In calo del 42% le vendite di memorie DRAM nel 2019

In calo del 42% le vendite di memorie DRAM nel 2019

Gartner stima una forte contrazione nel mercato dei semiconduttori per il 2019, con le memorie DRAM a incidere per la maggiore sul totale del mercato: calo atteso del 42% anno su anno

di pubblicata il , alle 18:01 nel canale Memorie
 

Le più recenti stime formulate da Gartner per il mercato dei semiconduttori prevedono, per il 2019, una contrazione del fatturato complessivo del settore del 9,6%: il dato complessivo di vendite è atteso in 429 miliardi di dollari USA, contro un valore di 475 miliardi toccato nel corso del 2018.

A incidere maggiormente su questa dinamica il calo previsto dal settore delle memorie DRAM: parliamo di attese di calo delle vendite del 42,1% nel corso del 2019, con una contrazione della domanda che si prevede continuerà anche nel corso della prima metà del 2020.

hynixdram_720.jpg

Si assiste a due dinamiche contrapposte: da un lato una domanda di mercato in calo, dall'altro una capacità produttiva addizionale. L'ultima deriva dall'ingresso dei produttori cinesi nel mercato, in grado di portare una superiore capacità produttiva rispetto a quella esistente. La prima è legata ad un rallentamento nelle vendite di smartphone, oltre ad una domanda di soluzioni NAND per sistemi di storage ad ampio spettro che è vittima di una sovraproduzione sin dal primo trimestre del 2018.

Non manca poi l'influenza della contrapposizione commerciale e tariffaria tra USA e Cina: l'incertezza legata a tariffe e accordi di scambio rende questo mercato meno stabile e impatta sulla domanda complessiva. Ci attendono quindi ancora tempi di prezzi bassi per tutto quello che è legato alle memorie DRAM, con una domanda ridotta rispetto allo storico e una capacità produttiva che continua a restare molto elevata nel complesso.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Rubberick25 Luglio 2019, 18:32 #1
Quindi ? prezzi in discesa ?
Paganetor25 Luglio 2019, 18:57 #2
Così imparano a tenere i prezzi delle Ram così alti

Tanto ora con il blackout di qualche settimana fa in uno stabilimento di quelli grossi (e conseguente perdita di wafer per non so quanti exabyte ) avranno la scusa per alzare nuovamente i prezzi
lucam197825 Luglio 2019, 20:28 #3
le stesse ram acquistate nel 2016 a 106 euro 4 mesi fa costavano esattamente 108 euro in piu'...questa e' follia.
Scarfatio25 Luglio 2019, 20:54 #4
Originariamente inviato da: lucam1978
le stesse ram acquistate nel 2016 a 106 euro 4 mesi fa costavano esattamente 108 euro in piu'...questa e' follia.


giovanni6926 Luglio 2019, 07:41 #5
E ci credo! chi a suo tempo ha aggiornato l'hardware, ci pensa bene a cambiare ancora configurazione con i prezzi alle stelle .
cronos199026 Luglio 2019, 08:00 #6
Originariamente inviato da: Rubberick
Quindi ? prezzi in discesa ?
Se cala la domanda i prezzi aumentano. E difatti sono previsti aumenti.
norfildur26 Luglio 2019, 08:27 #7
Originariamente inviato da: cronos1990
Se cala la domanda i prezzi aumentano. E difatti sono previsti aumenti.


Spero vivamente per te che non studi economia, o vedo per te un fosco futuro…
In realtà, se la produzione e lo stock sono alti (come in questo caso) e la domanda è stagnante o in calo, i prezzi scendono in quanto i produttori, pur di eliminare l'invenduto, sono disposti a vendere anche a prezzo di costo (tagliando al contempo la produzione) oppure addirittura a meno in quanto le scorte in magazzino aggiungono altro costo per via dell'immobilizzazione.
La previsione dell'aumento dei prezzi dipende da tutt'altro fattore (oltretutto assolutamente non scontato) che dipende dalle recenti tensioni tra Giappone e Corea del Sud, che oltretutto si prevede avranno ripercussioni solo a breve termine con una stabilizzazione dei prezzi e un sensibile calo già a partire da fine anno.
Inoltre, il test missilistico di questa settimana della Corea del Nord ha fatto avvicinare immediatamente i governi di Giappone e Corea del Sud, per cui non solo il fantomatico aumento potrebbe non esserci affatto, ma addirittura il calo dei prezzi potrebbe anticiparsi.
canislupus26 Luglio 2019, 11:30 #8
E sarebbe anche ora che calassero i prezzi delle Ram.
Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un fenomeno più unico che raro nell'informatica: l'aumento dei prezzi a parità di prestazioni.
Se guardiamo su Amazon (tanto per citarne uno), ci sono ram che tre anni fa costavano il 30% di meno rispetto ad oggi. Ma la cosa ancora più comica è che le stesse ram l'anno scorso hanno avuto anche una punta del 350% !!!
Io vorrei capire come sia logicamente/economicamente possibile che un prodotto vecchio di 3 anni (che in Informatica è come un'era geologica), costi oltre 3 volte due anni dopo.
Speriamo che questa "tendenza" continui ulteriormente e forse deciderò anche io di farmi un nuovo pc da utilizzare con un nel po' di ram per usarlo con diverse VM.
biometallo26 Luglio 2019, 11:51 #9
Originariamente inviato da: Paganetor
Tanto ora con il blackout di qualche settimana fa in uno stabilimento di quelli grossi (e conseguente perdita di wafer per non so quanti exabyte ) avranno la scusa per alzare nuovamente i prezzi

Premetto che le vie della speculazione sono infinite, ma per quel che ricordo si parlava di Nand flash e non di dram.
cronos199026 Luglio 2019, 12:04 #10
Originariamente inviato da: norfildur
Spero vivamente per te che non studi economia, o vedo per te un fosco futuro…
Mai capito una mazza di economia, ho studiato chimica

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^