Due nuove cpu Itanium 2 da Intel

Due nuove cpu Itanium 2 da Intel

Al debutto le prime due cpu Itanium 2 con supporto alla frequenza di bus di 667 MHz

di pubblicata il , alle 17:39 nel canale Processori
Intel
 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

49 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
leoneazzurro19 Luglio 2005, 20:49 #11
Originariamente inviato da: Spectrum7glr
li devi confrontare con gli opetron di pari livello ...vai a dare un'occhiata ai prezzi per lotti di 1000 unità di un opteron della serie 8xx e poi mi dici


Al prezzo della CPU meno costosa (2200 $) si compra l'Opteron 870, che è 2.2 GHz ma dual core. Il single core Opteron più costoso costa 1514$ (lo stesso prezzo del tipo 865 dual core). Questo senza contare la piattaforma, che nel caso di Itanium è ben più costosa.
Il che significa una sola cosa: Itanium può convenire se si hanno grosse quantità di dati floating point da macinare, ma nel caso degli applicativi basati su interi (es. database, web, ecc), dove le performance ancora non sono tali da poterlo giudicare conveniente rispetto ad una piattaforma Opteron o Xeon.
ilmanu20 Luglio 2005, 00:05 #12
non vorrei sbagliare ma l'870 lavora solo in ambiente a 8 vie cioe' 8 cpu... quindi moltiplica per 8..... di itanium ne puoi avere 1..2...4...8...
DioBrando20 Luglio 2005, 00:18 #13
Originariamente inviato da: ilmanu
non vorrei sbagliare ma l'870 lavora solo in ambiente a 8 vie cioe' 8 cpu... quindi moltiplica per 8..... di itanium ne puoi avere 1..2...4...8...


No PUO' essere affiancato da altre 7 cpu ( anzi si può arrivare fino a 32 attraverso soluzioni sviluppate da aziende terze).
Produrre un processore che può funzionare solo ad un numero determinato di vie sarebbe una cosa senza senso.
Funziona benissimo anche da solo.
DioBrando20 Luglio 2005, 00:23 #14
Originariamente inviato da: leoneazzurro
Al prezzo della CPU meno costosa (2200 $) si compra l'Opteron 870, che è 2.2 GHz ma dual core. Il single core Opteron più costoso costa 1514$ (lo stesso prezzo del tipo 865 dual core). Questo senza contare la piattaforma, che nel caso di Itanium è ben più costosa.
Il che significa una sola cosa: Itanium può convenire se si hanno grosse quantità di dati floating point da macinare, ma nel caso degli applicativi basati su interi (es. database, web, ecc), dove le performance ancora non sono tali da poterlo giudicare conveniente rispetto ad una piattaforma Opteron o Xeon.


e a meno che n vi siano profonde e radicali ripensamenti dell'architettura sarà sempre così: per gli interi e per l'emulazione del codice x86-32 continuerà a pagare dazio.
D'altra parte costituiscono sistemi pensati per fare cose ben precise e fare quelle al meglio un pò come lo è Cell.
Non sn processori General Purpose, senza contare che a proposito dell'Itanium al di là di una frequenza operativa ancora non eccezionale ( specie se confrontata con gli Xeon) necessità per forza di cose di un ottimo quantitativo di cache per risolvere i problemi di stallo delle pipeline e di cache miss.
E la cache, lo sappiamo tutti, è uno degli elementi + importanti che concorrono a far lievitare il prezzo di un processore.
leoneazzurro20 Luglio 2005, 00:35 #15
Originariamente inviato da: ilmanu
non vorrei sbagliare ma l'870 lavora solo in ambiente a 8 vie cioe' 8 cpu... quindi moltiplica per 8..... di itanium ne puoi avere 1..2...4...8...


Possono funzionare anche da soli.. ma se necessiti di un sistema a 2 vie c'è la serie 2XX che è molto più economica, per 4 o più vie serve avere un Opteron 8XX.

Quindi:

1 via: Opteron serie 1XX (1 o 2 core)
2 vie: Opteron serie 2XX (2 o 4 core)
4-8 vie: Opteron serie 8XX (4-16 core)
leoneazzurro20 Luglio 2005, 00:36 #16
Originariamente inviato da: DioBrando
e a meno che n vi siano profonde e radicali ripensamenti dell'architettura sarà sempre così: per gli interi e per l'emulazione del codice x86-32 continuerà a pagare dazio.
D'altra parte costituiscono sistemi pensati per fare cose ben precise e fare quelle al meglio un pò come lo è Cell.
Non sn processori General Purpose, senza contare che a proposito dell'Itanium al di là di una frequenza operativa ancora non eccezionale ( specie se confrontata con gli Xeon) necessità per forza di cose di un ottimo quantitativo di cache per risolvere i problemi di stallo delle pipeline e di cache miss.
E la cache, lo sappiamo tutti, è uno degli elementi + importanti che concorrono a far lievitare il prezzo di un processore.


Esattamente. D'altra parte se anceh HP ha rinuciato a proseguire lungo la via di Itanium, una ragione ci sarà, anche in previsione del rapido passaggio che si prospetta ai dual-multi core in ambito x86.
DioBrando20 Luglio 2005, 00:37 #17
Originariamente inviato da: sirus
non erri, se dovessero eseguire codice a 32bit gli Itanium andrebbero molto lenti, ma con codice a 64bit scritto bene sono ottime CPU, che non vanno paragonate ne a xeon ne tantomeno agli opteron che si pongono ad un livello più basso

itanium va confrontato con gli sparc di sun e con i power4/5 di ibm


non è il codice a determinare la scelta per un Itanium o un'altra piattaforma, bensì lo scopo. Indipedentemente dal fatto che spendere tot cifre per avere una macchina del genere e utilizzarla non per programmi scritti appositamente per l'IA-64 ( il che non sottointende codice a 64 bit generico altrimenti si potrebbe intendere anche X86-64 o quello proprio di una qls altra macchina per es. Unix che lavora in quella modalità sarebbe una cosa senza senso, Xeon, Opteron e Itanium possono essere benissimo paragonati anzi i paragoni si DEVONO fare, proprio per far capire a chi si appresta a fare acquisti di un certo tipo se per le proprie esigenze è meglio puntare su una macchina +ttosto che un'altra.
Devo approntare un'architettura multitier e mi serve un DB-server oppure devo costruire un cluster per un elaborazione in parallelo di simulazioni/calcoli scientifici?
Ho bisogno di una workstation per operare del rendering 3D massiccio oppure devo hostare una serie di servizi web e mi serve una macchina che sappia far girare al suo interno sia gestione di basi di dati che un'application server ( ed un web-server naturalmente)?
E che tipo di dati devo elaborare? Le applicazioni che utilizzerò per quale piattaforma sn disponibili?
Queste sn le domande a cui serve rispondere prima di fare una scelta.

Ma dire che la scelta non è possibile e che tot macchina si pone su un piano inferiore ( senza specificare quali sn le condizioni in cui si andrà ad operare) è profondamente sbagliato perchè i fatti dimostrano che le cose n stanno così, basti vedere la concorrenza ad es nella top500 tra sistemi con architetture proprietarie e X86 o la stessa concorrenza interna tra Xeon e Itanium fomentata da alcune scelte operate dai leader nel mercato server-workstation come HP.
DioBrando20 Luglio 2005, 00:43 #18
Originariamente inviato da: leoneazzurro
Possono funzionare anche da soli.. ma se necessiti di un sistema a 2 vie c'è la serie 2XX che è molto più economica, per 4 o più vie serve avere un Opteron 8XX.

Quindi:

1 via: Opteron serie 1XX (1 o 2 core)
2 vie: Opteron serie 2XX (2 o 4 core)
4-8 vie: Opteron serie 8XX (4-16 core)


La prima cifra della sigla dell'Opteron sta ad indicare il numero di vie supportate; in particolare i modelli 865-870 e 875 sn Dual Core in prospettiva di passare ai Quad-Core quando la Fab36 sarà operativa e pronta a consegnare cpu con processo produttivo a 65nm, nel 2007 secondo quello che si dice in giro.

*edit: avevo scritto 85 pardon
DioBrando20 Luglio 2005, 00:48 #19
Originariamente inviato da: leoneazzurro
Esattamente. D'altra parte se anceh HP ha rinuciato a proseguire lungo la via di Itanium, una ragione ci sarà, anche in previsione del rapido passaggio che si prospetta ai dual-multi core in ambito x86.


mi hai preceduto di un minuto...

HP ha fatto scalpore perchè in un certo senso ha dato l'incipit al progetto Itanium ( e l'ha poi abbandonato a livello di sviluppo e parzialmente di commercializzazione), ma tutte le altre grandi come Dell, Fujitsu, Sun e IBM ( anche se l'ultima chiaramente non rinuncia ad utilizzare le proprie soluzioni proprietarie) hanno già molto chiaramente puntato ai sistemi x86-based ai quali le soluzioni multi-core apriranno sicuramente nuovi orizzonti commerciali.
homero20 Luglio 2005, 03:09 #20
itanium riesce a gestire fino a 512 processori per OS, nessuno puo' fare di meglio al momento.
pertanto e' il miglior processore attualmente in produzione per chi necessita di computer di calcolo ad alta efficenza....
non ha rivali.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^