CPU Intel Core saldate onboard per sistemi all in one

CPU Intel Core saldate onboard per sistemi all in one

La differenziazione dei processori Intel di prossima generazione, appartenenti alla famiglia Haswell, passa anche attraverso versioni saldate onboard per sistemi desktop all in one

di pubblicata il , alle 08:31 nel canale Processori
Intel
 

Una delle più attese novità del 2013 per il settore dei processori sono le proposte Intel identificate dal nome Haswell, proposte che debutteranno inizialmente nella famiglia Core in vari segmenti del mercato tanto desktop come mobile.

Questi processori saranno commercializzati in versione per schede madri socket 1150 LGA, sviluppate per le differenti tipologie di sistemi desktop. In alcuni casi tuttavia saranno proposte anche versioni in package BGA, quindi saldate direttamente sulla scheda madre, per sistemi desktop di classe all in one.

Il package BGA sarà utilizzato per le CPU Haswell destinate all'utilizzo in sistemi notebook e Ultrabook, beneficiando in questo dell'inferiore spessore complessivo rispetto ad un design con socket. Non deve sorprendere quindi scoprire come il produttore americano preveda una serie di CPU Core i5 e Core i7 con package BGA specificamente realizzate per l'abbinamento in sistemi all in one. Grazie al sito VR-Zone ne conosciamo le caratteristiche tecniche principali:

Modello

Core Threads Clock Turbo Cache L3 TDP GPU

Core i5-4570R

4 4 2,7 GHz 3,2 GHz 4MB 65W HD5200

Core i5-4670R

4 4 3 GHz 3,7 GHz 4MB 65W HD5200

Core i7-4770R

4 8 3,2 GHz 3,9 GHz 8MB 65W HD5200

Le caratteristiche tecniche alla base di questi processori sono quelle che abbiamo già evidenziato per i processori Haswell destinati a sistemi socket 1150 LGA: architettura quad core con tecnologia HyperThreading abilitata per il solo modello Core i7, tecnologia Turbo Boost e cache L3 che passa dai 4 Mbytes dei modelli Core i5 agli 8 Mbytes della CPU Core i7-4770R. A differenziare questi modelli dalle proposte per socket troviamo il suffisso R, ferma restando la struttura utilizzata per la costruzione dei nomi dei vari modelli.

La GPU integrata in questi processori è quella HD 5200, con frequenze di clock pari a 1.150 MHz per il modello Core i7-4570R e di 1.300 MHz per le due altre CPU. Non cambia il TDP massimo, pari sempre a 65 Watt e quindi compatibile anche con sistemi all in one dalle dimensioni particolarmente contenute.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
PhoEniX-VooDoo09 Aprile 2013, 09:14 #1
non comprendo la novità.
è una cosa che succede dai tempi dei primi pentium m (centrino)..
bonzoxxx09 Aprile 2013, 10:41 #2
confermo, non è tutta sta notizia, è da quel dì che i sistemi AIO usano CPU con socket BGA
djfix1309 Aprile 2013, 13:52 #3
io odio le cose saldate! proprio ora ho deciso che il mio portatile con i5 430M era lento per quello che facevo e quindi sono passato al i7 640M senza fastidi perchè aveva il socket, se devo spendere per un pc che almeno sia aggiornabile ogni tanto e con meno spesa! No bisogna cambiare tutto e fare millemila rifiuti elettronici che sono la nuova tortura della modernità!
se proprio devono superare il problema dello spazio un BGA montato su interfaccia "tipo" mSata o mini pci-e darebbe la possibilità almeno di passare ad un altra cpu...
poi tutta stà mania dello spessore lo trovo assolutamente fuorviante dato che poi il pc è solo più compatto e quindi il peso è sempre lo stesso.
se al mio portatile comincio a togliere l'HDD e metto un SSD, tolgo il master BD e poi magari ridimensiono anche la batteria il peso diventerà uguale a qualunque ultrabook.
qua si parla di AIO, ma il discorso non va molto lontano viste le presentazioni anche di Apple con AIO ultrasottili (ma per far cosa? veramente sulla scrivania vi accorgete se ci sono o meno 1 o 2 cm in più di spessore dietro allo schermo? boh)
poi costassero poco stì così, ora che ci devono mettere anche il touch figurarsi se uno non si incazza quando lo deve cambiare perchè ha la cpu lenta o ancora meglio la scheda video integrata è poco performante...W i vecchi desktop che restano sempre aggiornabili!
calabar09 Aprile 2013, 17:43 #4
Originariamente inviato da: djfix13
io odio le cose saldate! proprio ora ho deciso che il mio portatile con i5 430M era lento per quello che facevo e quindi sono passato al i7 640M senza fastidi perchè aveva il socket, se devo spendere per un pc che almeno sia aggiornabile ogni tanto e con meno spesa! No bisogna cambiare tutto e fare millemila rifiuti elettronici che sono la nuova tortura della modernità!

Quella di sostituire il processore nei portatili è un'operazione da fare con attenzione per problemi di surriscaldamento.
Nella grande maggioranza dei casi è da evitare perchè il sistema di dissipazione è "giusto giusto" per il processore montato, con tutto quello che ne consegue.

Ovviamente più il portatile è orientato alla portabilità minori saranno le possibilità di un upgrade. Se hai un Desktop Replacement "standard" da 15"-17" o più allora le possibilità salgono, ma non mi pare che queste soluzioni siano pensate per dispositivi di questo tipo.

Questo è l'annoso problema che è sempre esistito, anche se in comparti differenti. Maggiore modularità significa minore compattezza, portabilità, ottimizzazione. Alla fine uno sceglie ciò che ritiene più adatto al suo utilizzo.
djfix1309 Aprile 2013, 20:47 #5
Originariamente inviato da: calabar
Quella di sostituire il processore nei portatili è un'operazione da fare con attenzione per problemi di surriscaldamento.
Nella grande maggioranza dei casi è da evitare perchè il sistema di dissipazione è "giusto giusto" per il processore montato, con tutto quello che ne consegue.

Ovviamente più il portatile è orientato alla portabilità minori saranno le possibilità di un upgrade. Se hai un Desktop Replacement "standard" da 15"-17" o più allora le possibilità salgono, ma non mi pare che queste soluzioni siano pensate per dispositivi di questo tipo.

Questo è l'annoso problema che è sempre esistito, anche se in comparti differenti. Maggiore modularità significa minore compattezza, portabilità, ottimizzazione. Alla fine uno sceglie ciò che ritiene più adatto al suo utilizzo.


quello della dissipazione è una paura metropolitana dato che le tabelle di compatibilità dello stesso produttore sono sempre disponibili in aggiunta al fatto che la dissipazione è tarata sul TDP del processore, sapendo che puoi montare al massimo 25W di CPU la scelta è presto fatta.

la portabilità non implica di fatto una scelta ingegneristica limitata al saldare qualcosa su una scheda e ripeto che la corsa al sottile è una cosa che si fermerà presto per il solo motivo che non ha alcuna utilità, il peso fisiologico dei materiali resta quello, si possono cambiare i materiali ma si cade nel prezzo superiore che non da mercato o cmq di nicchia.
in 27" non riescono a metterci una scheda madre con un socket? e poi per fare un esempio di prodotti attuali abbiamo: http://www.acer.it/ac/it/IT/content...es/DQ.SL6ET.005
questo ha un i5-3210M che ha sia la versione rPGA che BGA e apparte il socket hanno stesso TDP di 35W. questo AIO ha 3,5 cm di spessore...cavolo! sono così tanti da doverli ridurre? il mio display a led ne ha 2,8 cm !!
calabar09 Aprile 2013, 21:15 #6
Originariamente inviato da: djfix13
quello della dissipazione è una paura metropolitana dato che le tabelle di compatibilità dello stesso produttore sono sempre disponibili in aggiunta al fatto che la dissipazione è tarata sul TDP del processore, sapendo che puoi montare al massimo 25W di CPU la scelta è presto fatta.

Ti assicuro che è un problema piuttosto concreto, soprattutto quando vengono venduti portatili che sono già al limite.
Sarà che oramai i 15" praticamente non li guardo neppure, ma sigli altri se vuoi un po' di potenza il problema del calore è già evidente con la configurazione di base.

Oltretutto, visto il costo al dettaglio di questi processori, se non si ha un notebook di fascia alta, si fa prima a comprarne uno nuovo e al più rivendere il vecchio.
djfix1310 Aprile 2013, 14:13 #7
Originariamente inviato da: calabar
Ti assicuro che è un problema piuttosto concreto, soprattutto quando vengono venduti portatili che sono già al limite.
Sarà che oramai i 15" praticamente non li guardo neppure, ma sigli altri se vuoi un po' di potenza il problema del calore è già evidente con la configurazione di base.

Oltretutto, visto il costo al dettaglio di questi processori, se non si ha un notebook di fascia alta, si fa prima a comprarne uno nuovo e al più rivendere il vecchio.


faccio questo mestiere da 10 anni e conosco perfettamente la cosa...cmq non credo di aver mai cambiato processori a pc economici; generalmente pc sui 700-900 euro meritano un investimento dopo 3-4 anni di 120 euro.
in più per testimoniare la cosa:
l'i5-430M che montavo raggiungeva una media di 50-60°C normalmente (difatti mi sembrava un po' anomalo) cambiato con l' i7-640M (sempre 25W TDP) la gestione energetica è migliorata (oltre che aver migliorato mettendo una pasta termica migliore) mi danno 44° medi, 60° a piena potenza.
c'è da dire cmq che non è da tutti smontarsi un portatile per fare l'upgrade.
io lo faccio anche per passione e quindi scelgo componenti e materiali testati più e più volte.
marchigiano10 Aprile 2013, 14:25 #8
ci hai speso soldi e tempo per guadagnare 500mhz di frequenza e 1mb di cache... conviene se devi farlo far fare a un tecnico?
calabar10 Aprile 2013, 14:57 #9
@djfix13
Chiariamoci... non ho detto che sia inutile, e se fatto con criterio si può fare, anche se non sempre c'è convenienza.
Nel tuo caso 120 euro spesi su un pc che oramai vale forse la metà di quanto l'hai pagato non è poco e non ti cambia davvero la vita, io in genere preferisco conservare quei soldi per il prossimo, così aggiorno tutta la piattaforma e ho un computer in più. Immagino che poi ognuno si faccia i propri calcoli.

Ciò che intendo dire è che quanto hai fatto tu riguarda forse l'1% dell'utenza, e in questo caso chi produce cerca di valutare vantaggi e svantaggi: conviene scontentare questa piccola parte di utenza per poter avere i benefici di compattezza ed efficienza di una soluzione BGA?
Oltretutto si tratterà di uno scontentare in parte, perché le soluzioni su socket mi pare di capire che continueranno ad essere prodotte.
djfix1310 Aprile 2013, 18:09 #10

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^