lo manipolano/covertono, rimandano a Navteq che lo mette a listino)
afhaofhasofhaohfa03 Luglio 2008, 00:35 #8
Originariamente inviato da: claudegps
Guarda che Navteq aggiorna il db ogni 4(correggo: ogni 3 mesi) mesi... Non sono loro a fare il CD del tuo rt3 (ne degli altri navigatori), ma la realizzazione delle mappe dipende dal produttore del navigatore (prendono il db navteq, lo manipolano/covertono, rimandano a Navteq che lo mette a listino)


[inizio OT] resta il fatto che io il cd lo compro da loro... non sono tenuto a conoscere la loro "organizzazione interna", quindi se permetti me la prendo con la navteq [fine OT]
EvilBoy03 Luglio 2008, 09:23 #9
A me non dispiace neppure la funzione TV.

Non so se avete visto i modelli PN6000 e PN4000 della VDO Dayton.
Sì fa un po' fatica a trovarli ma sono molto interessanti: hanno il display wide e la funzione TV digitale terrestre (free).
Quando c'è il movimento della macchina la TV si oscura, funzionano solo a veicolo fermo.
Altrimenti c'è un accessorio per inserirlo sul poggiatesta, per i sedili posteriori.
E' molto comodo con i bambini.

Qui c'è la scheda del prodotto (lo vendono solo a chi ha la P.I.): http://www.digital-way.it/Prodotti/...5.6-con-TV.html

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^