Partnership produttiva tra AMD e TSMC

Partnership produttiva tra AMD e TSMC

Varie indiscrezioni segnalano per AMD la possibilità di delegare alla taiwanese TSMC parte della produzione di cpu con tecnologia SOI

di pubblicata il , alle 17:26 nel canale Processori
AMD
 

Il sito web Digitimes riporta, con questa notizia, una interessante informazione: AMD avrebbe intenzione di delegare parte della propria produzione di CPU ad una fonderia esterna, quella taiwanese TSMC. La notizia non è stata confermata da AMD, ma si riallaccerebbe a varie informazioni rilasciate da AMD circa un nuovo approccio "assets light", con il quale alleggerire i costi di produzione complessivi.

TSMC starebbe avviando alcune linee di produzione di tipo sperimentale utilizzando tecnologia produttiva SOI, Silicon on Insulator, cioè la stessa che AMD utilizza nelle proprie fonderie di Dresda per la produzione di cpu Athlon, Sempron, Turion, Phenom e Opteron.

TSMC è la principale fonderia asiatica, responsabile da tempo di buona parte della produzione sia delle GPU e dei chipset NVIDIA che di GPU ATI e di chipset AMD. Un accordo di questo tipo avrebbe indubbiamente ripercussioni importanti in termini di legame tra TSMC e AMD, ma rappresenterebbe una novità per TSMC in quanto al momento attuale la produzione di questa azienda avviene, per i propri clienti, utilizzando wafer con tecnologia Bulk e non con quella SOI.

Qualora l'accordo con TSMC venisse confermato non si tratterebbe di una novità per AMD: da tempo il produttore americano ha delegato parte della propria capacità produttiva, benché complessivamente con percentuali ridotte, a Chartered Semiconductor, azienda di Singapore che ha implementato proprio la produzione con tecnologia SOI per soddisfare le necessità di AMD.

Una possibile implicazione nel delegare a TSMC la produzione di processori potrebbe essere, per AMD, quello di ridurre la capacità produttiva interna così da poter ridurre nel complesso i costi di produzione delle proprie due FAB di Dresda. AMD potrebbe anche vendere parte dei propri macchinari per la produzione di processori ad altre aziende, senza impattare il numero complessivo di processori immessi sul mercato, nuovamente con la finalitò di ridurre i propri costi produttivi complessivi.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

15 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
LZar14 Maggio 2008, 17:58 #1
Da una parte hanno un'opzione per aprire un nuovo impianto nel Luther Forest Technology Campus nello stato di NY, dall'altro delegano parte della produzione a TMSC. Boh.

Sarebbe ora che Ruiz e soci ci facessero capire dove vogliono andare a parare.
Eraser|8514 Maggio 2008, 17:59 #2
aia..
ToroXp14 Maggio 2008, 18:06 #3
come detto fino alla nausea, AMD ha sempre avuto il problema di produrre processori in quantità tali da soddisfare la domanda.

Nvidia insegna che demandando la produzione ad altri e incentrandosi sulla progettazione si possono fare i soldoni comunque.

Chissà come la prenderanno a Dresda leggendo questa notizia, meno produzione significa anche meno personale, presumo, che non succeda come con Nokia, che indispettiti gli chiedano le sovvenzioni statali indietro.

Di fatto IMHO, Amd ha sempre patito in 2 campi fondamentali, oltre la detta produzione , anche sul fatto della pubblicità, del sapersi vendere, se spendessero quanto è stato speso per GTA in questi giorni sarebbe cosa buona.

Lo ha detto anche Silvio , una azienda deve fare una pubblicità pari alle quote del mercato che occupa, secondo questo teorema aumentando la pubblicità dovrebbe poter aumentare anche le suo quote.
ATi750014 Maggio 2008, 18:14 #4
Originariamente inviato da: ToroXp
come detto fino alla nausea, AMD ha sempre avuto il problema di produrre processori in quantità tali da soddisfare la domanda.

Nvidia insegna che demandando la produzione ad altri e incentrandosi sulla progettazione si possono fare i soldoni comunque.

Chissà come la prenderanno a Dresda leggendo questa notizia, meno produzione significa anche meno personale, presumo, che non succeda come con Nokia, che indispettiti gli chiedano le sovvenzioni statali indietro.

Di fatto IMHO, Amd ha sempre patito in 2 campi fondamentali, oltre la detta produzione , anche sul fatto della pubblicità, del sapersi vendere, se spendessero quanto è stato speso per GTA in questi giorni sarebbe cosa buona.

Lo ha detto anche Silvio , una azienda deve fare una pubblicità pari alle quote del mercato che occupa, secondo questo teorema aumentando la pubblicità dovrebbe poter aumentare anche le suo quote.


a tal proposito, ma Silvio non poteva candidarsi a CEO di AMD spodestando Ruiz, invece di rompere i cogliomberi in Italia con la presidenza del consiglio?

bYeZ!
Scrambler7714 Maggio 2008, 18:31 #5
Meglio così... altrimenti con Prodino sarebbe stata l'Italia a fallire...
ATi750014 Maggio 2008, 18:35 #6
Originariamente inviato da: Scrambler77
Meglio così... altrimenti con Prodino sarebbe stata l'Italia a fallire...


dall'Italia si può sempre emigrare (come ho fatto io) se invece AMD fallisce è un pò più tragica la situazione
cmq la mia era solo una constatazione sulle capacità imprenditoriali del Berlusca

bYeZ!
jacopo14714 Maggio 2008, 18:35 #7
Originariamente inviato da: ATi7500
a tal proposito, ma Silvio non poteva candidarsi a CEO di AMD spodestando Ruiz, invece di rompere i cogliomberi in Italia con la presidenza del consiglio?

bYeZ!



quoto, oltretutto non sarebbe restato in italia...aaahh che liberazione

mi sembra che tutte le mosse di AMD siano indirizzate verso il liberare linee di produzione per produrre 45nm, mentre i 65nm che oramai sono arrivati vicinissimi ai loro limiti massimi li delega ad altri... mi sembra una mossa più che normale così può concentrarsi con le SUE fab a migliorare i 45nm, vendendo macchinari raccimola liquidi per gli adattamenti delle fab e per le ricerche (e per i debiti? )
El Cid14 Maggio 2008, 19:04 #8
Secondo me se è vera questa mossa di amd, le permetterà di ridurre notevolmente i costi in quanto esternalizzando la produzione non si dovrà più preoccupare di come organizzarla e potrà concentrare maggiori risorse nel settore di ricerca e sviluppo (speriamo:rolleyes. E' anche vero che demandando la produzione ad una fonderia così grande, mi sa che le altre "piccole" fonderie soffriranno non poco
freeeak14 Maggio 2008, 19:07 #9
è una buona cosa, parecchio in ritardo ma ci sono arrivati.
Ratatosk14 Maggio 2008, 19:17 #10
Nella news non si approfondisce un aspetto che non considero marginale. Con Chartered AMD produce solo una piccola parte di CPU, con TSMC produce tutta la linea di GPU e quella chipset. E' evidente che ha tutto l'interesse ad allargare il legame con TSMC per incrementare l'effetto scala negli ordini a quest'ultima, magari con un progressivo fade out con Chartered e per liberare l'unica FAB attualmente disponibile di un sacco di lavoro che non permette transizioni.

Come si sa Intel ha molte fab che le permettono di mantenere livelli di mercato nella produzione del processo precedente mentre porta a regime quello successivo. AMD non può farlo, non se non riesce a liberarsi almeno delle linee produttive più vecchie (K8).

Chi vivrà vedrà...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^