Sony, Blu-Ray e l'industria del porno

Sony, Blu-Ray e l'industria del porno

Cambio di rotta per Sony, che mantiene l'atteggiamento di mancato supporto al mondo dell'hard, salvo però farlo in modo indiretto nella vicina Taiwan

di pubblicata il , alle 10:42 nel canale Multimedia
Sony
 

Da diverso tempo la guerra fra gli standard ad alta definizione per l'ambito domestico vede un netto vantaggio di Blu-ray. La diffusione della console Playstation 3 ha permesso di portare un lettore Blu-ray nelle case di centinaia di migliaia di persone, facendo un po' da cavallo di Troia per lo standard fortemente voluto da Sony, forte anche di un incremento di vendite di titoli che non conosce battute di arresto.

Lo scenario dunque sembra ben delineato, con Blu-ray in procinto di raccogliere sempre più consensi da parte degli spettatori casalinghi, a danno del concorrente di sempre HD-DVD. Rimane in ogni caso un tema da trattare, ed è quello dell'industria hard. All'inizio dell'anno, in occasione del Adult Entertainment Expo tenutosi in concomitanza ed a pochi passi dal CES di Las Vegas, l'industria del porno ha chiaramente affermato di preferire lo standard HD-DVD, a fronte di costi inferiori di produzione ed a causa di non meglio precisati ostruzionismi portati avanti da Sony, che non voleva vedere il proprio marchio associato a quello delle luci rosse.

Qualcosa deve essere cambiato nel frattempo, in quanto, secondo Dailytech, alcuni contenuti hard vedranno la luce su standard Blu-ray, e saranno destinati proprio al mercato giapponese, ovvero il suolo nativo e di residenza di Sony. Sony dunque cambia idea e rinnega le scelte precedenti? Assolutamente no. E' chiaro dunque che deve esistere qualche passaggio che merita una spiegazione, in quando la presenza in listino di titoli hard su supporti Blu-ray sembra apparentemente in contraddizione con quanto affermato da Sony.

Sony ha di fatto offerto supporto tecnico ad una casa di produzione taiwanese, fornendo equipaggiamenti per l'authoring e per la conseguente realizzazione di supporti Blu-ray, destinati al mercato giapponese. In Giappone infatti, dove Sony ha un potere davvero enorme, sembra sia impossibile realizzare contenuti Blu-ray per adulti, come testimoniano le parole di Mr. Kiyotaka Konno, direttore ed amministratore di Assist Corp., azienda attiva nella creazione e stampa di film hard su DVD:

“In Japan, there are some problems. Companies cannot press Blu-ray discs because they cannot touch adult-related contracts, so we asked some makers in Taiwan to do the work, and then we import the discs back to Japan. The Taiwanese company was able to obtain a pressing machine from Sony and will start mass production in August.”

In pratica, Sony offre supporto all'estero ma non in patria, dove deve "salvare" il nome. Il Giappone poi importa i prodotti da Taiwan, così viene mantenuto "l'onore", ma si dispone in ogni caso di prodotti ad alta definizione a luci rosse, elemento chiave nel mercato casalingo, dove il rivale di sempre HD-DVD è attualmente molto forte.

Nel mondo occidentale un atteggiamento simile viene sicuramente definito ipocrita (Garzanti: s. f. simulazione di buoni sentimenti, di buone qualità o di buone intenzioni), ma non è dato a sapere se in Giappone abbia poi così importanza.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

52 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Motosauro02 Agosto 2007, 10:48 #1
I giapponesi sono sicuramente ipocriti in questo atteggiamento, ma noi di cultura cattolica non siamo quelli che possano scagliare la prima pietra a riguardo.

Sul fatto che sia il porno a decretare la vittoria di uno standard sull'altro credo che non ci siano dubbi
demon7702 Agosto 2007, 10:54 #2
Sony ha fatto ostruzionismo perchè non vuole vedere il suo marchio associato al mondo hard??

Ma questi sono fuori.. rinunciano ad un mercato da milioni di dollari e di fatto alla totale supremazia del loro standard per un motivazione in stile bacchettone da oratorio????

E poi uno non è che associa il supporto con quello che contiene!!
Dico.. su DVD trovi il porno e trovi "la vita di don Bosco"..

MAH!!
LELEK6802 Agosto 2007, 10:58 #3
E vai con i pornazzi in alta definizione!!!! Eh Eh!!!
Wee-Max02 Agosto 2007, 10:59 #4
Mah..la cosa non mi sorprende in un paese in cui alcune ricerche su google sono vietate dal governo...(almeno mi pare sia così...) loro sono semplicemente coerenti con il loro paese di origine, bacchettonismo o meno il motivo è questo...
Jeegsephirot02 Agosto 2007, 11:08 #5
Originariamente inviato da: Wee-Max
Mah..la cosa non mi sorprende in un paese in cui alcune ricerche su google sono vietate dal governo...(almeno mi pare sia così...) loro sono semplicemente coerenti con il loro paese di origine, bacchettonismo o meno il motivo è questo...


ti confondi con la cina
canislupus02 Agosto 2007, 11:10 #6
Anche a me sembra una scelta decisamente strana.
L'industria del porno è un'industria che fattura migliaia di miliardi all'anno e inoltre non ci vedo nulla di scandalizzante in questo (in fondo il sesso esiste dalla notte dei tempi).
Più che altro non capisco quanto possa essere utile un supporto ad alta definizione in quel settore. Non credo che la qualità del dvd non sia sufficiente.
Voi che ne dite ?
maxfrata02 Agosto 2007, 11:20 #7
Faccio un commento OT poichè voglio fare i complimenti a Bordin sullo stile dell'articolo. Mi è piaciuto parecchio.
Joe.Bagheera02 Agosto 2007, 11:22 #8
Per: canislupus

Io addirittura tempo fa avevo letto che la risoluzione dei formati HD era troppo alta per il porno tanto da mettere in luce tutte le imperfezioni estetiche degli attori/attrici con riprese così dettagliate a distanza così ravvicinata e richiedere ore di "trucco" extra...

Giuro che non è uno scherzo...
Pancho Villa02 Agosto 2007, 11:23 #9
Originariamente inviato da: Motosauro
Sul fatto che sia il porno a decretare la vittoria di uno standard sull'altro credo che non ci siano dubbi
Ancora con questa storia?
archibald tuttle02 Agosto 2007, 11:24 #10
Originariamente inviato da: Motosauro
Sul fatto che sia il porno a decretare la vittoria di uno standard sull'altro credo che non ci siano dubbi


Questo era certo anni fa (e basta pensare alla battaglia betamax-vhs), ma non so se sia altrettanto vero oggi, visto il grandissimo peso che ha la distribuzione online.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^