Core, dimensioni della cache e die nelle CPU AMD Ryzen 5

Core, dimensioni della cache e die nelle CPU AMD Ryzen 5

Per ottenere versioni di processore a 6 e 4 core per la famiglia Ryzen 5 AMD è intervenuta disabilitando alcuni dei core, ma in un caso anche agendo sul quantitativo di cache L3 a disposizione

di pubblicata il , alle 08:14 nel canale Processori
RyZenAMD
 

AMD ha recentemente annunciato il debutto commerciale, a partire dal prossimo 11 aprile, dei primi processori della famiglia Ryzen 5 caratterizzati da architettura a 6 e 4 core. Saranno 4 i modelli inizialmente proposti, con frequenze di clock e specifiche tecniche che sono riportate nella tabella seguente.

CPU

Core Threads Clock Turbo max L3 TDP Prezzo

AMD Ryzen 7 1800X

8 16 3,6GHz 4GHz 16M 95W $499
AMD Ryzen 7 1700X 8 16 3,4GHz 3,8GHz 16M 95W $399

AMD Ryzen 7 1700

8 16 3GHz 3,7GHz 16M 65W $329
AMD Ryzen 5 1600X 6 12 3,6GHz 4GHz 16M 95W $249
AMD Ryzen 5 1600 6 12 3,2 GHz 3,6 GHz 16M 65W $219
AMD Ryzen 5 1500X 4 8 3,5 GHz 3,7 GHz 16M 65W $189
AMD Ryzen 5 1400 4 8 3,2 GHz 3,4 GHz 4M 65W $169

Tutte queste CPU, lo ricordiamo, sono dotate di moltiplicatore di frequenza sbloccato per facilitare l'overclock e sono abbinate a tecnologia SMT che permette loro di gestire sino ad un numero massimo di threads contemporanei che è pari al doppio dei core fisicamente installati.

Le CPU Ryzen 5 sono derivate da quelle Ryzen 7, in quanto AMD al momento attuale sviluppa un unico die per questi processori costruito affiancando due CCX, cioè CPU Complex, ciascuno dotato al proprio interno di un massimo di 4 core. Disabilitando alcuni dei core in ciascun CCX AMD può ottenere differenti versioni di processore Ryzen, ed è quello che ha fatto per implementare il numero di core inferiore a 8 delle proposte Ryzen 5.

Le CPU Ryzen 5 1600x, 1600 e 1500X sono tutte dotate di cache L3 da 16 Mbytes di capacità, al pari di quanto integrato nelle proposte Ryzen 7 con architettura a 8 core. Per il modello Ryzen 1400 troviamo invece una significativa differenza, data dalla cache L3 pari a soli 4 Mbytes. AMD è quindi intervenuta disabilitando alcune delle porzioni della cache L3 integrata nella CPU, oltre ovviamente scegliendo di disabilitare uno o due core per ogni CXX rispettivamente per le declinazioni di processore Ryzen 5 a 6 e 4 core.

Sarà interessante verificare quale impatto sulle prestazioni si registrerà dall'aver ridotto da 16 a 4 Mbytes la capacità della cache L3 nella CPU Ryzen 5 1400 rispetto alle altre proposte della famiglia, ma per capire questo dovremo attendere ancora le settimane che ci separano dal debutto commerciale di queste nuove proposte.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

28 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
cata8117 Marzo 2017, 09:01 #1
Sono l'unico che si aspettava meno core e frequenze più alte?
xage17 Marzo 2017, 09:18 #2
SI. come potevi immaginarlo se ryzen, come ormai gia noto, soffre frequenze alte? ovvio che i 6c e 4c saranno dei abomini di CPU
Axel.vv17 Marzo 2017, 09:21 #3
Anche io riflettevo su questo aspetto, e speravo in frequenze più alte, però a pensarci bene, a differenza di Intel, che ha due piattaforme diverse (1151 e 2011), AMD deriva queste CPU tutte dallo stesso core. Forse non ha aumentato le frequenze in parte per non farsi concorrenza da sola, ed in parte perché gli R5 derivano da pezzi di silicio meno riusciti e che quindi non salgono in frequenza. Oppure, più semplicemente, questa architettura con l'attuale affinamento del processo produttivo, richiederebbe una tensione troppo alta per aumentare convenientemente la frequenza.
andbad17 Marzo 2017, 09:24 #4
Originariamente inviato da: cata81
Sono l'unico che si aspettava meno core e frequenze più alte?


Io credo che queste frequenze siano più o meno il massimo ottenibile con il silicio, a meno di calare con efficienza (sia di consumi che produttiva). Tant'è che nemmeno Intel si sposta da anni molto oltre. Ci arrivò più o meno già ai tempo del P4, con tutt'altre prestazioni certo, ma non vedo molto margine di miglioramento per le frequenze.
Guardacaso, l'HT (l'SMT per AMD) Intel lo aveva già implementato proprio nel P4 (per sopperire all'architettura votata proprio all'elevata frequenza). AMD ci arriva quasi 20 anni dopo. C'hanno dovuto lavorare parecchio, mi sa.

By(t)e
Cappej17 Marzo 2017, 09:26 #5
io credo siano tutte più o meno le stesse CPU con core e cache disabilitata a livello hardware... praticamente producono una sola CPU...
Costi ridotti all'osso..
tarabas217 Marzo 2017, 09:28 #6
SI. come potevi immaginarlo se ryzen, come ormai gia noto, soffre frequenze alte? ovvio che i 6c e 4c saranno dei abomini di CPU


Su qualunque rivista specializzata, anche quelle pagate da Intel, le CPU RYZEN risultano essere ottime sia per prezzo che prestazioni ma se xage dice che sono abomini sarà così, ne avrà fatti di test lui ahahahahahahah. Le cavolate non mancano mai.
Mparlav17 Marzo 2017, 09:34 #7
Originariamente inviato da: xage
SI. come potevi immaginarlo se ryzen, come ormai gia noto, soffre frequenze alte? ovvio che i 6c e 4c saranno dei abomini di CPU


Davvero abominevoli

Link ad immagine (click per visualizzarla)
greyhound317 Marzo 2017, 09:58 #8
ok quindi gia ora é possibile dare un accurata stima delle prestazione degli r5 semplicemente disabilitando i core degli r7...
a quando un test del genere?
fraquar17 Marzo 2017, 10:24 #9
Quindi alla fine della fiera di tutta la lineup Ryzen resta il solo 1700 acquistabile.
gridracedriver17 Marzo 2017, 10:25 #10
Originariamente inviato da: xage
SI. come potevi immaginarlo se ryzen, come ormai gia noto, soffre frequenze alte? ovvio che i 6c e 4c saranno dei abomini di CPU


mi chiedo ancora perché ti diano il diritto di sparare minkiate sul forum

Originariamente inviato da: andbad
Io credo che queste frequenze siano più o meno il massimo ottenibile con il silicio, a meno di calare con efficienza (sia di consumi che produttiva). Tant'è che nemmeno Intel si sposta da anni molto oltre. Ci arrivò più o meno già ai tempo del P4, con tutt'altre prestazioni certo, ma non vedo molto margine di miglioramento per le frequenze.
Guardacaso, l'HT (l'SMT per AMD) Intel lo aveva già implementato proprio nel P4 (per sopperire all'architettura votata proprio all'elevata frequenza). AMD ci arriva quasi 20 anni dopo. C'hanno dovuto lavorare parecchio, mi sa.

By(t)e


non ci arriva 20 anni dopo perché ci hanno lavorato parecchio, è una semplice scelta architetturale.

ne esistono 3:

CMP : cluster multi processor, ad esempio "Stars" dove ogni core è composto da 1 int ed 1 fpu → 4c/4t
CMT : cluster multi thread, "Bulldozer" dove ogni modulo è composto da "core" 2 int ed 1 fpu che lavora in SMT (è condivisa tra i 2 core int) → 8c/8t
SMT : simultaneous multi thread, "Zen" dove ogni core è composto da 1 int ed 1 fpu è tutto il core insieme lavora in SMT → 8c/16t

nei carichi MT nel primo caso ha +100%, nel secondo caso +70~80%, e nel terzo +30~40%

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^