Silvermont: ecco le future architetture Intel Atom

Silvermont: ecco le future architetture Intel Atom

Attese al debutto nel corso del 2013, le soluzioni Silvermont implementeranno una nuova architettura per le soluzioni Atom grazie anche ai 22 nanometri

di pubblicata il , alle 11:28 nel canale Processori
IntelAtom
 

Silvermont è il nome scelto per indicare la prossima generazione di architettura che Intel sta sviluppando per i processori della famiglia Atom, soluzioni di ridotte dimensioni e basso consumo che il produttore americano vorrebbe in futuro vedere anche in sistemi smartphone.

Le prime informazioni, pubblicate da cnet a questo indirizzo, segnalano una data di presunto debutto delle prime soluzioni Silvermont nel corso dell'anno 2013. L'architettura sarà di tipo completamente nuovo, la prima di nuova generazione che verrà utilizzata per i processori Atom sin dal loro debutto sul mercato nel 2008.

Una delle principali novità implementate nelle soluzioni Silvermont dovrebbe essere l'utilizzo di transistor 3D, tecnologia che dovrebbe permettere di ottenere nuovi livelli di integrazione aumentando le prestazioni a fronte di una ulteriore contrazione dei consumi rispetto a quanto a oggi disponibile.

L'obiettivo della riduzione dei consumi è del resto per le soluzioni Atom un risultato imprescindibile: è in questo modo che sarà possibile per Intel guadagnare spazio all'interno del settore degli smartphone, ponendosi in diretta contrapposizione con le soluzioni basate su architetture ARM proposte da varie aziende. In parte questo risultato dovrebbe venir raggiunto già a partire dalla fine dell'anno, con il debutto delle versioni di processore Atom costruite con tecnologia produttiva a 32 nanometri.

Le soluzioni Atom attualmente presenti in commercio utilizzano un'architettura di base di tipo in-order, scelta tecnica che permette di contenere dimensioni e consumi a fronte di un impatto sulle prestazioni velocistiche. Le proposte AMD della famiglia Brazos sono di tipo out of order, al pari del resto di tutte le altre tipologie di CPU x86 attualmente presenti sul mercato. E' quindi facilmente ipotizzabile che con Silvermont Intel possa passare ad un approccio out of order anche per le proprie soluzioni Atom, così da ottenere quell'incremento prestazionale da lungo tempo atteso.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

13 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
supertigrotto13 Maggio 2011, 12:04 #1

Globalfoundries che fa?

Resta a guardare?????
II ARROWS13 Maggio 2011, 12:06 #2
E la differenza tra "in order" e "out of order" cosa sarebbe?
ggy13 Maggio 2011, 12:15 #3
Speriamo bene. Voglio un po' di concorrenza con ARM
rb120513 Maggio 2011, 12:25 #4
Originariamente inviato da: II ARROWS
E la differenza tra "in order" e "out of order" cosa sarebbe?


http://lmgtfy.com/?q=in+ordine+fuori+ordine
lucusta13 Maggio 2011, 13:01 #5
faranno a breve ivy bridge a 22nm, ma l'atom, famiglia che ha come principale requisito il minimo consumo, sara' a 32?
capisco che le rese in guadagno sono basse, per l'atom, ma se lo vogliono piazzare su tutto lo scibile al posto di ARM, devono fare anche scelte coerenti.
ggy13 Maggio 2011, 13:17 #6
Originariamente inviato da: lucusta
faranno a breve ivy bridge a 22nm, ma l'atom, famiglia che ha come principale requisito il minimo consumo, sara' a 32?
capisco che le rese in guadagno sono basse, per l'atom, ma se lo vogliono piazzare su tutto lo scibile al posto di ARM, devono fare anche scelte coerenti.


Le 32 rispetto alle 22 sono più mature e più economiche. Per ora faranno uscire i 22 dove ci vorrà potenza e non efficienza, in un settore ben conosciuto da intel.
Gli atom sono un settore più ostico, dove intel dovrà lavorare di più per produrre processori economici ed efficienti. è abbastanza ovvio che non possono già implementare i 22nm in essi.
GT8213 Maggio 2011, 13:59 #7
Originariamente inviato da: supertigrotto
Resta a guardare?????


Che ci azzecca GF? che produce chip mica li progetta...

vedremo cosa faranno nel frattempo AMD, Nvidia e ARM
supertigrotto13 Maggio 2011, 14:26 #8

@ gt82

il trigate è più roba da fonderia che da progetto puro di transistor per cpu,è una cosa più da globalfoundries che da amd.
Amd disegna l'architettura,sta a globalfoundries metterla in atto,stando attena al processo produttivo,alla qualità e quantità di materiali,ai tipi di isolanti,alle dispersioni etc...
marchigiano13 Maggio 2011, 15:17 #9
Originariamente inviato da: lucusta
faranno a breve ivy bridge a 22nm, ma l'atom, famiglia che ha come principale requisito il minimo consumo, sara' a 32?


questi saranno a 22nm
Sapo8413 Maggio 2011, 15:49 #10
Originariamente inviato da: supertigrotto
il trigate è più roba da fonderia che da progetto puro di transistor per cpu,è una cosa più da globalfoundries che da amd.
Amd disegna l'architettura,sta a globalfoundries metterla in atto,stando attena al processo produttivo,alla qualità e quantità di materiali,ai tipi di isolanti,alle dispersioni etc...


Eh, mica tanto, le fonderie forniscono gli strumenti, poi il resto deve farlo chi progetta il chip.
Tanto che cambiare fonderie richiede una fase piuttosto lunga di progettazione, stessa cosa vale per un die shrink.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^