Intel annnuncia Xeon D-2100, le CPU a basso consumo per l'edge computing

Intel annnuncia Xeon D-2100, le CPU a basso consumo per l'edge computing

Con la nuova gamma di processori Xeon D-2100 Intel vuole offrire soluzioni di calcolo ad elevate prestazioni che per via del contenuto consumo e dell'integrazione possano venir posizionate vicino a dove sono i dati

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 13:21 nel canale Processori
IntelXeon
 

Intel ha ufficialmente annunciato la nuova gamma di processori Xeon D-2100, sviluppata per le esigenze dei sistemi server ad elevata densità che vengono posizionati il più vicino possibile ai sensori e ai dispositivi. Parliamo in questo caso di edge computing, approccio che porta la potenza elaborativa in prossimità dei dispositivi e dei sensori che raccolgono i dati che dovranno poi essere elaborati.

Le specifiche tecniche di questi nuovi processori sono molto spinte: parliamo di un massimo di 18 core con supporto alla tecnologia HyperThreading, sino a 512 Gbytes di memoria DDR4-2666 con supporto ECC per la correzione degli errori su controller quad channel. Il chip integra in quasi tutte le versioni 4 controller Ethernet 10 Gigabit, implementando controller PCI Express 3.0 a 32 linee, supporto a 14 periferiche SATA 3.0 e a 4 di tipo USB 3.0.

La famiglia è composta da 14 differenti modelli, divisi in 3 categorie: Edge Server and Cloud, Network Edge and Storage e Integrated Intel QuickAssist Technology: cambiano le specifiche tecniche in termini di numero di core, di consumi, di frequenze di clock, di clock massimo della memoria e del supporto alla tecnologia Intel QuickAssist.

Prodotti come questi processori Xeon D permettono di abbinare una elevata potenza di elaborazione a valori di TDP più contenuti rispetto a quelli delle altre proposte della famiglia Xeon. Il target di utilizzo è, come detto, quello dell'edge computing cioè di quegli ambiti nei quali si voglia tenere la potenza di elaborazione nelle vicinanze dell'utilizzatore come dei sensori che raccolgono dati e informazioni. Un esempio di questo sono i veicoli a guida autonoma, i cui sensori generano ogni secondo una mole impressionante di dati che devono essere elaborati in tempo reale, e per i quali la latenza introdotta da una connessione al cloud potrebbe portare a dei problemi di sicurezza.

Soluzioni come quelle Xeon D possono inoltre venir utilizzate anche in ambito datacenter per pilotare server di ridotte dimensioni, per i quali la compattezza permette di ottenere una maggiore densità di elaborazione per ogni singolo rack. L'integrazione di 4 schede di rete 10 Gigabit semplifica inoltre l'utilizzo di questi processori in sistemi votati allo storage: difficile non pensarne l'utilizzo anche all'interno di soluzioni NAS, magari in quelle di più grandi dimensioni destinate all'installazione sempre in datacenter.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
DarkmanDestroyer08 Febbraio 2018, 19:04 #1
è tempo di farsi il rack casalingo...
sempre che i prezzi non siano allucinanti

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^